gli acquerelli di Gilardoni — dipingere con l'acqua
Menu

Bicocchin de fantasii

Girotondo di fantasie

A Edoardo Bossi e Paola Cavanna per averla scatenata dai banchi del Circolo Filologico Milanese. A Maurizio che ha accettato con la consueta pazienza questa improvvisa passione

Piccola premessa
Detto senza presunzione questo non è un libro per tutti.
Questo non è un libro da scorrere in un fiato rincorrendo le pagine alla ricerca di una storia.
Questo è il libro dei pensieri che girano in testa e che hanno finalmente trovato nella lingua Milanese il loro sbocco, perché alcune “nostre” espressioni tipiche, alcune arcaiche parole, alcuni detti ancora usati quotidianamente spesso mi hanno aiutato ad esprimere con più efficacia le mie sensazioni.
Questo è il mio libro.
Simonetta Caligara

I

Ròbb de famiglia. Rime e versi sciolti che traggono spunto dalla vita quotidiana …vista attraverso gli occhiali della fantasia…

Girotondo di fantasie

Puoi scaricare il racconto e leggerlo con calma

A spasso sull’autobus
Che strana idea quella di visitare Milano
come un turista sull’autobus a due piani.
E’ bello, lucido, rosso come quelli inglesi,
si parlano tutte le lingue tranne il milanese.
La musica nelle cuffie è roba buona:
Marenco e Verdi che suonano alla Scala.
Una voce impostata che racconta la storia
di una vecchia Milano perduta nella memoria.
Di là a destra un tempo c’era …
A sinistra si vede un’altra antichità
soffocata da un paio di palazzi
con quattro motorini a nascondere la piazza.
Il sole si intristisce dietro le nuvole
un venticello subito si arrabbia,
qualche foulard svolazza come una cometa
dentro di me risuona una vocina.
“Prenditi una pausa da questa lezione trita e ritrita!!!
Pensa alla “Passeggiata” di Chagall
dove lei sta in cielo tutta di traverso
e gode del riflesso dell’amore di lui…”
Così mi involo sopra Milano
lontana dalla calca e dal baccano.
Vicino al suolo Milano è sempre indaffarata
ma da quassù si vede la storia stampata
anche nei luoghi tirati giù da una guerra cattiva
o dal volere di un urbanista stronzo con la sua ruspa.
Il Naviglio Grande scorre bello baldanzoso,
il fumo di una strega bruciata soffoca minaccioso,
9
Bicocchin de fantasii
A spass sul buss
Che strana idèa de visità Milan
turista sora l’autobuss a duu pian.
L’è bèll, lustrent, ross m’el stil ingles,
se parla tutt’i lingu asca ch’el milanes.
La musica in di orègg l’è ròba bòna:
Marenco e Verdi che de la Scala sòna.
Vos impientada che cunta sù la stòria
d’on vegg Milan perduu ne la memòria.
De là a la drizza on temp chi gh’era …
A manzina se ved ‘n’altra andeghera
soffegada da on para de palazz
con quatter motorètt a scond el spiazz.
El sô dedree di nivoll se ingnecchiss
el Scior Ventura prònti se inrabiss,
on quai panètt sgoratta ‘me comètta,
dedent de mì reciòcca ona vosètta:
De ‘sta lezion masnada toeu intervall!!!
Pensa a la “Passeggiada” de Chagall
doe lee la sta là in ciel tutta de sbièss
e de l’amor de lù subiss riflèss …
Inscì me libri in vol sora Milan
lontana de la calca e del baccan.
Arent a tèrra Milan l’è pesg che in prèssa
ma de chì sù se ved la “storia” imprèssa
anca in di sit traa giò de guèrra mala
o de urbanista sciòtt con la soa pala.
El Grand Navili scorr bèll baldanzos,
fumm de ‘na stria tarnega minaccios,
10
Girotondo di fantasie
al Bottonuto tre ubriachi barcollano
sordi all’invito dell’ultima prostituta;
girato l’angolo una processione di devoti
o forse no: sono quelli del Quarantotto!
Dietro un reliquiario o dietro ad un caporione
c’è sempre l’occasione per mettere insieme gente.
Milano prende fuoco, come una polveriera.
Fa e disfa sempre volentieri.
Austriaci alle Porte per incassare tasse…
cambiano le divise ma l’obiettivo è quello!
Il vento si calma e svanisce l’effetto…
e in silenzio ritorno al mio posticino.
La storia di Milano bruciata alla svelta
indaffarati a voltare il capo per una sbirciata.
E di questa brevità un po’ mi dispiace
resta a buon conto di questo giorno un bel ricordo.
11
Bicocchin de fantasii
al Bottonuto trii gainatt bicòcca
sord a l’invid de l’ultima baltròcca;
voltaa el canton ‘na cattafira de paolòtt
o fòrsi nò: hinn quèi del Quarantòtt!
Dedree de on reliquari o on caporion
de mètt insèma gent gh’è l’occasion.
Milan el ciappa foeugh, ‘me polverera.
Le fa e le dèsfa semper volentera.
Tognitt ai Pòrt per incassà gabèll …
muda i montur ma l’obiettiv l’è quèll!
El vent se quiètta e se svaniss l’effètt…
e citto torni indree lì al mè scagnètt.
La stòria de Milan svèlta brusada
in truscia a voltà el coo per ‘na sbirciada.
E se de ‘sta curtèzza on poo rimòrd
resta a bon cunt del dì on bèll regòrd.
12
Girotondo di fantasie
Non più… non più more…
Era un College in campagna
per dei ragazzi vivaci una cuccagna
Le more sugose disegnate sull’insegna
erano di buon augurio la mattina
Il gruppo di studio era di dieci
eravamo lì per imparare l’inglese
Intorno a noi prati e sentieri
sembravano fatti apposta per corrersi dietro;
sei ragazzine e quattro ragazzotti
al pomeriggio a saltare tra i fossi.
Facevamo finta di andare a far spesa
e poi raccoglievamo more nei roveti
Frasi pronunciate in qualche modo,
quante risate anche senza nazionalità.
“Your name, my name” basta così
cosa c’è da capire nei giochi dei bambini?
Forse perché sopra il sorriso
già spuntava un ombra di baffetti
si dava arie da sbarbato
e sapeva di essere bello …
Un giorno ci perdiamo per una stradina…
era destino o l’abbiamo pilotato?
“my baby..non more than this”
mi ha detto sottovoce con un sorriso.
13
Bicocchin de fantasii
No more… nò mòr…
L’era on “College” in la campagna
per fioeu viscor ona cuccagna.
I mòr giusent sora la ventolina
eren de bon auguri a la mattina.
El ròsc de studi l’era de des:
serom lì a imparà l’ingles.
Intorna a numm praa e sentee
pròppi faa appòsta per corres adree;
ses sgarzolinn e quatter balòss
el podisnà a saltà in di fòss.
Fasevom mostra de andà a provved
ma i mòr cattavom in di roved.
Fras farfojaa in d’ona quai manera,
quanti ridad anca senza bandera.
“Your name…my name…” l’è assee inscì:
di gioeugh de fioeu se gh’è de capì?
Fòrsi perchè sora el sorris
gh’era ombria già di barbis
se dava ari de sbarbatèll …
lù l’el saveva de vèss bèll…
On dì se pèrdom per ona streccioeura …
l’era destin o l’emm cattaa foeura?
“my baby..no more than this..”
l’ha dii sòtt vos col sò sorris.
14
Girotondo di fantasie
Che fosse inglese, tedesco o francese,
guardandoci negli occhi ci siamo capiti.
“Calma, ragazzina, vieni qui vicino,
mi accontento solo di un bacino”.
E poi, leggero, come una timida farfalla,
ha appoggiato le labbra dolci e morbide,
sul mio viso altrettanto appiccicoso
per le tante more gustate con avidità.
Che vergogna…. Che rossore…
Ma è stato il mio primo amore!
Adesso che lo mastico un po’ di più
l’inglese lo uso per stare al passo
con la modernità e cosi, ostinata,
ho finalmente trovato quella cascina.
Il sentierino è stato asfaltato
e le more sono secche, soffocate.
C’è una villetta circondata da fiori
che stanno ben ordinati come soldati in parata.
Rimane solo il nome come un fantasma
del mio roveto di quella estate lontana.
15
Bicocchin de fantasii
Ch’el fuss ingles, todèsch o frances,
oeugg in di oeugg se sèmm intes.
“Quiètta, tosètta, vègn chì visin:
me fa content domà on basin.”
E poeu legger, parpaj schivios,
l’ha poggiaa i laver dolz e mostos,
sora el mè mus istèss pattaccaa
di tanti mòr smaniosament gustaa.
Che vergògna…che rossor …
ma l’è staa el mè primm amor!
Adèss che’l biassi on poo pussee
l’ingles le doeuvri per stagh adree
a la modernità e inscì, ostinada,
quèlla cassina hoo infin trovada.
Quèll sentiroeu l’è staa asfaltaa
e i mòr hinn sècch, tucc tarnegaa.
Gh’è ona villètta de fior ben contornada:
drizz ‘me marmittoni in la parada.
Rèsta domà el nòmm a fà da giubbiana
del mè roved de quèlla estaa lontana.
16
Girotondo di fantasie
Bellezza in prova
Anche quest’anno siamo alla vigilia delle ferie …
mi spalmo di una poltiglia portentosa
che promette duemila meraviglie
sicché è giusto che sia costosa.
In men che non si dica ti da colore
ti distende le rughe dell’età,
mescolanza di un olio valido contro le scottature
e del veleno succhiato dalle povere vespe.
Sdraiata in mezzo al prato in compagnia
adagio e in silenzio vedo gli altri alzarsi:
se uno deve stendere la biancheria
l’altro deve fare una versione di Omero!
Moscerini, libellule, farfalle, api e formiche
è tutto un fuggi-fuggi indemoniato,
mi sembra di essere relegata in un angolo per castigo,
perfino il gatto scantona intossicato.
Puzzolente come una gallina bruciacchiata
non ne ho proprio colpa di questa puzza:
mi hanno detto che la fragranza era “fiorita”
e chi me l’ha venduta era un dottore!
Solita battaglia tra le nuvole dell’estate:
tuoni e fulmini e poi un grande acquazzone
e io sono qui con l’asciugamano attaccato
e sembro impanata nella colla.
In lontananza risuonano le risate:
spettacolo gratuito per i miei vicini!
Io mi agito, come un diavolo,
loro si divertono nascosti dietro le tendine.
17
Bicocchin de fantasii
Bellèzza in proeuva
Anca quèst ann di feri l’è vigilia..
me impalti de mantècca portentosa
che la promètt dòmila mirabilia
sicchè l’è giusta che la sia costosa.
In men de quèlla la te da color,
te slonga foeura de l’età i tò crèsp,
mès’cia d’on òli bon contra el brusor
e d’on velen scisciaa di pòver vèsp.
Sternida in mèzz al praa in cottaria
adasi e citto je vedi levà sù:
se vun gh’ha de destend la biancheria
on alter gh’ha l’Omero de tradù!
Moschin, guggèll, parpaj, avi e formigh
l’è tutt on sarasara indemoniaa,
me par de vèss fognada per castigh,
financa el gatt scantona tossegaa.
Spuzzenta ‘me pollanca scarbontida
mì ghe ne impòdi minga de ‘st’ odor:
m’hann dii che la fragranza l’era “fiorida”
e chi me l’ha venduda l’è on dottor!
Sòlit scombatt di nivoll de l’estaa:
tron e lusnad e poeu ‘na gran lusciada
e mì son chì col sugamann taccaa
che pari in de la còlla imboraggiada.
In lontananza sgavasciad reciòcca:
rècita a gratis per i mè vesinn!
Mì me sforaggi, compagna de on pedòcca,
lor fann cuccagna quattaa dedree i tendinn.
18
Girotondo di fantasie
Scivolano le gocce in mille e più rivoli
ma poi il sole scioglie questa paraffina
e per merito di quel Santo che non fa inganni
la pelle rimane proprio molto morbida.
Lentamente la mia ombra si allunga,
mi incammino verso casa ma il passo è trascinato,
quasi una moderna strega avesse fatto un incantesimo.
L’ultimo sorriso del sole però regala bronzo!
Che sia stata una magia oppure suggestione
ma io davvero sono tutta abbronzata,
ho la carnagione di una mulatta.
Gente senza fede…la prova è riuscita!
19
Bicocchin de fantasii
Scarliga i gott in mila e pù riann
ma poeu deslengua el sô ‘sta paraffina
e per quèll Sant che fa minga d’ingann
la pèll l’è pròppi tanto moresina.
Liron liran se slonga la mia ombria,
me moeuvi vèrs la cà ma ‘l pass l’è slonz,
squas ingermaa de ‘na moderna stria.
L’ultim sorris del sô però ‘l regala bronz!
Sia staa on striòzz oppur ‘na suggestion
ma mì de bon son tutta colorida,
de ona mulatta gh’hoo la carnagion.
Gent senza fed…la proeuva l’è reussida!!!
20
Girotondo di fantasie
Nostalgia
In questi anni che il tempo si è rosicchiato
(e mi dispiace che siano volati così in fretta)
ho avuto tre cani al mio fianco
diversi tra loro come il bianco col nero.
Mi hanno voluto bene e subito accettata
leziosa da ragazzina e poi, da sposata,
tra lavoro e figli impegnativi da gestire,
indaffarata ma disponibile.
Comunicavamo spesso e con l’abbaiare
mi facevano capire i loro desideri.
Ma la conversazione, quella vera, avveniva attraverso gli occhi:
lo sguardo pacioccone dei due lupi – pastori
o quello del beagle tanto appassionato
che mi faceva passare tutti i problemi.
Occhi spalancati quasi da presa in giro
menefreghisti al cospetto dei miei molli rimbrotti.
Occhi smaniosi per la pappa scodellata
o pieni di pazienza per un’uscita abbreviata.
Occhi piagnucolosi nell’ultimo giorno,
ed è stato lo stesso per tutti e tre,
quando la morte bussava alla porta
con il mio cuore stretto come in un guscio di noce.
Mentre la siringa iniettava il veleno
con i loro occhi ancora mi ringraziavano
per il fatto di liberarli finalmente
dagli spasimi dolorosi della malattia.
Forse se non mi avessero così svuotata
e talmente tanto asciugata nei sentimenti
potrei anche pensare ad un altro cane
ma oggi non sono ancora argomenti da tirare in ballo.
21
Bicocchin de fantasii
Nostalgia
In di stagion che’l temp s’è rosegaa
(e me rincrèss che s’hinn a svèlt sgoraa)
gh’hoo avuu trii can al mè fianch
different tra lor ‘me’l negher e’l bianch.
Lor m’hann voruu ben e subet accettada
sninfia de pivèlla e poeu, da maridada,
tra laorà e fioeu straccapadron,
infolarmada o de comand bon.
Comunicavom sovenz e col boià
me faseven intend i volontà.
Ma la conversazion, la vera, l’era travèrs l’oggiada:
la bòmbasona de i duu loff pastor
o quella del bracchètt tant passionada
che mì imboscavi via tutt i dolor.
Oeugg sbarattaa squas de lifròcc
meninpippa ai mè slòffi reciòcch.
Oeugg smanios per la sbòbba minestrada
o pien de pazienza per ‘na sortida scortada.
Oeugg magonent ne l’ultim dì,
e l’è staa istèss per tutt e trii,
quand che la mort piccava a l’uss
cont el coeur strengiuu in on guss.
Intant che la siringa tossegava
cont i sò oeugg anmò me ringraziava
de liberal infin e a la bonora
di spasim besios de la malora.
Forsi se m’avèssen nò inscì svoiada
e in di s’gigottament talment sugada
podaria anca pensà a on alter can
ma incoeu hinn minga ròbb de tirà a man..
22
Girotondo di fantasie
L’ultima recita del Grigio
Il teatro è pieno solo per metà
ma già il mio cuore vorrebbe sbraitare.
Un bisbiglio lontano ripete un vecchio motivo
ed io sono piena di rabbia e disperata.
Mi vengono in mente spettacoli del passato
quelli che questa gente non ricorda più,
quando era il primo-attore in auge
e regalava a tutti divertimento.
Poco per volta si presentano all’ingresso,
come se fosse un’improvvisata dell’ultimo minuto,
conigli timidi e pieni di ritegno,
oppure a schiena dritta come un pezzo di legno,
se ne stanno in fondo per farsi notare meglio
o per far finta di essersi ricordati di lui.
Un segnale del Direttore: tutti in silenzio,
qualcuno abbassa per davvero gli occhi
e qualcun altro si soffia il naso.
Il repertorio è sempre lo stesso:
le parole sono biascicate
si replica d’istinto ma senza coraggio
poi c’è la scena delle comparse ossequiose
che lo descrivono, lui, il grande assente,
le solite frasi lagnose e commoventi …
Recitano gli adulatori che ieri parlavano alle sue spalle
e che oggi si sfogano applaudendo.
Fuori c’è chi piange e chi sorride
ma in fretta organizzano un pranzetto tra amici.
Il Funerale del “Grigio” è finito
con tanti leccapiedi e pochi amici
23
Bicocchin de fantasii
L’ultima rècita del Gris
El Teater l’è pien domà a metà
giammò el mè coeur el voraria sbraggià.
On cicciorin lontan ripètt veggia sonada
ma mì me senti rabbiosa e desperada.
E tiri a man spettacol del passaa
quèll che ‘sta gent l’ha già desmentegaa,
quand l’era el padernòbil del moment
e regalava a tucc divertiment.
Dent per dent comparissen a l’ingrèss
‘me fuss ‘n’improvvisada fada adèss,
conili timid e pien de ritègn
o bèi drizz come on tocch de lègn
lor stann in fond per fàss mèj notà
o per fà mostra de vèsses regordaa.
On sègn del Direttor: tucc padimaa,
i oeugg qaivun de bon el sbassa
e on quai alter el nas el se strapazza.
El repertòri l’è puttòst triaa:
e i paròll sortissen fustusciaa
se rebècca de istinto ma schivios
poeu gh’è la scènna di figurant ossequios
che cunten sù de lù, el grand assent:
i sòlit robb cilapp de sentiment…
Recita i loggidor, ier tajapagn
che incoeu se sfoghen cont i battiman.
Foeura chi luccia e chi troeuva on sorris,
ma combinen a svèlt on pacciarin tra amis.
El funeral del Gris l’è terminaa
con tanti leccapee e pòcch amis giuraa.
24
Girotondo di fantasie
Un vecchio ballo
Arriva da lontano una musichetta
e lei le sta dietro con padronanza,
butta di slancio il suo bastone
comincia a volteggiare con eleganza.
Lui si stupisce e scuote un po’ il capo,
testa di neve in questo agosto di sole,
con un velo sugli occhi si confonde un pochino
ma quelle gambette sono sempre un gioiello.
Le va incontro con la mano rovesciata
un vero invito alla danza come ai tempi passati,
la abbraccia che quasi me la rivolta
la porta in tondo con un soffio di fiato.
E c’è una dolce intesa tra di loro
che mi provoca commozione e tanta tenerezza,
un vecchio desiderio le infonde vigore
tanto da riuscire veramente in questa prodezza.
Li osservo attentamente con il cuore in ansia
il rischio di qualche inciampo mi da paura,
ma non voglio fargli cambiare la scena,
e spezzare il bell’incanto.
In tre minuti la loro canzone svanisce,
come una bolla di sapone trasparente,
vorrei soffiare sopra la schiuma
per mantenere questa situazione infiammata
ma lei si appoggia, stanca, alla sedia
e all’improvviso lui si ricorda
che nonostante questa voglia che sale
le estati passate sono quasi cento.
25
Bicocchin de fantasii
On ball antigh
La riva de lontan ‘na musichètta
e lee la ghe va ‘dree con padronanza,
la s’giacca giò d’on bòtt la soa giannètta,
la tacca a volteggià con eleganza.
Lù ‘l se stupiss e poeu scorliss el coo,
s’ciòssa de nev in quèst’agost de sô,
col vèll sui oeugg el se sconfond on poo
ma quèi gambètt hinn semper on bisgiô…
La ghe va incontra con la man rovèrsa,
on ver invid al ball ‘me on temp andaa,
la brascia sù che squasi me la inversa,
la mèna in strusa cont on boff de fiaa.
E gh’è ona dolza intesa tra de lor
che me fa s’cèss e tanta tenerèzza,
‘n antiga voeuja la ghe infond vigor
tant de reussì de bon in ‘sta prodèzza.
Je lumi fissa cont el coeur in pèna
el ris’c d’on quai scapusc me da paura,
ma voeuri minga fagh mudà la scèna,
e fà a tocchèi la bèlla ingermadura.
In trii minutt la lor canzon la sfuma,
compagna de ona gèmma trasparenta,
mì voraria boffà sora la s’ciuma
per mantegnì ‘sta condizion foghenta,
ma lee se pòggia, stracca, a ‘na cadrega
e all’improvvista a lù ghe vègn a ment
che amalasant ‘sta voeuja che rampega
i estaa passaa, purtròpp, in squasi cent.
26
Girotondo di fantasie
Note e parole così, senza pretese,
due rime baciate scolpite nella memoria,
vecchia canzone d’amore e di ciliege,
il primo gradino della loro bella storia.
Si accorciano le giornate e presto arriva sera,
spengo la radio, la musica tace,
lui, sottovoce, ripete il ritornello,
con un sorriso carico di sentimenti.
27
Bicocchin de fantasii
Nòt e paròll, inscì, senza pretes,
dò rimm basaa scolpii ‘n de la memòria,
vèggia canzon d’amor e de scires,
el primm basèll de la soa bèlla stòria.
Se scurta i ari e prèst riva la sera,
smòrzi la radio, la musica la tas,
lù de sòttvos ripètt la tiritera,
cont on sorris de sentiment aras.
28
Girotondo di fantasie
Sabato di giugno
Sabato di giugno. Estate dietro alla porta.
Arriva l’influsso di una corrente atlantica.
Le nuvole fanno a gara in sfumature,
quella nera, gonfia, vince sempre
e poi, soddisfatta della vittoria,
si strizza e … giù un bell’acquazzone.
Il sole, se c’è, splende con forza
così che il prato è di un bel verde “Irlanda”.
E’ questa l’ erba che ispira rime baciate
non quella secca con le foglie macinate ….
Una merla indaffarata attraversa il prato a zig zag
nel becco un vermiciattolo e un filo di paglia.
Il gatto di casa la punta nascosto dietro un vaso
ma lei, di slancio, gli scappa sotto il naso.
Lui resta li come stampato in un’illustrazione
intanto che alza la zampa al cielo.
Verso le cinque arriva uno sciame goloso….
hanno un appuntamento con le mie superbe rose:
vorrebbero rispetto per i loro petali ma
nonostante tutto offrono i loro stami.
Questo dell’ape è un lavoro discreto,
è invece il vento che soffia dal Ticino che manca loro di rispetto!
Un vortice di briciole colorate
e sembra di essere ancora a Carnevale.
Ricomincia la gara tra le nuvole
e in quattro e quattro otto tutto si inzuppa.
Ti saluto mie care bistecche alla griglia,
nuotano senza speranza i pezzi di carbonella..
29
Bicocchin de fantasii
Sabèt de giugn
Sàbet de giugn. Estaa depos a l’uss.
De ‘na corrent atlantica riva l’influss.
I nivoll fann a gara in di nuanz,
la negra s’cionfa semper l’è denanz
e poeu, de la vittòria sodisfada,
se stòrg e…giò ‘na grand dacquada.
El sô, s’el gh’è, sbarloeuggia con vigor
inscì che’l praa d’Irlanda gh’ha el color.
Quèsta l’è l’èrba che ispira rimm basad
minga la sècca cont i foeuj masnad.
‘Na merla tutt’in truscia la sghimbiètta
nel bècch on vermisoeu e ona pajètta.
El gatt de cà sguaita dedree ‘n vas
ma lee, de slanz, ghe scappa sòtta al nas.
Lù rèsta lì, inciostraa ‘me in ona stampa,
intant che al ciel el leva la sò sciampa.
Vèrs i cinqu or riva on bisoeu golos …
gh’hann on pontèll cont i mè ros borios:
ossèqui vorarien per el fioramm
amalasant offrissen i sò stamm.
Quèst chì de l’ava l’è on laorà discrètt
ma l’è ‘l tesin che boffa che’l manca de rispètt!
On vortis de freguj acquarellaa
e par de vèss anmò in del Carnevaa.
Tacca de noeuv tra i nivolon la gara
e quatter e quatter vòtt tutt se masara.
Te saludi mè car bistècch in grèlla,
noeuden perduu i tòcch de carbonèlla.
30
Girotondo di fantasie
“Stasera pastasciutta” in casa, tutti chiusi dentro,
calze, maglia e anche gilet.
Nel frattempo le lumache pasteggiano a zucchine
e ciucciano le piantine come se fossero spaghetti…
Sabato di giugno. L’estate è ancora lontana
e per fortuna non è Santa Bibiana.
(detto popolare: il tempo che fa a Santa Bibiana sarà lo stesso per 40 giorni e una settimana)
31
Bicocchin de fantasii
“Stasera pastasuccia!” in cà, tucc saraa sù,
calzètt, maja e gilé dessorapù.
Intanta i lumagòtt pasteggien a zucchètt
e sciscien i piantinn compagn di mè spaghètt.
Sabèt de giugn. L’estaa l’è anmò lontana
e per fortuna l’è nò Santa Bibiana!
32
Girotondo di fantasie
Parapendio
Rondine, nibbio o aquila maestosa
si strugge talmente tanto l’uomo per le vostre ali
che L’Icaro e la storia dolorosa
del suo volo bruciato e di come è andata a finir male
sono sempre citati come una sfida.
E chi, per sua natura, vuole rischiare
sempre tiene ben presente quella sua uscita:
va incontro alle novità con un po’ di batticuore.
Arriva Leonardo con i suoi progetti
ma erano forse troppo innovativi
e così le sue idee sono rimaste come bozzetti
per qualcuno che avesse nuove capacità per realizzarle
Da poco la NASA ha sperimentato i suoi disegni
per rientrare dallo spazio e fare meno errori…
non certo per soddisfare l’appetito o il piacere
di un uomo che da sempre sogna di volare.
Con la grandezza tipica di un paio di francesi
oggi quel sogno si è concretizzato:
a una struttura solida hanno sospeso
un’ala che scivola come seta.
Lascia pure le tue preoccupazioni nel cassetto,
tranquillo e senza pretese (nell’800 tre lire erano un ottimo stipendio…),
prendi la rincorsa da questa bella collina
spalanca le braccia che ti sostiene il vento.
Sotto a te il mondo è piccolino
e con una giusta virata
gli schiaffi dell’aria ti sembreranno “buffetti”
quasi carezze di una mamma premurosa.
33
Bicocchin de fantasii
Parapendio (a Luciano 29 luglio 2016)
Rondena, nibbi o aquila maestosa
se struzzia l’òmm talment per i vòs al
che l’Icaro e la stòria dolorosa
del vol brusaa e come l’è andaa mal
hinn semper tiraa a man come ‘na sfida.
E chi, per soa natura, ris’cià el voeur
semper le tègn a ment quèlla sortida:
va incontra ai noità con batticoeur.
Riva el Leonardo cont i sò progètt
ma gh’era fòrsi tròppa innovazion
inscì i sò idèi hinn restaa lì sbozzètt
per on quaivun de noeuva cognizion.
L’altrer la Nasa l’ha saggiaa i sò schizz
per tornà indree del spazzi e men fallà….
minga per scoeud petitt o sghiribizz
de on òmm che semper sògna de volà.
Con la grandoeur de on para de frances
incoeu quèll sògn l’è staa voltaa in moneda:
a la struttura salda gh’hann sospes
on’ala che scarliga al par de seda.
Lassa pur i tò cruzzi in del cassètt,
pacifich ‘me on trèlira del Vòttcent,
ciappa la corsa de ‘sto bèll dossètt
sbaratta i brasc che te sostègn el vent!
Sòtta de tì el mond l’è piscinin
e cont ona virada giudiziosa
i slèpp de l’aria paren pattonin
squas di carèzz de mama premurosa.
34
Girotondo di fantasie
Dicevano “paura, vertigini e intontimento”
Frottole: di tutto questo assolutamente nulla!
Piuttosto ti crescerà di nuovo quella sensazione
di quando ti sei innamorato la prima volta.
Amore di mamma, passione di un’innamorata…
lampi di giorni incastonati nel ricordo
riaffiorano in fila precisi
ma tutti ottimi, senza graduatoria.
Amore per la libertà, passione costosa,
per ottenerla a volte bisogna soffrire
ma oggi è una giornata generosa
senza obblighi né rogne da far fuori.
Svolazza ancora un poco con i falchetti,
incrocia poi le correnti per la discesa:
sul prato sotto di te solo caprette,
è lì che si termina la grande impresa.
35
Bicocchin de fantasii
Diseven “sgaggia, sfrisoni, inlocchiment”…
Ball de fraa Giuli …del tutt pròppi nagòtta!
Puttòst el crèss de noeuv el sentiment
de quand che t’hee ciappaa la prima còtta.
Amor de mama, passion de ‘na morosa …
lusnad de dì ligaa in de la memòria
vègnen a galla in fila pontilliosa
ma hinn tucc al tògo senza graduatòria.
Amor de libertà, passion esosa,
per vèghèla di vòlt gh’è de patì
ma incoeu l’è ona giornada generosa
senza pendizzi o rògna de smaltì.
Sgoratta ancamò on poo cont i falchètt,
incrosa poeu i corrent per la discesa:
sul praa sòtta de tì domà cavrètt,
l’è lì che se compiss la grand impresa.
36
Girotondo di fantasie
Agonia
Siamo qui a soffiargli addosso, con discrezione.
Nei tuoi occhi vedo specchiarsi la mia preoccupazione,
scuoto il capo con rabbia e delusione,
tu piangi e io ti seguo.
“Come ti sembra, oggi? Sinceramente…”
“Mi pare che vada a pochi, gli mancano le forze”
“Ti ricordi che bel portamento?
E se provassimo con qualche rinforzo?”
“Un goccio d’acqua ancora, per cortesia…
Non vedi che lascia andare già del suo …
Mi si stringe il cuore nel vedere la sua agonia,
Non so cosa fare…va ancora più in giù”
“L’avevo detto: l’hai vestito pesante!”
“E tu…quelle finestre sempre spalancate …
gli spifferi portano al cimitero (modo di dire)!”
“Ma le troppe catene l’hanno davvero soffocato”
“E’ inutile discutere senza educazione,
abbiamo fatto di tutto pr mantenerlo forte e vivo”
“Sì mi rassegno, però malvolentieri,
vorrei conoscere il motivo della sua pena!”
“Era un così bell’abete, pieno di vigore,
si presentava bene là nell’angolo,
per qualche giorno luccicante di gran splendore…
mancavano le radici: ecco la spiegazione!”
37
Bicocchin de fantasii
Agonia
Sèmm chì a boffagh adòss, con discrezion.
In di tò oeugg mì spèggi el mè cuntee,
scorlissi el coo con rabbia e delusion,
tì te macarèt e mì te vègni adree.
“Come’l te par, incoeu? Sincerament…”
“Me par che la va a pòcch, ghe manca i fòrz”
“Te se regòrdet che bèll portament?
E se provassim cont on quai rinfòrz?”
“On gottin d’acqua anmò, per cortesia…
Te vedet nò che’l lassa giò del sò…
Me streng el coeur subì la soa agonia,
soo nò se fà…el va pussee a l’ingiò”
“L’avevi dii: te l’hee vestii pesant!”
“E tì…quèi veder semper spalancaa …
l’aria de filidura mèna al cappsant!”
“Ma i tròpp cadènn de bon l’hann soffegaa”
“L’è inutil ratellà senza manera,
èmm faa de tutt per tègnill sald e viv”
“Sì, me rassègni, però malvolentera,
de la soa pèna voeuri savè ‘l motiv!”
“L’era on ‘scì bèll abièzz, pien de vigor,
faseva el sò bèll ved in del canton
per on quai dì lusent de gran’ splendor…
mancaven i radis: te chì la spiegazion!”
38
Girotondo di fantasie
Vigilia in veglia
Notte della Vigilia, notte di grandi attese.
Notte di silenzio e di candele accese.
La chiesa si è svuotata, i bar sono chiusi,
solo un cagnolino borbotta da solo.
Sono già le due e gli occhi sono spalancati,
nella mia testa ripasso quello che devo fare,
come quelle pecore che saltano il fosso,
le conto ad una ad una mille volte.
I piatti”belli” sono pronti nella credenza
con i bei bicchieri sottili che poi si rompono.
Ci vuole una matita dorata per segnare i posti
per non fare confusione a cercare il proprio.
E poi i pacchetti, nascosti, da trovare,
scelti già da un mese con amore e fantasia.
Sicuramente…ci sarà qualcosa per me…
e aprirò il pacchetto con l’agitazione di bambina …
Sono parecchio stanca di tanti discorsi vani,
a braccia aperte aspetto il mio Morfeo.
Leggero tintinnio di campanelle e scalpiccio,
luce e calore e poi una voce profonda …
“Il Dono è quello di provare emozioni
in questo mondo arido e senza cuore,
di mettere ancora passione nelle tue cose,
di ricavare soddisfazione dal tuo lavoro.
Poca svenevolezza e tanto discernimento,
un sorriso stempera vizi e virtù,
tranquilla come un agnello seguita per la tua strada,
forse domani raccoglierai i tuoi frutti.
Merito di un signore grassoccio vestito di rosso
o del Signore tante volte dimenticato
certo che alla fine mi sono addormentata…
Il mio Natale così è più completo.
39
Bicocchin de fantasii
Vigilia in veglia
Nòtt de Vigilia, nòtt di grand attes.
Nòtt de silenzi e de candil pizzaa.
La gesa s’è svoiada, hinn saraa sù i cafè,
domà on cagneou barbòtta deperlù.
Hinn giamò i dò e i oeugg hinn sbarattaa,
in de la ment repassi i mè incombenz,
compagn di quèi beritt che salta el fòss
je cunti voeuna a voeuna mila vòlt.
I porcellann hinn pront in del trumò
coi bèi biccer suttil che poeu se s’cèppa.
Ghe voeur on lapis dòr per marcà el sit
per minga fà bordèll a cercà el sò.
E poeu i pacchètt, sconduu, de trovà foeura,
scernii de on mes con coeur e fantasia.
Segura… ghe sarà on quaicòss per mì…
e dervaroo el palpee con slanz de tosa …
Son stracca assee de bon de tant menad,
a brasc avèrt mì spètti el mè Morfeo.
Ciocchin legger e strusament de pee,
lus e calor e poeu ‘na vos profonda …
“El Don l’è quèll de vègh di sentiment
in quèsta tèrra sècca e senza coeur,
de mètt anmò passion in di tò ròbb,
de toeu pienèzza del tò laorà.
Pòca melassa e tant discerniment,
vizi e virtù je stempera on sorris,
quiètta ‘me on bee seguitta la toa via,
fòrsi doman regojeree i tò frutt”
Merit d’on paciaròtt de ross bardaa
o del Signor tant volt desmentegaa
cèrt che a la fin me sont indormentada …
El mè Natal inscì l’è pù complètt.
40
Girotondo di fantasie
Beatrice
Diciannove mesi di bambagia racchiusa
in un morbido involucro bianco e rosa
che solo a stringerti un pochino
cinguetti come una cinciallegra al mattino.
Ti chiamiamo “maguttin” per la…grazia
con cui sbatti a terra i giocattoli quando suona mezzogiorno
Bambole, palline e pezzi di costruzione vanno subito a terra
appena senti il rumore della scodella.
Ma il libro no, quello si tiene saldo
con la paura di perderlo e fare poi penitenza.
Si mangia avidamente, si fa il pisolino, si va a gattoni per la casa
sempre con un libro ben stretto.
Ci si dà alla pazza gioia in cortile
ma il libro non si abbandona, neanche morti.
Racconti di fantasia e filastrocche assorbite con gusto
per la tua mente acerba da elaborare.
Che gioia e che speranza per il futuro
se tu volessi continuare a leggere
e così un domani potresti fare carriera
da semplice “maguttin” a donna vera.
41
Bicocchin de fantasii
Beatrice
Desnoeuv mes de bombas saraa
in moresin palpee bianch e rosaa
che domà a schisciall on cicinin
te parèt parascioeula in del mattin.
Te ciamom “maguttin” per la manera … bòna
de s’giaccà giò i belee quand che la mèzza sòna.
Pigòtt, ballèt e tòcch de costruzion hinn subet spantegaa
appèna la toa squèlla fèmm cioccaa.
Ma il liber no, quell se trattègn
cont el scaggètt de pèrdel ò pagà pègn.
Se sgandolla, se pisòcca, se tappascia per la cà
semper cont on liber adòss tacaa.
Se disliga la buscina denter la cort
ma il liber se bandona nanca mòrt.
Stòri fantastich e filastròcch scisciaa
per el tò azèrb scimee de refinà.
Che gioia e che speranza per quèll che vegnarà
se a leg tì te vorèssèt seguità.
Inscì on doman fareet pròppi carriera
de “maguttin” modèst a dònna vera.
42
Girotondo di fantasie
Al semaforo
Educazione stradale: prima lezione.
A spasso, a piedi, ma con circospezione.
Sono solamente tre i colori che dettano le regole,
unica assicurazione contro gli incidenti.
La meta è la solita, lo sappiamo,
anche se oggi avremo un po’ da camminare,
senza rischi o fantasie eccessive….
prima l’altalena e poi una scivolata.
Il giallo occhieggia nell’incrocio
come un vitellino cerca la sua cuccia,
con un sorriso accattivante,
nascondi la tua manina nella mia.
Il cuore mi si scioglie alla tua stretta,
dentro al petto, poi, comincia a battere forte;
mi sembra di essere una vera leonessa
che difende il suo piccolo con grinta.
Il rosso ti annoia: solo tempo buttato!
Hai paura che si sia incantato …
Io godo nell’attesa. Profumo di latte che evapora…
purtroppo è già ora di un altro compleanno.
Domande che incalzano, curiosità che sale,
di una mente vivace sono vere promesse.
Si illumina il verde e facciamo una corsa:
inesorabilmente la vita deve essere giocata
43
Bicocchin de fantasii
Al semafor
Educazion stradal: prima lezion.
In strusa a pè ma con circospezion.
Hinn domà trii i color che dètta i regol,
solla assicurazion contra i carambol.
La mètta l’è la sòlita, se sa,
anca se incoeu avriom de tappascià:
senza ris’c e senza baroccada ….
prima la scòcca e poeu ‘na scarligada.
El giald sbarloeuggia in del carrobbi:
compagna de on buscin che cerca el cobbi,
cont on sorris càregh de vergnaria,
la toa manina scondet in la mia.
El coeur me se dislengua a la toa strètta,
dedent el stòmegh, poeu, svèlt lù ‘l s’cioppetta;
me par de vèss ona leonèssa vera
che’l sò pinin con grinta le trincera.
El ross te loeuja: l’è domà temp trasaa!
Te gh’hee paura che se sia incantaa…
Mì gòdi l’attesa. Odor de latt che sora …
de on alter compleann purtròpp l’è l’ora.
Domand che incalza, curiosità che crèss,
de on viv scimee hinn di ver promèss.
Se pizza el verd e fèmm ona volada:
man muss la vita la gh’ha de vèss giugada.
44
Girotondo di fantasie
Compitazioni di nonna
Se basta un nome a crearti suggestione
se ha otto lettere scatena un’emozione!
Se il cuore se ne frega di comporre rime baciate
le parole volano e i sentimenti sono svincolati!
B come un batuffolo di bambagia
morbido tra le mie ruvide mani
E come l’esuberanza dell’età
esile saltimbanco estroso
A come l’acquerugiola di agosto
nonostante sia fastidiosa però tanto sospirata
T come la tenerezza del tuo respiro
che esce da labbra appiccicose
R come le tue risate rotonde,
occhi celesti strizzati
I come l’insistente innocenza
delle tue domande assurde
C come il colore delle castagne di capelli
tanto sottili, come fossero una ragnatela
E come l’esclamazione estatica
per una luna gigante nel cielo
Pensieri di una nonna in vena di sorrisi,
un gioco di fantasia per Beatrice
45
Bicocchin de fantasii
Compitazion de nòna
Se on nòmm l’è assee a datt la suggestion…
se gh’ha vòtt lètter te sbilza l’emozion!
Se’l coeur se ninfa de fà rimm basaa,
sgora i paròll e i sens hinn liberaa!
B ‘me on ballonin de bombas,
moresin in la mia sgrèsgia man.
E ‘me l’esuberanza de l’età,
esil saltimbanch estros.
A ‘me l’acquètta d’agost,
amalasant astiosa, assee sospirada.
T ‘me la taffiada de tenerèzza
che sortiss di laver mostolent.
R ‘me i tò ridad rotond,
oeuggitt celèst risciaa.
I ‘me l’insistenta innocenza
di tò question improbabil.
C ‘me’l color di castègn di cavèi
tant fin, compagn de ‘na ragnera.
E ‘me l’esclamazion estatica
per la luna giganta in del ciel.
Penser de nòna in vèna de sorris,
on gioeugh de fantasia per Beatris
46
Girotondo di fantasie
Un po’ di curiosità…
Che tenerezza nelle parole antiche
tasselli scheggiati di un vecchio modo di parlare sospeso.
Come un passerino voglioso becca il miglio
voglio assaggiare a bocconcini questo milanese.
Oggi è “biadeghina” a incuriosire,
dolce e perduta eredità latina,
che definisce, secondo il traduttore,
la figlia morbidina di mia figlia.
Lei, vivace e piena di moine,
intanto che pasticcia un ghirigoro,
con attenzione ascolta la sua nonna
e come una spugna assorbe informazioni.
Cosi cerco con calma con il lanternino
vecchie espressioni che suscitano sorpresa
propongo una frase in inglese, una in italiano
e, perché no, nella lingua milanese.
Ci facciamo da sole una risata.
Allo stesso modo dell’eco a Villa Simonetta
le parole volano leggere come piume
e Beatrice si trasforma in “biadeghetta” ….
47
Bicocchin de fantasii
On poo de savor…
Che tenerèzza in di paròll antigh
scheiaa tassèi d’on vègg parlà sospes:
‘me on passarin smanios bècca el panigh
voeuri saggià a morsèi ‘sto Milanes.
Incoeu gh’è “biadeghina” a mètt savor,
dolza e perduda eredità latina,
che definiss, second el traduttor,
de la mia tosa la fioeula moresina.
Lee, virisèlla sana e on poo vergnòna,
intant che la pastrugna on firifiss,
pièna de scrima scolta la soa nòna
e ‘me ‘na sponga informazion sorbiss.
E inscì col lanternin mì cèrchi piana
vègg espression che ingenera sorpresa;
ghe foo ‘na fras inglesa, voeuna italiana
e, perchè nò, in lengua milanesa.
Ghe fèmm ona ridada depernumm.
Compagn de l’ècco a Villa Simonètta
vola i paròll, legger come di piumm
e Beatris se muda in “biadeghètta”….
48
Girotondo di fantasie
Roba di famiglia
Sono sabbia fine i giorni che scappano via
era l’altro ieri…o forse tre anni fa’
che abbiamo avuto la bella rivelazione
di un nipotino prossimamente da coccolare.
Rossa peggio di un melograno
a noi, curiosi e pieni di eccitazione,
subito hai srotolato un nastro rosa
e poi nomi femminili a profusione.
Rosa anche oggi è l’incarnato
rosa come il pesco in primavera:
dentro di te c’è un altro nocciolino,
di un sano maschietto sei la bomboniera.
La gioia è la stessa…più calma,
come procede la gravidanza adesso lo sai,
l’hai già goduta dalla A alla Z.
Sarà forte e sano questo nuovo tesoro.
La buona pianta dà buoni frutti,
di qui e di là senza differenze,
mamme e papà, cugini e infine fratelli
siamo tutti cresciuti secondo le tradizioni.
Frena la lingua, nonna, così è sufficiente.
Si sa che non saranno rose e fiori…
hanno una strada larga non un sentiero:
che trovino la loro via da soli!
49
Bicocchin de fantasii
Robb de famiglia
Hinn rèna fina i dì che scappa via:
l’era l’altrer…o fòrsi trii ann fa
che gh’èmm avuu la bèlla pifania
de on biadeghin pròssim de totorà.
Invernighenta pesg de pòmm granaa
a numm, curios e pien d’ eccitazion,
on naster ròsa prònti t’hee sfoggiaa,
e poeu de dòna i nòmm a profusion.
Anmò l’è ròsa incoeu l’incarnadin,
ròsa ‘me’l pèrsegh in la primavera:
dedent de tì gh’è on alter nisciolin,
d’on san mas’cètt te see la bombonera.
La giòia l’è la stèssa…pussee quiètta,
com’è che se va in compra ‘dèss te’l see
te l’hee scoduu giamò de l’A a la Zètta.
El sarà fòrt e san ‘sto noeuf bellee
tal l’è la pianta tal i sò ciappèi,
de chì e de là e senza distinzion,
mamm e papà, cusinn e infin fradèi
sèmm tucc cressuu second i tradizion.
Frèna la lappa, nòna, inscì l’è assee.
Se sa che sarann minga ròs e fior …
gh’hann ‘na carrada larga nò on sentee:
che troeuven la soa strada deperlor!

II
capitolo
On grizz de pòlemica
Borbottamenti del quotidiano
con un filo di amarezza
52
Girotondo di fantasie
A essere troppo buoni…
Il primo giorno ho visto due mani
che cercavano un pezzo di pane.
Sotto il velo due occhi da buona
…le ho pagato la colazione.
Il giorno appresso erano di più
tutti a fare lo stesso mestiere…
erano tutti lì a chiedere elemosina
…ho pagato loro un altro pranzo.
E ho fatto così giorno dopo giorno
specialmente al mezzogiorno:
…un panino, un calicino,
mi hanno svuotato tutto il borsellino!
Quando ho detto: “Ragazzi è finita!”
tutti insieme mi hanno scossa,
mi hanno strapazzata scuotendomi dalla testa ai piedi
per trovarmi indosso denaro.
Adesso sono che vado in giro a cercare
qualcosa da piluccare!
53
Bicocchin de fantasii
A vèss tròpp bon
El primm dì hoo vist dò man
che cercava on tòcch de pan
Sòtt’al vell duu oeugg de bon
…gh’hoo pagaa la colazion
El dì dòpo eren pussee
tucc a fà ‘l medemm mestee…
…eren lì tucc a questuà
gh’hoo pagaa ‘n alter disnà
E hoo faa inscì dì dòpo dì
specialment in del mezzdì:
…’na micchetta, on calizin
m’hann svoeuiaa tutt el borsin!
Quand gh’hoo dii: -Fioeu l’è finida!-
tucc insèma m’hann scorlida
m’hann spioggiada da coo a pee
per trovamm adòss danee.
Adess mì voo a cercottà
on quaicòss de peluccà!
54
Girotondo di fantasie
Bella di notte
Bella l’Italia osservata dallo spazio
quando la notte nasconde i suoi turbamenti,
in pompa magna come per una grande serata
sembra vestita di seta pregiata.
Messa in posa davanti al mondo
con così tante lucine accese laggiù,
ispira voglia di vivere, buona volontà
di uomini e risorse da ben utilizzare.
Buona struttura, natura incantevole,
clima ideale decantato dagli scrittori.
Come mai allora respira così piano?
Il problema che la frena saranno forse gli italiani?
Da sempre furbastri, indolenti, indecisi…
prima ci agitiamo furibondi come un topo grigio
poi, calmati, abbassiamo la testa
e assecondiamo uno dei tanti padroni stranieri
che con diverse lingue ci hanno governato
e spesso con il “latinorum” anche imbrogliato.
Per questo fatto di non capire quasi niente
siamo stati ingenui e anche ignoranti.
Oggi la scuola ci insegna anche l’inglese
ma ancora non capiamo il “politichese”
di quel tale che ogni giorno cambia bandiera
e nel frattempo tiene il piede in due scarpe.
Nonostante tutto abbiamo anche delle virtù
e quando occorre ci rimbocchiamo le maniche.
Uomini di valore, ingegno e volontà
venite qui in fretta ad aiutare.
Oh bella Italia al buio on le sue lucine accese
sembra di guardare il cielo capovolto:
per ogni luce che si spegne un desiderio?
Ne avremmo proprio una caterva ….
55
Bicocchin de fantasii
Bèlla de nòtt
Bèlla l’Italia vardada dal spazzi
quand che la nòtt la quatta i sò strazzi.
In pompardina per la gran serada
la par vestida de seda pregiada.
Mettuda in pòsa denanz al mond,
coi tant ciaritt pizzaa là in fond,
inspira voeuja de viv, volontà
di òmen e risòrs de ben dovrà.
Struttura bòna, natura che te incanta,
clima ideal che i autor decanta.
Com’è che allora Lee fiada inscì pian?
L’infèsc che frèna hinn fòrsi i italiann?
De semper scròcch, slòffi, indecis …
prima se smania compagn d’on sciatt gris
poeu, padimaa, se sbassa el crappon,
se ciappa la forma d’on forèst padron
che con divèrs dialètt n’ha governaa
sossèn col “latinorum” pur bozzaraa.
Per via del fatt de capì quasi nagòtt
sèmm staa di martor e anca di quajòtt.
La scòla incoeu ne insègna fin l’ingles
ostich ne sòna anmò el “Politiches”
de Quèl che dì per dì muda de sègn
intant che’l pee in doo scarp le tegn.
Impunemanch gh’èmm anca di virtù
e quand che occor i manegh tirèmm sù.
Gent de spallera, ingegn e volontà
de prèssa vegnì tucc chì a iuttà!
Oh bèlla Italia al scur coi luminari,
l’è come vardà el ciel a l’incontrari:
per ògni ciar smorzaa on desideri?
Ghe n’avarissom pròppi on bordelleri.
56
Girotondo di fantasie
Gli alieni sono qui
Un tempo portavo quasi ogni sera gli occhi al cielo
affascinata, oh luna, dal tuo alone
e da quel cielo avrei voluto avere una testimonianza
dell’esistenza di una nuova vita.
Quanti scienziati indaffarati nella gara
e io sapevo poco di quanto fosse costosa…
Avrei voluto ospitare dei piccoli marziani
verdi e forniti di un paio di cornini.
Condividere il letto con un E.T. crucciato,
svegliarmi con l’indice luminoso puntato.
Disponibile a civiltà di natura non umana
avrei aperto la porta a stranieri inusuali.
Adesso che sono qui davvero e in carne e ossa
provo un sentimento assurdo.
Nel vedere mamme e bambini così tanto impauriti
uomini maturi e giovani emaciati
ho perso di colpo ogni baldanza:
non mi sento pronta all’accoglienza.
Ammucchiati e dai volti sporchi (come stagnini)
mi esce di getto un rifiuto cattivo
ma la causa di questa corazza da egoista
è la paura di questi giorni che mi ha offuscato la vista.
Come è odioso ammettere che tra dire e fare
anche i più sinceri si trovano in difficoltà.
Quanti soldi per costruire delle sonde
alla ricerca di un posticino fuori da questo mondo.
Quanti soldi per raccogliere polvere e sassi
tanti che un certo dubbio potrebbe insorgere …
Quanto arricchirsi da parte di qualcuno:
oggi come ieri diventa ricco il più furbo.
57
Bicocchin de fantasii
I alieni hinn chì
On temp doggiavi el ciel squas ògni sera
ingermada, oh luna, de la toa scighera
e da quèll ciel avria vorsuu la proeuva
de l’esistenza de ona quai vita noeuva.
Quanti scienziaa trusciaa in la gara
e mì savevi pòcch quant le fuss cara….
Vorevi avègh in cà di marzianitt
verd e guarnii de on para de cornitt.
Spartì el mè lètt cont on E.T. cruzziaa,
dissedass col fregaoeugg de lus pontaa;
avèrta a civiltà de minga umana sòrta
a forester bizzar avria dervii la pòrta.
Adèss che in chì, de bon, in carna e òss
ona ròba senza sens me vègn adòss.
In del ved mamm e rattitt sossèn stremii
insèma a òmen fatt o a di sbarbaa sbasii
hoo perduu de colp ògni baldanza:
me senti minga bona de accoglienza.
Mucciaa tra lor e tenc come magnann…
me sbilza foeura svèlt on refud gramm
ma causa de ‘sta corazza de egoista
l’è ‘l scagg de adèss che m’ha inaspaa la vista.
Oh se l’è odios ammètt come tra dì e fà
anca i pù s’cètt gh’hann di difficoltà.
Quanti danee per portà a coo di sond
de trouvà on bus foeura de ‘sto mond.
Quanti danee per cattà sù polver e sass
tant che on quai dubbi se podaria fà nass…
Quanti danee ‘me tèrra… faa de quaivun
incoeu ‘me ier l’è scior el “margniffon”.
58
Girotondo di fantasie
Natale delle negazioni
Io di solito prego poco
diciamo meno di un giorno su otto
e non vado in chiesa spesso
ma al Bambino penso lo stesso
con il cuore spalancato
specialmente in questo periodo
in cui la polvere del deserto
soffoca le tradizioni.
No al presepe! Ma siete matti
se solamente per tre corvi vestiti di nero
senza un briciolo di rimorso
sfrattate svelti il nostro Bambino?
Ma non sanno questi prepotenti
che protegge anche loro?
Basta leggere con attenzione
il loro libro di preghiere
saprebbero che è lo stesso loro
quel Signore nato a Betlemme.
No alle belle luci. Gli alberi non illuminati?
Tante luminarie sono troppo da ricchi?
Io ne accendo una collana
e la lascio accesa da mattina a sera.
No alla musica allegra
…è per loro pericolosa…
e io suono canzoni di gioia
per chi ha l’anima vuota.
Guai a chi perde le radici
timoroso di falsi amici
che domani zitti zitti
gli toglieranno la libertà.
59
Bicocchin de fantasii
Natal di negation
Mì de sòlit preghi pòcch
disom men de on dì su vòtt
e voo in gesa minga spèss
ma al Bambin ghe pensi istèss
cont el coeur avèrt avèrt
specialment in ‘sta stagion
che la polver del desèrt
la soffega i tradizion.
Nò al presèpi! Ma sii matt
se domà per trii scorbatt
senza on zicch de remorsin
sfrattii svèlt el nòs Bambin?
Ma ‘l sann nò ‘sti prepotent
che’l protegg anca i sò gent?
Basta leg con attenzion
el sò liber di orazion
savarien che l’è el medèmm
quell Signor nasuu a Betlemm.
Nò ai bèi lus. I pin al scur?
Tant color l’è tròpp de scior…?
Mì ne pizzi on’infilera
e le foo mattina e sera.
Nò a la musica legriosa
… l’è per lor pericolosa
e mi canzon sòni, de gioia,
per chi gh’ha l’anima voeuia.
Guai a chi perd i radis
timoros di fals amis
che doman senza fiadà
ghe torann la libertà.
60
Girotondo di fantasie
Ma c’è un’altra negazione
che mi mette una gran tristezza
anche se non è così seria
è ugualmente tanto noiosa ….
e se il “dolce” porta all’infarto …
vado a manetta (a tutta birra) con il panettone.
E riempita di ….calore
me libero di questa rabbia
che in questi giorni ventosi e scuri
vola via come la sabbia.
61
Bicocchin de fantasii
Ma gh’è on altra negazion
che me mètt on gran magon
se l’è minga inscì seriosa
però l’è istèss tanto noiosa …
e se il “dolz” pòrta al s’cioppon …
voo a manètta a panatton.
E impienida de…calor
me desfesci de ‘sta rabbia
che in ‘sti dì ventos e scur
vola via come la sabbia
62
Girotondo di fantasie
Uomini con la cagarella…
Sono questi gli uomini che ci hanno incantato?
Quelli che baciavano le mani con gli occhi chiusi,
quelli che, pentiti, la sera si confessavano a te
e poi, il giorno dopo, tornavano a fare i traditori?
L’uomo con la patta dei pantaloni sempre pronta che ti lusingava,
ti portava alle stelle…un po’ ti strapazzava.
Uomini senza più desideri in cerca di un consenso
padroni del vapore (ndr: modo di dire) che gli offusca la mente.
Uomini-bambini che la sua mamma non gli ha mai detto”no”,
uomini-poppanti nascosti ancora sotto la gonna.
Uomini o lupi che abbaiano alla luna, esagitati,
e le loro parole sono peggio di lame affilate.
Mani pesanti senza più il ricordo delle carezze
mani che ti pettinano in testa a pugni.
Martello, vetriolo e poi anche fuoco
con così tanta esaltazione come se fosse un gioco.
Si dice che ognuno deve lavare i panni in casa propria
e c’erano i bambini e poi lui piangeva …
Allora pregavi il Signore e..stavi zitta.
Nonostante quelle tante candele accese…com’era grigia!
Non mettere in mezzo la fede, ci vuole una legge
che sanzioni allo stesso modo di un sacrilegio
ogni violenza verso un’altra persona per dispetto
che sia donna, uomo oppure bambino.
E intanto che arriva (la legge)…occhi ben aperti
sempre all’erta con le unghie affilate
e soprattutto lascia perdere il vecchio silenzio,
un uomo fatto così deve essere punito.
Che anneghi nella sua cagarella
o che soffochi a mollo nel fango!
63
Bicocchin de fantasii
Omen de squitta
Hinn quèst’ i òmen che n’hann ingermaa?
Quèll che basava i man coi oeugg saraa,
quèll che, pentii, la sera, a tì se confessava
e poeu el dì dòpo on bolgiron ‘l tornava.
L’òmm de la patta pronta che ‘l te simonava,
se te portava ai stèll … on poo te strapazzava.
Omen svoiaa de voeuja in cerca de consens
padroni d’on vapor che’l gh’infoschiss i sens.
Omen bagai che la soa mama la gh’ha dii mai “nò”,
òmen lacciòtt scrusciaa sòtta la sòcca anmò.
Omen o loff che boien a la luna, infolarmaa,
e i sò paròll hinn pesg de lamm molaa.
Man grev senza pussee carèzz in la memòria
che te pettèna a pugn la toa zuccòria.
Martèll e vedrioeu e poeu anca el foeugh
con tanta esaltazion, compagn de on gioeugh.
Se dis che i pagn in la cà soa se lava
e gh’era i fioeu e poeu lù’ l magonava…
Allora te pregavet el Signor e…citto e mosca.
Amalasant quèi tant lumitt pissaa…se l’era fosca!
Trà minga in ball la fed, ghe voeur ‘na leg
che la sanziona istèss de on sacrileg
ògni violenza a on alter per dispètt
che la sia dòna, mas’c oppur fiolètt.
E intanta che la riva…oeugg sbarattaa,
semper a l’èrta cont i ong codaa
e soratutt bandiss el tò silenzi antigh:
on òmm inscì el gh’ha de vègh castigh.
Ch’el nega lù dedent de la soa squitta
o ch’el soffega a moeuj dedent la litta!!!
64
Girotondo di fantasie
Chiaro-scuro, invidia-delusione
Prati splendenti, pettinati per bene,
quadro vivente di una natura in salute,
dove le malerbe sono subito isolate,
prima che stropiccino questo bel disegno.
Montagne imponenti, rocce da togliere il fiato,
cime solitarie e pietre di ghiaccio,
torrenti e fiumi e ruscelli dappertutto
dove risciacquare soldi troppo compromessi …
Tiepide primavere, estati piacevoli,
autunni rosseggianti, profumo di castagne,
e quando arriva l’inverno e poi la neve
con un freddo cane e un gelo da lupi …. (ndr: intraducibili letteralmente)
tutti si coprono di un bel pelo prezioso,
anche sullo stomaco, in sovrappiù.
Così foderati emanano leggi come gli capita
e chiudono le frontiere e stroncano le opportunità.
Tante bandiere sventolano, tante quanti i Cantoni
ma sotto quella stoffa rossa
con la sua croce che spicca per il biancore
l’orgoglio della Nazione si esalta.
Prima di essere neutrali, un po’ forzatamente,
sono stati dei combattenti, forti, valorosi,
sì, mercenari, e anche sanguinari
ma sempre dediti pienamente al loro compito.
Panna a volontà, zucchero e cioccolato:
colata di bontà che ti inebria.
Pulizia, regole e propositi di buon senso
sicuramente soddisfano il tuo senso civico.
65
Bicocchin de fantasii
Ciar e scur, inviia e delusion
Praa sberlusent, pettenaa de fin,
pittura viva de natura sana
doe i malèrb hinn subit miss de part
prima de refignà ‘sto bèll disègn.
Badiai montagn, ròcc tajafiaa,
scimm solitari e prèi de giazz,
torrent e fiumm e ronsg de tutt’i part
doe resentà danee tròpp bordegaa….
Teved primaver, estaa gustos,
autunn rossusc, aròma de castègn,
e quand riva l’invèrna e poeu la nev
cont la soa rabbia e col sò frègg de biss …
tutti se quatta de on bèll pel prezios,
anca in sul stòmegh, de sora maròss.
Inscì fodraa fa i leg quand che ghe gira
e sara i uss e scima i occasion.
Tanti bander sgariss, tanti Canton
ma sòtta de quèll pann invernighent
con la soa cros che spicca de bianchèzza
l’orgoeuj de la Nazion se sbilidriss.
Primma de vèss neutral, on poo forzaa,
hinn staa di combattent, fòrt, valoros,
sì, mercenari, e anca sanguanos,
ma semper eren votaa a la mansion.
Pànera a mòtta, zuccher e ciccolatt:
colada de bontà che te inciochiss,
Nettèzza, regol e sensaa propòsit
sigur te scoeud el civich sentiment.
66
Girotondo di fantasie
Tutti i giorni la stessa musica prevedibile
nessuna fantasia che addolcisca il cuore,
un’alterigia che rapidamente ti fa stufare
e poi decisioni spesso mai imparziali.
Ogni medaglia ha il suo rovescio,
l’ammirazione si fonde con l’invidia,
la noia va a braccetto con un po’ di rabbia
ma la campana non suona mai sola (ndr: bisognerebbe sentire anche il loro parere..)
Risuona ancora adesso quella canzone
“la Svizzera, la Svizzera…”
e qui, dal lago, saluto le sue caprette
e calma poi raccolgo i cavoli…
67
Bicocchin de fantasii
Solfa de tutt’i dì che se indovina,
zero de fantasia che slisa el coeur,
on suss che manda svèlt in soravia,
e poeu ‘na scrima spèss minga compagna.
Ogni medaja la gh’ha el sò rovèrs,
l’ammirazion se gitta con l’invidia,
la lòja va sòttbrasc a on poo de rabbia
ma la campana la sòna mai solla …
Reciòcca ancamò adèss quèlla canzon…
“la Svizzera…la Svizzera…”
e chì, del lagh, saludi i sò cavrètt
e quiètta poeu regoeuj on poo de verz…
68
Girotondo di fantasie
Tramonto e dubbi
Sdraiarsi nel prato al tramonto
è forse ancora più bello di un gioiello prezioso.
Punzecchia l’erba nuova, appena tagliata,
svolazzano impazzite due belle farfalle.
Sfoglio svogliatamente giornali a caso
cercando di trovare i commenti più imparziali.
Mentre i raggi del sole si avvicinano all’orizzonte
cerco di confrontare le opinioni dei favorevoli e dei contrari.
Dalle pagine stampate con l’inchiostro escono voci:
mercanti di bestiame, ciarlatani stizzosi.
Una gran confusione di idee e contraddizioni
come al solito ad ogni votazione.
Una luce aranciata dipinge le mani,
io, alla mia scelta, penserò domani.
Infine scivolano di fianco carta e occhiali
e mi ritrovo addormentata.
Un breve sonnellino, pieno di fantasia,
a spron battuto contro le falsità.
Quando mi sveglio dal pigro pisolino
dietro la siepe ormai è buio pesto ….
69
Bicocchin de fantasii
Tramont e dubbi
Disténdes in del praa quand cala el sô
l’è fòrsi mèj anmò de on rar bisgiô.
Spongigna l’èrba noeuva, frèsca de taj,
sgoratten immattii duu bèi parpaj.
Sfojazzi gnècca gnècca on quai giornal
in cerca di comment pussee imparzial.
Intant che i ragg rasenta l’orizzont
tra el sì e’l nò tenti de fà confront.
Dai pagin inciostraa sortissen vos:
mercant de vacch, barlafus stizzos.
Fracasseri de idèi e contradizion
come de sòlit per ògni votazion.
On ciar color naranz pittura i man,
mì, a la mia scèrna, ghe pensaroo diman.
Al fianch scarliga infin oggiai e carta
e son già lì che dòrmi de la quarta ….
Sògnett de gatt, ras de fantasii,
a tutt andà contra i bosarderii.
Quand me dissedi del visorin fencisc
dedree di sces ormai l’è scur scurisc…

III
capitolo
Paròll in stondera
Pensieri, riflessioni, sogni
e voli di fantasia
72
Girotondo di fantasie
Acqua di lago
Credo di avere acqua nel cuore,
un’acqua nera, profonda, acqua di lago,
scura da far paura, densa e pesante
dove vanno ad annegare tutti i miei problemi.
Contraddizioni che annaspano e si agitano
e poi perdono la loro forza sui fondali.
Fango impregnato dei miei dispiaceri,
di “no” gridati e qualche “si” forzato.
A volte, per una grana seria,
non bastano gli argini del lago
e quest’acqua nera esonda
e inonda con violenza il petto e il cuore.
Quando il boccone è sceso….allora mi tranquillizzo,
l’onda anomala si ritira, piano,
resta una melma piena di battaglie perdute
memoria e parabola per il futuro.
La vita è una ruota che gira,
ti offre pietanze in tutte le salse
e sempre c’è qualcosa di indigesto
da far cadere nel lago e poi annegare.
73
Bicocchin de fantasii
Acqua de lagh
Mì crèdi de ‘vègh acqua dent el coeur
on acqua negra, fonda, acqua de lagh,
tencia de fà paura, spèssa e greva
indoe va a negà tutt’i mè infèsc.
Contradizion che inaspa e se scalmana
e poeu pèrd la soa fòrza sui fondai.
Palta impregnada di mè dispiasè,
di “nò” vosaa e di on quai “sì” de sfròs.
Di vòlt, per ona seria cantonada,
l’è minga assee del lagh l’arginadura
e st’ acqua negra va de foeuravia,
stòmegh e coeur inonda con violenza.
Quand che ‘l boccon l’è giò…mì me doo pas:
l’onda anormal la se ritira, adasi,
rèsta ‘na litta pièna di perduu battali
memòria e prèdica per quèll che vegnarà.
La vida l’è ona roeuda che la gira,
la te insubiss pitanz con mila sals,
e semper gh’è on quaicòss assee indigèst
de fà borlà in del lagh e poeu negà.
74
Girotondo di fantasie
Scalini e bacini
Da pian terreno fino alla terrazza
acciaio lucente e vetri fumé,
una grande quantità di gente che si spintona
per mettere in fretta i piedi su queste scale.
Nove sono i piani di questo paradiso
e senza sforzo la scala ti porta alle stelle
dove è…celestiale andare a far shopping:
tutti in tensione, si aspetta solo il via.
Una ragazzina con il fidanzatino
mano nella mano sfida la calca.
Appena il tempo di stringersi un pochino
che il gradino su cui stanno si nasconde, quasi timido.
Seconda rampa, i nasi si sfiorano,
la musica sale, crea atmosfera:
solo “toccata e fuga” per loro due
perché il gradino di nuovo scappa via.
Sottovoce un coro accompagna la salita ….
Gradini e bacini, bacini e gradini
giocare a nascondino è sempre bello.
Bacini e gradini, gradini e bacini
anche quelli insensibili diventano coccoloni.
E’ al terzo tronco che lei chiude gli occhi,
poca malizia e tanta tremarella,
le gambe di lui sono ferme sul gradino
ma questo…sfugge via e dà loro uno scossone.
Lui tira in lungo ancora per altre rampe
ci pensa sopra per bene, prende le misure,
calcola il tempo che ci vuole per andare a segno
prima che il gradino si tiri indietro.
75
Bicocchin de fantasii
Basèi e basitt
Del pian a tèrra fina la terrazza,
azzal lusent e veder fumigaa,
de gent che se sbuttòna on fulmineri,
per mètt in prèssa i pè sora ‘sti scal.
Noeuv hinn i pian de ‘sto paradis
e senza struzzi i scal te mèna ai stèll
indoe l’è … celèstial andà a provved:
tucc in tension…se spètta domà el “via”.
‘Na sgarzolina cont el morosin
man in la man la sfida la missòlta.
Appèna el temp de strenges on ciccin
che’l so basèll se scond, squasi schivios.
Seconda rampa, i nas che passa arent,
la musica la crèss, la fa atmosfera:
domà “toccada e fuga” per lor duu
perchè el basèll de noeuv ghe scappa via.
Sòttvos on còr compagna la salida ….
Basèll e basin, basin e basèll
giogà a la tòppa l’è semper bèll.
Basitt e basei, basei e basitt
anca quèi frègg je muda in vergnitt.
L’è al tèrz troncon che lee la sara i oeugg,
pòca malizia e tanta tremaroeula,
i gamb de lù hinn sald sora el basèll
ma quèst … tovaja via e je sballòtta.
Lù ‘l tira in longh anmò per alter ramp,
ghe studia sora ben, ciappa i misur,
fa cunt del temp che occor per andà a sègn
prima che ‘l sò basèll se tira indree.
76
Girotondo di fantasie
Adesso è una gara e noi tutti a fare il tifo,
ne abbiamo abbastanza ma siamo tutti coinvolti…
Il settimo e l’ottavo gradino vincono
e lui è ancora lì, tutto un rossore …
Il coro canta dolcemente la filastrocca…
Gradini e bacini, bacini e gradini
giocare a nascondino è sempre bello.
Bacini e gradini, gradini e bacini
anche quelli insensibili diventano coccoloni.
E’ l’ultimo piano e lei non sta più nella pelle,
gli prende il viso e gli stampa un bacino.
La gente dietro comincia a battere le mani,
e infine, di slancio, si fionda a spendere …
Risuona ancora nelle orecchie il ritornello…
Gradini e bacini, bacini e gradini
giocare a nascondino è sempre bello.
Bacini e gradini, gradini e bacini
anche quelli insensibili diventano coccoloni.
77
Bicocchin de fantasii
Dèss l’è ona gara e numm tucc a tifà,
ghe n’è èmm assee ma insèma sèmm tiraa….
Sèttim e ottav basèll hinn vincitor
e lù l’è ancamò lì… tutt on rossor.
El còr ghe canta dolz la filastròcca …..
Basèll e basin, basin e basèll
giogà a la tòppa l’è semper bèll.
Basitt e basei, basei e basitt
anca quèi frègg je muda in vergnitt.
L’è l’ultim pian e lee sta pù in la pèll,
le branca el mus e ghe stampa on basin.
La gent dedree la tacca a batt i man,
e infin, de slanz, se s’giacca a spendascià.
Reciòcca anmò in di orègg el ritornèll….
Basèll e basin, basin e basèll
giogà a la tòppa l’è semper bèll.
Basitt e basei, basei e basitt
anca quèi frègg je muda in vergnitt.
78
Girotondo di fantasie
Cianfrusaglie di valore
Saranno state le suore in prima elementare
a fare scattare dentro di me la molla,
oppure la precisione maniacale dello zio,
di accumulare e collezionare un sacco di roba.
La Suor Aldina diceva che il passato
è come il fieno da conservare in cascina per i tempi di magra;
lo zio invece si dava un gran daffare
per conservare penne, chiodi e bottoni..
Io ho dato retta volentieri ad entrambi
e in questi anni sono andata oltre
per ogni fatto ho conservato un ricordo
per tenerlo ancora più vicino al cuore, come legato.
Pezzetti di carta ingiallita e sbiadita
dentro un comò strapieno e tarmato.
Tantissimi nastri colorati
confetti cariati colore giallo pallido
Un fazzoletto con un nodo
due scatole di telefoni che non suoneranno mai più
un pacchettino di tulle con un anello tagliato
diari di sogni di gioventù mai concretizzati
Briciole di vita a mollo in un mare
fatto di malinconia, tra il dolce e l’amaro.
Ma io,tra le onde, ho imparato a nuotare
A volte anche arrischiando di annegare
Sotto le sferzate di un’acqua nera e opprimente
tra le insidie più imprevedibili, senza paura.
Troppa retorica,sono esagerata?
Ma io a queste cianfrusaglie sono legata
Sono la testimonianza delle prove che ho superato
e anca di quelle che ho perso.
Oggi, sottovoce, sembrano suggerirmi
di far loro una poesia per farle apprezzare.
79
Bicocchin de fantasii
Cattanaj de valor
Sarann staa i mònegh in la prima scòla
a fà scattà denter de mì la mòlla
o del mè zio la tròppa precision
de montonà tant ròbb per collezion.
Tutt el passaa, diseva Suor Aldina,
l’è semper fen de tegnì, pront, in cassina;
inveci el zio lassava giò el magon
de mett insèma pènn, ciòd e botton….
Mì hoo daa a trà, de gust, a tucc e duu
e in quèsti ann hoo faa anca de pù….
per ògni fatt hoo conservaa on regòrd
per ligamm fòrt el coeur cont i sò còrd.
Strataj de carta smòrta ormai slavaa
dent de on comò pien ras e cairolaa.
Montonad de bindèi de tanti sòrt,
benis cariaa d’on bèll color giald smòrt….
On fazzolètt cont on gropp faa sù,
dò scatol de telefoni che sonarann mai pù.
On palpireou de vèll cont on anèll sferlaa,
diutel di sògn pivèi mai concretaa.
Freguj de vita a moeuj dent in d’on mar
faa de malinconia, tra dolz e amar
Ma mì, tra i ond, hoo principiaa a noà,
di vòlt col ris’c perfina de negà,
a rebatton d’on acqua negra e scura
tra bolgir insidious, senza paura.
Tròppa retòrica? Sont esagerada?
Ma mì a ‘sti cattanaj son fezionada.
Hinn testimòni di proeuv che mì hoo vinciuu
…anca de quei, se sa, che poeu hoo perduu.
E incoeu, sòtt vos, paren ispirà
a fagh ‘na poesia, per fai stimà.
80
Girotondo di fantasie
Il peso della felicità
Già nel passato l’uomo l’ha ricercata
ora va di moda sapere dove l’ha trovata.
Si stilano graduatorie precise
per misurare il livello della felicità.
Lavoro, e tanto, per tutti
così da avvicendarsi con educazione.
Possedere una propria casa come l’hanno gli animali
magari in una località piacevole e non inquinata.
Coccolare i propri figli
come fa la mamma orsa con il piccolo orsetto.
Procedere con calma per una strada serena
cercando di convivere in pace con parenti, amici e amori.
Concetti lacrimevoli triti e ritriti …
Rimane sempre attuale il detto:
“Buon pane, buon vino e grasso d’oca
e se vuol nevicare … che nevichi”
A questa intelligente massima ho dato retta
nella mia personale ricerca della felicità.
Un paio di bicchieri, ma di vino buono,
e brindiamo alla prima promozione.
Finisce la scuola? Bando alla malinconia
organizziamo una pizzata in compagnia.
La bambina ha messo il primo dente..
ottima occasione per una bella cenetta
Il figlio ti presenta la sua compagna …
può bastare un uovo in camicia …
La cara vecchia zia compie gli anni?
Potremmo gustarci un piatto a base di rane.
81
Bicocchin de fantasii
El pes de la felicità
Ai temp indree l’òmm l’ha ricercada,
in vòga l’è ‘l savè indoe l’ha trovada:
se stilen graduatòri de giustèzza
per misurà el livèll de contentèzza.
Laor per tucc in gran bondanza
inscì de dass la muda con creanza.
Tegnì de cunt la cà come ona tana
magara in d’on bell sit con aria sana.
Vèss cont el fioeu on poo vergnin
‘me fa la mama orsa cont l’ orsin.
Incamminass adasi per ona via serèna
e fà conviv parent, amis e amor insèma.
Concètt cilapp, sossèn masnaa …
Semperverd l’è ‘l dètto tramandaa:
“ Bon pan, vin e grass d’òca…
se’l voeur fioccà che’l fiòcca”.
A quèsta scrima allora mì hoo daa a trà
per la mia soeulia indagin su la felicità.
On para de biccer, ma de quèll bon,
e brindom a la prima promozion.
La scòla la finiss? Bandii l’arlia
che fèmm ona pizzada in compagnia.
La tosa piscinina l’ha miss el primm dentin…
l’è l’òttima occasion per on bon disnarin!
El fioeu che te presenta la soa amisa …
noccoralter che on bèll oeuv in camisa.
La cara veggia zia compiss i ann?
Se podaria sciscià on piatt de rann.
82
Girotondo di fantasie
Oh che bello, il Nino si sposa
sicuramente una mangiata in giardino.
E se sabato ci trovassimo con gli amici?
Sbocconcelleremo tante torte quanti sorrisi …
Poi ci sono le tradizioni da rispettare
che sia la colomba, l’uovo o il panettone.
Sorvolerò sui miei chili di troppo
se li considero la misura della mia felicità.
Ma quelli che si strafogano a quattro palmenti
ma sono così magri da far spavento?
Saranno felici anche loro come me?
Ma che sfortuna…penso proprio di sì.
83
Bicocchin de fantasii
Oh che bèll va a spos el Nin!!!
Segura ona pacciada in del giardin.
Se sabèt se trovassom cont i amis?
Pizzigarèmm tant tort quant i sorris.
Gh’emm poeu de rispettà i tradizion
che sien colomba, oeuv o panatton ….
Ai mè chili de tròpp passaroo sora
se de ‘sta contentèzza hinn la misura.
E quèi che spanscien a quatter palment
ma hinn magher inscì tant de fà spavent?
Content de bon pròppi a l’istèss de mì?
Ma che dislippa…purtròpp credi de sì.
84
Girotondo di fantasie
Il mio Cupido
Quanto ho studiato di amore a scuola
parole su parole, pacchetti di sogni,
incartati da venditori di qualità.
Saffo, Catullo e i nostri grandi autori
di prima e dopo l’Unità d’Italia
e poi quel tale Inglese che solo pronunciandone il nome
ti fa ansimare il cuore con un sospiro.
Teneri francesi sempre malinconici,
tedeschi romantici ma sempre rabbiosi,
spagnoli tanto sognatori da andare in confusione,
russi appassionati, senza speranze,
cinici e stupidotti nello stesso tempo gli americani.
Cinque anni d’amore come marmellata,
una carica di energia per tutto il giorno:
amori lontani, troppo spesso finiti in litigi,
amori esaltati spesso anche sfortunati.
Dentro una nuvola russava sodo
le alette ripiegate sotto la faretra,
quello dei “Cupido” che mi era stato destinato.
A volte in verità si dava una mossa
per gettare giù qualcuna delle sue frecce,
un gesto così tanto per fare
giusto una cotta, solo il tempo di vita di un fiore.
Cambio di rotta all’Università,
chimica, fisica e microbiologia …
e mi eccitava quella scienza senza fronzoli:
stanca di intristirmi sopra un sonetto
ne avevo abbastanza dei poeti perduti,
dei loro racconti sulle carezze mancate.
85
Bicocchin de fantasii
El mè Cupido
Quant hoo studiaa de amor in de la scòla
paròll sora paròll, pacchètt de sògn
faa sù di venditor de qualità.
Saffo, Catullo e i noster grand autor
de prima e dòpo de l ‘ Italia unida
e poeu quèll tal ingles che domà el nòmm
el coeur te fa sbanfà cont on sospir….
Tèner frances semper con la pecondria,
todèsch romantich ma col s’cioppon de fotta,
spagnoeu tant sognador de andà in forlònia,
i russi passionaa, senza speranz,
cinich e martor a l’istèss i american.
Cinqu’ ann de amor compagn de marmellada,
càrega d’energia per tutt el dì:
amor lontan, tròpp spèss voltaa in rattèlla,
amor infolarmaa sovenz ann dislippaa.
Dedent ‘na nivola s’ciasser el ronfava,
i alètt piegaa sòtta al fagòtt di sfres,
quèll di “Cupido” che m’hann destinaa.
Di vòlt inver se dava ona scorlida
per s’giaccà giò quaivoeuna di sò frècc,
‘na ròbba fada inscì…on tant al tòcch,
giusta’na còtta, domà el temp d’on fior.
Cambi de ròtta a l’Università.
Chimica, fisica e microbiologia ….
e me intrigava quèlla succia scenza:
stracca de fà ‘l cazzuu sora on sònett,
assee n’avevi de perduu poètta,
di lor cuntee per i carèzz mancaa.
86
Girotondo di fantasie
La fantasia si va a nascondere sotto le scarpe,
nemmeno una lacrima sui libri degli esami.
E poi, d’un botto, tra le nuvole c’è trambusto
il mio “Amorino” cade giù dalla culla
e mi infilza con tutte le sue frecce.
Il cuore batte così forte che quasi si contorce:
fuco e passione, amore sanguigno,
amore di braccia e mani strette da togliere il fiato.
E se dio vuole…mi sono soddisfatta …
Passa qualche anno e poi una brusca sterzata,
si presenta un occasione da prendere al volo.
Una “partita doppia” mi incastra
i conti di altri da far quadrare
intanto che il mio bilancio personale traballa un po’.
Brucia ancora sulle spalle quella puntura (di frecce)
la brace del primo slancio è ancora vivida
non voglio che si trasformi in cenere.
Più di vent’anni spesi sopra i registri contabili
ma sempre con un libro vicino al cuore.
Il mio “Cupido” bolso e un po’ invecchiato
passa le sue giornate a fare la punta alle frecce,
sempre annoiato e poco convinto,
a me arriva solo la polvere di ferro della spuntatura.
Ritorno da capo oggi alla poesia
e l’ “Amorino” miope butta giù una freccia.
Svelta scivola via: è passata l’ora..
non è più la mia stagione: va, vola via.
87
Bicocchin de fantasii
La fantasia se scond desòtt i scarp,
nanch on magon sui liber de l’esamm.
E poeu, d’on bòtt, tra i nivoll…babilònia:
el mè “Amorin” el borla giò de cuna
e tutt i sò saètt pronti me infilza.
El coeur el va tant fòrt che squas se invèrsa:
foeugh e passion, amor sanguin,
amor di brasc e man strètt da toeu ‘l fiaa.
E se dio voeur … hoo in fin scoduu la set.
Passa on quai anni e poeu…sterzada brusca,
se prèsta on occasion de ciappà al vol.
Ona partida doppia la me incastra,
i cunt di alter gh’è de fà quadrà
intant che’l mè bilanc on poo sballòtta.
La brusa anmò sui spall quèlla spongiuda,
la brasa del primm slanz l’è adèss fiammant,
mì voeuri nò che in scendra la se muda.
Pù de vint ann spenduu sora i register
ma semper cont on liber taccaa al coeur.
El mè Cupido, bols e on poo andeghee,
el passa i sò giornad a guzzà i frècc,
semper lojaa e pòca convinzion:
per mì domà polver de la limadura ….
Torni de capp incoeu a la poesia
e l’ “Amorin” tobìs el butta giò ona sfresa.
Svèlta scarliga via: passada l’ora…
l’è pù la mia stagion… Và, vola via!
88
Girotondo di fantasie
Impressioni su Gaudì
Cosa c’è di meglio del mio dialetto
rotondo e nel contempo lussureggiante
per descrivere questo architetto
che ha cambiato il Novecento.
Genio intraprendente, irruente e armonioso
con i suoi camini corpulenti e graziosi.
Brivido di piacere che ti avvolge
davanti a balconi morbidamente arrotondati.
Arcipelaghi di isole luccicanti
nelle sue finestre avvolgenti.
Miscellanea di rami e fiori
dall’azzurro a tutti i colori.
Soffitti leggeri e inarcati
pareti ondulate e particolari,
conchiglie e pesciolini dentro in casa
che ti sembra di essere al mare.
Concezione del modo di vivere cambiata
e ce ne sarebbe da dire ancora …
89
Bicocchin de fantasii
Impression de Gaudì
‘Se gh’è de mej del mè dialètt
redond e smòrbi a l’istèss temp
per cuntà sù de ‘sto architètt
che l’ha mudaa el novecent.
Gèni temerari, brandinèll e armonious
coi sò torritt bottoruu e grazios
Sgrìsor de piasè spantegaa
dinanz a di ringher morisnaa
Ròsc de isol sberlusent
coi sò finèster involtaa dent
Missòlta de bròcch e fior
dal celèst a tutt i color
Plafoni legger e inarcaa
pared ondaa e bizzar
arzèll e pessit denter la cà
che par de vèss al mar.
Concezion de vita mudada
el rest…l’è moneda …
90
Girotondo di fantasie
Ventagli
Dietro ad un ventaglio c’è sempre un mistero:
la scusa per usarlo è l’accaloramento
spesso però diventa come un armadio guardaroba
dove cacciare e nascondere dispiaceri, crucci e grane.
Gli occhi, si dice, sono lo specchio dell’anima,
tradiscono i tuoi sentimenti
e quando non c’è il modo di chiuderli,
pizzo e bacchette ti vengono in aiuto.
Porta il ventaglio fino a coprirti il naso
e le tue pupille lì dietro si nasconderanno,
con discrezione potranno guardare intorno in pace
e sicuramente non si offenderà nessuno.
A sbadigli di noia o a sospiri di passione
un bel “pavese” (del ventaglio) fa sempre da sponda
e ti porta fuori dall’imbarazzo
intanto che la mano svelta lo fa dondolare.
Antico garbo che è ancora di moda
questo di sventolarsi da sotto in su
e per qualcuno è quasi come una droga
che quando ti prende non ti lascia più.
Così acquista ventagli di tutti i tipi,
di seta preziosa o di carta semplice,
di così tanti colori che ti si spalancano gli occhi,
solo ad aprirli emanano aria di festa.
Rosa confetto coi fiori in trasparenza,
giallo girasole ricordo dell’Olanda,
viola sfumato color della Provenza,
rosso veronese con gli smerli neri.
91
Bicocchin de fantasii
Crespitt
Dedree on crespin gh’è semper on misteri:
la scusa de doprall hinn i scalmann
sovenz però l’è pròppi ‘me on guarneri
indoe fognà patèma, cruzzi e grann.
I oeugg, se dis, de l’anima hinn speggera,
hinn bolgironi di tò sentiment
e quand de sarai sù gh’è nò manera
listèi e pizz te pòrta giovament.
Mèna el crespin fin a quattà ‘l tò nas
e i tò popoeu dedree se scondarà,
con discrezion sbarloggiarann in pas
e de sigura nissun se offendarà.
A sbagg de lòja ò a passionaa sbanfad
on bèll paves fioraa fa semper sponda
e de l’infesciadura te fa evad
intanta che la man, svèlta, le donda.
Antiga grazia che l’è anmò de vòga
quèsta de sventolass de sòtt in sù
e per quaivun l’è squasi ‘me’ na dròga
che quand te ciappa la te lassa pù.
Inscì quista crespin de tutt’i foeugg,
de seda rara ò de carta modèsta,
de tant color che se sbaratta i oeugg,
domà a dervii emana aria de fèsta.
Ròsa benis coi fior in trasparenza,
giald girasô sovenir d’Olanda,
vioeula sfumaa color de la Provenza,
ross verones col negher ‘me ghirlanda.
92
Girotondo di fantasie
Ventagli sensali di matrimonio nel passato Ottocento,
aperti o chiusi, fissi o in movimento,
ogni posizione significava un sentimento
per tirare alle lunghe con lo spasimante.
Oggi d’amore si parla tanto chiaramente
e si sbandierano a tutti i propri sentimenti
che un sano pudore risveglia sospetto
e genera davvero anche qualche lamentela.
A volte sarebbe sufficiente un bel ventaglio
per sminuire certe scomode verità,
per condir via almeno un pochettino
un’opinione che potrebbe dar fastidio.
Quello grigio canna di fucile lo tengo in borsetta,
sembra una “colt” con il colpo in canna,
pronto ad aprirsi alla prima difficoltà
così da calmare qualsiasi trambusto.
93
Bicocchin de fantasii
Crespitt sensai in del passaa Vòttcent:
vèrt ò saraa, fiss ò dondinant,
ògni movuda l’era on sentiment
per tirà in longh cont el spasimant.
Incoeu d’amor se parla tanto s’cètt
e se sbandera a tucc i pròpri pagn
che on san ritègn disseda di sospètt
e genera de bon anca on quai sguagn.
Di vòlt el saria assee on bèll crespin
per smorzà on poo d’incòmod verità,
per condì via almen on ciccinin
on’opinion che podaria scottà.
Quèll gris ‘me s’ciòpp le tègni in la borsètta,
el par ‘na “còlt” cont el colp in cana,
pront a derviss a la prima rognètta
inscì la balca qualsesia boriana.
94
Girotondo di fantasie
Milano Malpensa
E’ arrivata l’ora.
Si abbassano gli alettoni
si chiudono le cinture
si spengono le luci.
Milano ci aspetta
laggiù.
E’ arrivata l’ora:
Milano non si vede.
Intorno a noi
panna gonfiata e soffice,
al posto della terra
solo nebbia fitta.
E’ arrivata l’ora:
il mio vicino pallido
mi afferra le mani
“condividiamo lo spavento”
mi sussurra.
Milano ma dove sei finita?
E’ arrivata l’ora:
scuotimento e frastuono.
Le ruote strisciano sulla pista
ed io freno coi piedi.
Mi divincolo dalle mani sudate.
Milano ci accoglie sempre.
95
Bicocchin de fantasii
Milano Malpensa
El dì batt l’ora:
se sbassa i aletton
se sèrra i sent
se smòrza i lus.
Milan ne spètta
là giò in fond.
El dì batt l’ora:
Milan le se ved nò.
Intorna a numm
pànera s’cionfa e sòra,
inscambi de la tèrra
domà scighera èrtiga.
El dì batt l’ora:
el mè vesin sbiavaa
me sciampa i man
“spartissom el scaggètt”
me dis sòttvos…
Milan doe te seet andaa?
El dì batt l’ora:
s’gigottament e baccaneri.
I roeud sfrisa la pista
e mì frèni coi pee.
Ghe mòlli i man sudad.
Milan ne ricev semper!
96
Girotondo di fantasie
Parole e nuvole
Quando la mente ama distrarsi
nel pomeriggio solitario e assonnato,
la fantasia vola al di là dei muri
attraversa nuvole gonfie e scontornate
che scivolano veloci, una sull’altra,
e scoprono sagome di animali inusuali.
Apro allora la mia scatola di dolcezze
dove la parole sono caramelle succose
per me tutte nuove e da succhiare.
Nomi, aggettivi, verbi da coniugare
che suonano come note da scrivere insieme
in una partitura semplice e originale.
Oggi, ai miei occhi, il cielo è un grande stagno
dove un rospo smeraldino gracida
ad un airone cinerino slanciato e saltellante.
Airone che di un insignificante pesciolino “gambusino”
vorrebbe sicuramente far piazza pulita.
Dall’altra parte un ramarro, un toporagno e una biscia d’acqua
quatti quatti strisciano calmi come vecchietti
mentre due tarabusi e un chiurlo maggiore (uccelli)
svolazzano dispettosi e con l’aria di prendere in giro sopra
ad un cane addestrato proprio per stanare gli uccelli ma addormentato
che, subito, si sveglia tutto spaventato.
Anche le le nuvole cambiano forma in movimento:
il mio stagno sembra un dipinto
di quelli da appendere alle pareti bianche.
Un bagliore e un aereo rumoroso mi risvegliano
e frammentano in un attimo il quadretto,
abbasso la testa, appoggio la penna e ricomincio da capo.
Figlia, moglie, mamma e nonna contemporaneamente,
in fretta e furia sempre pronta ad adoperarsi
per consolare i piagnistei di tutti
con un sorriso stampato sulle labbra,
ad incastonare i miei “gioielli” con amore e precisione
negli anelli che poi la vita incatena
97
Bicocchin de fantasii
Nivol e paròll
Quand che la mia ment la va in stondera
in la bassora soturna e insognorenta,
la fantasia sgora travers i mur,
la scarpa nivol s’cionf e sperlusciaa
che sghien a svèlt, voeuna in su l’altra
e la disquatta sagom di bèsti foeura de l’abitudin.
Dèrvi allora el mè scrign di bombon
indoe che i paròll hinn caramèi giussos
per mì tucc noeuv, tucc de sciscià.
Nòmm, aggettiv e vèrb de declinaa
che sònen come nòt de mètt insèma
in d’ona partidura s’cetta e original.
Incoeu, per i mè oeugg, el ciel l’è on gran padù
in doe on baggaggèll fa’l vers di ran
contra ona sgarza slanzada e saltadora.
Lee che d’on gambusin senza saviezza
la voraria, segura, fà pièna spazzetta.
De là on ghèzz, on ratt orbin e on milordon
lòtt lòtt se strusen veggios e padimaa
intant che duu sgolgioni e voeuna arcassa
sgoratten dispettos e soiador in sens invèrs
de quell de’l can de borida indormentaa
che, pront, se disseda tutt stremii.
Anca se i nivol van adree a mudà
el mè stagn el par ona pittura
de quèi de taca su a i pared bianch.
On stralusc e on aereo frecassent dann la levada
e scompònen d’on bòtt tutt el quadrètt,
mì sbassi el coo, pondi la pènna e torni de capp.
Tosa, miee, mamma e mamagranda insèma
pesg che in prèssa semper protesa
a trà in solliev i mognament de tucc
cont el sorris stampaa’n su i laver,
a ligà i mè giòi cont amor e con giustèzza
in di anèi che la vida mètt in cadèna.
98
Girotondo di fantasie
Lacrime asciutte
Io che piango per un applauso
o peggio ancora per la musica della banda.
Io che mi commuovo sentendo un soprano cantare un “aria”,
che bagno piangendo il cuscino a letto
mentre ascolto una Sonata di Chopin
o leggo con passione un romanzo.
Io che ho gli occhi umidi, ugualmente, dopo una risata
se qualcuno mi racconta una barzelletta.
Io che ho pianto per i miei cani
quando era arrivato il loro ultimo momento,
lacrime e dispiaceri condivisi con i figli
quando sono arrivati i loro primi sospiri d’amore.
Io….nemmeno una goccia per la tua partenza
…il canale delle lacrime rigogliose si è asciugato!
Da un po’ di tempo mi pesava la tua insolenza,
il tuo essere tanto polemico e malmostoso,
geloso dei miei interessi fuori di casa
senza conoscerne pregi e difetti.
Ti lascio il tempo di cuocere e di roderti dentro
e volentieri ti cedo il fazzoletto.
99
Bicocchin de fantasii
Lacrim sugaa
Mì che caragni per on battiman
o pesg anmò per musica de banda.
Mì che macari a l’ “aria” del sopran,
che masari el cussin sora la branda
intant che del Chopin scolti i Sonad
o legi con passion on romanzètt.
Mì che lucci, a l’istèss, dòpo i ridad
per chi me cunta sù gustos spillètt
Mì che hoo piangiuu per i mè cagnoeu
quand l’era l’ora de lassà el respir,
lacrim e cruzzi spartii cont i mè fioeu
quand compariven di novèi sospir.
Mì….nanch ‘na gotta per la toa partenza.
…sugaa el canal di lacrim bondanzios!
De on poo pativi el pes de la insolenza,
del tò vess tant resiètt e malmostos,
gelos di mè interèss foeura de cà
senza conoss né i pregi né i difètt.
Te lassi el temp de coeus e on poo biscà
e volontera te cedi el fazzolètt.
100
Girotondo di fantasie
Un soffio di vento
Un soffio di vento di tramontana ha fatto volar via i petali
di un fiore appena sbocciato sul suo esile stelo.
Una parola di troppo ha sciolto un legame
costruito con mattoni di fragile argilla.
A volte le parole sono scivolose,
come saponette scappano dalla mente più sincera
ed escono con violenza nel momento meno opportuno.
E prima di riuscire a trattenerle…il danno è fatto.
Labbra giovani e ardenti: chiudetevi in tempo
Denti ancora bianchi e lucidi: mordete la lingua
Polmoni: apritevi adagio in un profondo respiro.
Corde vocali: aspettate un poco prima di vibrare.
Forse la relazione si era già incrinata:
nemmeno un sorriso ipocrita o un silenzio sornione
l’avrebbero ricucita nuovamente
ma il vento di quelle parole è stato fatale.
Piccoli fiocchi di neve punzecchiano la tua brutta faccia
e poi si trasformano in una pioggia stanca.
Quanto avrei voluto un’acquazzone ingannevole
che si sarebbe mischiato a quelle lacrime finora risparmiate.
Subito mi faccio da parte completamente svuotata
intontita da tante parole prive di cortesia.
Calpesto fiori e foglie caduti nella fanghiglia
e mi incammino lentamente verso una nuova prova.
101
Bicocchin de fantasii
On rebuff
On rebuff de tramontana ha spampanaa i corònn
d’on fior appèna germojaa sora el sò gamb sottil.
Ona paròla de tròpp l’ha desligaa on vincol
tiraa sù con quadrèi de fragil tèrra crèa.
Di vòlt i paròll hinn scarlighent,
‘me savonètt scantònen de la ment pù s’cètta
e de violenza sortissen in del temp sbagliaa.
E prima de reussì a fermai …. la scòppola la vègn.
Laver gioin e fogos: sarev a temp.
Dent anmò sberlusent: mordì la lengua.
Polmon: dervìv adasi in d’on fiaa fond.
Còrd de la vos: intardeves on poo prima de palpità.
Fòrsi la relazion l’era giamò scrizzada:
nanca on sorris morgnin e on silenzi sornion
l’avarien cusida ben anmò de noeuv
ma el vent di quèi paròll l’è staa fatal.
Frispol de nev spongignen la toa ghigna
e poeu se muden in ona pioeuva stracca;
quant’avaria vorsuu ona sluscia bosarda
de mes’cià coi lacrim finadèss sparagnaa.
A svèlt me foo de part pièna de voiamm,
inlocchida de tant paròll senza manera;
trapèsti fioramm e foeuj crodaa el la moiascia,
bissin bissoeura vèrs ona noeuva proeuva.
102
Girotondo di fantasie
Silenzio consolatore
A mollo nel mio brodo ma senza boria
gallina pallida sempre curiosa,
chiudo la porta dei miei pensieri agli altri
anzi spesso faccio loro da confessore.
Mi cadono addosso con le loro magagne
e io come calamita le trattengo,
che siano dei drammi o delle bazzecole
quando vacillano pronta li sostengo.
Mi offro interamente a loro, silenziosa e asciutta (legnosa),
senza saccenteria e senza fare ramanzine
e intanto che passano in rassegna i loro fatti
c’è una migrazione di problemi da loro a me.
Come un fiume in piena mi inondano,
senza concedere replica si sfogano:
i figli, la zia, l’amica furibonda,
quella confusa dopo una sera di gozzoviglie.
Non sono Santa e non voglio candele
ma quel silenzio che riesce a sciogliere i loro nodi
è pesante per me e ostile per il mio cuore
e non pronunciare parole è una grande fatica.
Bocca cucita, orecchie ben aperte,
distinguo i loro torti, esalto la loro ragione
fino a quando non abbandonano il dispiacere tanto patito
e lasciano a me tutta la consunzione.
Ma io sono fatta così, bilancia per segno,
educata da subito alla pazienza,
la mia natura mi impone riservatezza,
dentro il fuoco ma esternamente molto equilibrata.
A dirla tutta un po’ questo fatto mi piace
mi gioca bene assorbire lamenti e guaiti,
acquisto esperienza sopra i loro casi,
evito cadute e forse scanso danni…..
103
Bicocchin de fantasii
Silenzi consolador
Mojada in del mè broeud ma senza suss,
sbiacca pollanca in cerca de savor,
di mè cuntee ai alter sari l’uss
anzi de spèss ghe foo de confessor.
Me borla adòss cont i sò cattanaj
e mì ‘me calamita gh’je retègni,
che sien di dramma o inveci baravaj,
quand che bacilla prònta je sostègni.
Me offrissi intrega a lor, soturna e slègna,
minga con platta e senza fà rangògn
e intanta che i sò fatt passa in rassègna
de lor a mì gh’è migrazion de rògn.
Compagn de on fiumm in pièna lor me inonda,
senza concèd la replica se sfòga:
i fioeu, la zia, l’amisa furibonda,
quèlla intronada da ‘na serada in gòga.
Son minga Santa e voeuri nò candil
ma quèll silenzi che i sò gropp disliga
per mì l’è grev e per el coeur ostil
e mandà giò i paròll l’è gran fadiga.
Bocca cusida, orègg ben ben avèrt,
scèrni i sò tòrt, esalti la reson
finchè bandona el cruzzi tant soffèrt
e lassa a mì tutta la consunzion.
Ma mì son fada inscì, libra per sègn,
a la pazienza de subit educada,
la mia natura la me impònn contègn,
dedent el foeugh ma foeura assee posada.
A dilla tutta on poo ‘sto fatt me pias
me giuga ben sorbì lament e sguagn,
quisti esperienza sora de i sò cas,
slisi di tòmm e fòrsi scansi dagn…
104
Girotondo di fantasie
Stonature
Per far suonare come musica le mie rime
che oggi la fantasia mi ha ispirato
ci vuole pazienza e spuntare con la lima
le troppe parole accavallate di fretta.
Meglio sarebbe sicuramente farsi cantante
come “cinguetta” a scuola la maestra
ma i miei gorgheggi non sono troppo eleganti,
farebbero vergognare veramente tutta l’orchestra.
Lei, cinciallegra, accarezza l’armonia,
io gliela disfo…cornacchia che garrisce.
Non è invidia, solo un briciolo di disappunto
quando l’intonazione si ammoscia.
Io canto ugualmente, a volte a squarciagola,
con l’avvertenza di chiudere le porte
e i vetri ben serrati in sovrappiù
così che qualcuno non se ne è ancora accorto…
Però i miei cari conoscono la mia passione
e quando comincio a sproloquiare cantando
l’intero repertorio del mio Battisti
di lì a un momento si tappano le orecchie.
Ripetono ancora una volta questo burbero consiglio:
“Vai oltre, non fissarti sul canto,
svegliati e lascia perdere i sogni,
esalta altre qualità”
Mi prendo la strigliata e per un po’ mi defilo,
compongo e leggo i versi a mezza voce,
tutte le mie rime faccio passare al setaccio
e metto da parte quelle troppo ridondanti.
La radio suona musica “verdiana”,
intanto che gli altri dormono sodo (come un ghiro)
sollevo le spalle e la mia voce è distesa …
e stono con gran gusto” di quella pira…”
105
Bicocchin de fantasii
Stonad
Per fà sonà ‘me musica ‘sti rimm
che incoeu la fantasia la m’ha ispiraa
ghe voeur pazienza e codà coi limm
i tròpp paròll de prèssa montonaa.
Mèj el saria sigura fass cantant
come la cippa a scola la maestra
ma i mè gorgheg hinn nò tròpp elegant,
farien smaccà de brutt tutta l’orchèstra.
Lee, parascioeula, carèzza l’armonia,
mì ghe la dèsfi…cornaggia che sgariss.
L’ è minga invidia, domà on sbris d’arlia
quand che l’intonazion la se ingnecchiss.
Mì canti istèss, di volt a scarpagòss,
con l’avvertenza de sarà sù i pòrt,
e i veder ben blindaa soramaròss,
inscì che certi nananmò ‘l s’è accòrt…
Però i mè car conossena mia passion
e quand che tacchi fòrt a squaquarà
del mè Battisti l’intrega produzion
de chì a on moment i orègg vann a sgurà.
Tornen anmò de capp con ‘sto rangògn
“Eh salta ‘sta murella del cantà,
dissedes foeura e lassa pèrd i sògn
e pòrta ai stèll i alter qualità!”
Ciappi la refilada e on poo stoo schiscia,
compòni e leggi i vèrs a mèzza vos,
tutti i mè rimm sedazzi a la gradiscia
e mètti a part quèi tanto bondanzios.
La radio sòna musica “Verdiana”,
intant che i alter dòrma ‘me ona gira,
tiri sù i spall e la mia vos l’è piana…
e stòni de gran gust “di quella pira….”

IV
capitolo
Temp e stagion
Appunti sui quattro pilastri della Natura
108
Girotondo di fantasie
Primavera
Cosa sarà questo svegliarsi in un orario diverso
in fretta e furia e con il fiato corto?
Orecchie tappate, racchiuse nella bambagia,
e così la radiosveglia per me non suona.
Strana vibrazione vicino al cuore,
antifona di un pizzico di dolore.
Allegro e veloce un passerotto svolazza
dietro al seno e intorno all’ombelico.
Sento sulle labbra un sapore forte
come dopo aver succhiato dei ribes aciduli.
Sarà la primavera o un sogno d’amore?
“ Reflusso gastrico” conferma deciso il Signor Dottore
109
Bicocchin de fantasii
Primavera
Se l’è ‘sto dissedass al temp sbagliaa
in pressa ‘n prèssa e col fiaa mocciaa?
Orègg stoppaa, voltaa dent del bombas,
la radiosveglia inscì per mì la tas.
Bizzarra vibrazion vesin al coeur
antifona de on sgrisorin de doeur.
Legrios e svigg sgoratta on passarin
dedree di tètt e intorna al bamborin.
Savor decis che’l se depònn sui laver
‘me dòpo avè scisciaa di ribes agher.
Sarà la primavera ò on sògn d’amor?
“Reflusso gastrico” ‘l tròna el scior Dottor ….
110
Girotondo di fantasie
Autunno
Mattina piovigginosa, un giorno d’autunno.
Vado a zonzo per il parchetto con le mie “lune”.
Completamente vuoto sembra un bosco stregato
di tanto silenzio si rimane un po’ sconcertati.
Sono cento e sono eccitanti queste sfumature autunnali:
del giallo, del verde, del rosso e dell’arancione
ma quello che incanta è quest’aria pura
soffiata da una fata…civettuola.
Nonostante la pioggia qui c’è festa,
una musica da ballo mi risuona in testa.
To-toc delle ghiande e delle castagne d’India,
loro, nel “mambo”, sono superiori agli altri.
Cadono accoppiate le foglie gialle del rovere
sopra un tappeto rossiccio, a ritmo di “beguine”.
Altra soffiata e quel mucchio di foglie
comincia una “polca” intorno alle sterpaglie.
Un ramo spoglio si struscia verso terra,
un “tango” appassionato in lotta contro il vento,
dondola sensuale, trema come una gelatina
e poi si arrende a lui con un casché.
I sempreverdi molleggiano un “cha-cha-cha”
allungano i loro rami e poi li fanno intrecciare.
Rimango stupita e mi guardo in giro diffidente
ma poi applaudo tutta accalorata.
Magia dell’autunno e del suo ballo stregato
sopra ad un terreno tanto colorato.
E’ stato uno spettacolo molto suggestivo,
torno a casa e scaccio la malinconia.
111
Bicocchin de fantasii
Autunn
Mattina piovisnenta, on dì d’autunn.
Zonzoni in del parchètt cont i mè lunn.
Pien de vojamm el par on bosch striaa,
de tant silenzi se rèsta on poo sbandaa.
Hinn cent e inziga ‘sti autunnal nuanz:
del giald, del verd, del ross e del naranz
ma quèll che ingèrma l’è l’aria remondina
boffada de ona fata…sciguettina.
Amalasant la pioeuva chì gh’è fèsta,
‘na musica de ball me sòna in tèsta.
To-tocch di giand e di castègn indiann,
lor, in del “mambo”, di alter hinn sovrann.
Croda cobbiaa di rover foeuj gialdinn
sora on zerbin rossusc a ritmo di “beguine”.
Altra boffada e quèll mucciaa fojamm
tacca ‘na “pòlca” intorna al radisamm.
‘na bròcca biòtta se strusa contra tèrra,
on “tango” passionaa che al vent fa guèrra,
la donda sensual, barbèlla ‘me marbré
e poeu se rend a lù cont on casché.
I semperverd molleggia on “cha-cha-cha”
slonga i sò ramm e poeu je fa intreccià.
Mì rèsti lì e sbarloeuggi diffidenta
ma poeu ghe batti i man tutta foghenta.
Magia d’autunn e del sò ball striaa
desora a on soeul tant coloraa.
L’è staa on spettacol de granda suggestion,
mì torni a cà e casci via el magon.
112
Girotondo di fantasie
Il sole dell’estate
Per qualche giorno si è vantato oltre misura
si dava delle arie, un po’ arrogante,
padrone dispotico di un blu che brillava,
sbruffone e provocatore con i suoi raggi.
Non discreto e per nulla vergognoso
metteva in mostra tutta la sua nudità,
nemmeno un velo copriva la sua forza,
con grande calore asciugava persino il mare.
Estate…la sua stagione…era previsto…
ma con un sole così esaltato che prende in giro il cielo
certamente si solleva invidia e anche ripicche
della nuvolaglia grigia che nel frattempo, isolata, dormicchia.
All’inizio è stato come uno scalpiccio,
un suono sordo, incerto e leggero.
Poi un soffio di vento fa volare via la mia biancheria
ma lui, spavaldo, non molla l’osso…
Lampi da fine del mondo e una gran quantità di tuoni,
il sole fatti a pezzi da fruste e spade affilate,
nuvole che alla fine svuotano con una gran foga
tutta la rabbia accumulata nella mortificazione.
L’estate è così, di nuovo lui riappare,
con le orecchie abbassate e il fuoco più moderato,
deliziose carezze distribuisce sulle spalle,
concede un clima ideale per una sana vacanza.
Anche da noi mortali si sa che la virtù
sta proprio nel mezzo delle situazioni
e chi volesse strafare si sappia regolare …
meglio di una parabola vale questa baruffa.
113
Bicocchin de fantasii
El sô de l’estaa
Per on quai dì l’ha mettuu giò on smargiass,
faseva el stimiscètta, on poo borios,
spòttich padron d’on bloeu che sbarlusiva,
ganassa e pizzafoeugh cont i sò ragg.
Minga discrètt, nagòtta vergognos,
mètteva in mostra tutta la biottezza,
gnanca on quai vèll quattava la soa fòrza,
con gran calor sugava fin el mar.
Estaa…la stagion soa… l’era previst…
ma cont on sô gasaa che’l sbèrgna el ciel
cèrt se solleva invidia e anca i repicch
del nivoleri gris che intanta, soll, pisocca.
Prima l’è staa ‘me on strusament de scarp,
on son de s’cèpp, incèrt e on poo smorzaa.
Poeu ‘n boff de vent el volta là i mè pagn
ma lù, ruffald, minga che’l mòlla l’òss ….
Stralusc de finimond e de tronad sfragèll,
el sô faa a tòcch de frust e spad molaa,
nivoll che’l svoeuia infin con’na gran fòga
la tanto montonada rabbia camuffa.
L’estaa l’è inscì, de capp lù’l compariss,
i orègg sbassaa e’l foeugh pù moderaa,
carèzza deliziosa dispensa sora i spall,
clima ideal conced per ‘na vacanza sana.
Anca de numm in tèrra se sa che la virtù
pròppi in del mèzz di situazion la sta
e chi el vorèss strafà se sappia regolà …
mèj de’na prèdica la var ‘sta sbaruffada.
114
Girotondo di fantasie
Terra ballerina
Sassi sopra sassi.
Polvere e silenzio.
Racconti di vecchi
che piangono impotenti.
Nasi di cagne segugio.
Rassegnazione e dolore.
115
Bicocchin de fantasii
Tèrra ballarina
Sass sora sass.
Polver e silenzi.
Cuntee di vègg
che luccien impotent.
Di cagn sauss i nas.
Rassegnazion e doeur.
116
Girotondo di fantasie
Inverno
Arena in festa, il palco è a cielo aperto,
si recita a soggetto su di una trama antica.
Quattro attori si alternano sulla scena,
chi fa il gigione e chi sta nelle righe.
Sono “Le Stagioni” che fanno il loro girotondo
e noi tutti a sperare che questa terra
non caschi giù, nemmeno un pochettino,
e che non si sollevino più venti di guerra.
Adesso balla l’Inverno, è il suo momento,
“Novello Amleto” non è molto deciso:
un giorno di sole e un giorno grigio argento,
nevischio gelato o larghe falde all’improvviso.
Sensazione di freddo bruciante nelle ossa,
voglia di fuoco, di lana, di arance,
di vedere amici e far insieme comunella,
di scrivere della tua vita un gran romanzo.
La spara grossa per fare più cassetta
e tutti siamo incantati da tanta forza
ma si confonde e va oltre misura
e la sua bianchezza ci copre come una scorza.
Grande il monologo, piuttosto originale,
ma poi torna a ripetere il repertorio:
acquerugiola fredda e un venticello gelido,
fiato che fa fumo sotto un cielo color avorio.
Tre mesi di recita che non si possono accorciare.
Dietro alle quinte scalpita la Primavera:
qualche pianta comincia già a germogliare
e io…pianto l’Inverno volentieri.
117
Bicocchin de fantasii
Invèrna
Arèna in fèsta, el palch l’è a la serèna,
se rècita a soggètt su trama antiga.
Quatter attor se altèrna in su la scèna,
chi fa’l gigion e chi sta in de la riga.
Hinn “I Stagion” che fa el sò bicocchin
e numm tucc a sperà che quèsta tèrra
la borla minga giò, nanca on ciccin,
e se solleva pù’n quai vent de guèrra.
Adèss balla l’Invèrna, l’è’l moment.
“Novello Amleto” l’è minga tròpp decis:
on dì de sô e on dì grisaa d’ argent,
rabbia de nev o fald a l’improvvis.
Freggiura spongignenta dent i òss,
voeuja de foeugh, de lana, de naranz,
de ved amis e insèma fà on poo sciòss,
de scriv de la toa vita on gran romanz.
La spara gròssa per fà sossènn cassètta
e tucc sèmm ingermaa de tanta fòrza
ma se sconfond e passa la stacchètta
e de la soa bianchèzza ne fa scòrza.
Grand el monòlogh, puttòst original,
ma poeu ‘l torna de capp al repertòri:
acquètta frèggia e on ventisèll glacial,
fiaa che fa fumm sòtta d’on ciel d’avòri.
Trii mes de rècita che se pò nò scurtà.
Dedre di quint pessega Primavera:
ona quai pianta la tacca già buttà
e mì … pienti l’Invèrna volentera.
118
Girotondo di fantasie
Neve assassina
Viene giù fitta, fiocco sopra fiocco,
coriandoli sbiaditi di un nero carnevale.
Cambia aspetto, bugiarda e cattiva strega:
è una coperta soffice per tenere caldo un sogno,
è un pesante mantello che ti soffoca e ti avvolge,
è l’immacolato sudario di tante voci tacitate.
119
Bicocchin de fantasii
Nev sassina
La vègn giò spèssa, fiòcch sora fiòcch,
sbiavii coriandol d’on negher carnevaa.
La muda aspètt, bosarda e mala stria:
l’è ‘na covèrta sòra de tegnì cald on sògn,
l’è on grev tabarr che’l te tarnega e involtia,
l’è ‘l verginal sudari di tanti vos zittii.

V
capitolo
Esercizzi de scòla
Ma quanto ci si diverte ad imparare il Milanese:
parodie e giochi linguistici
per approfondire le nozioni lessicali
122
Girotondo di fantasie
Come urlava…
C’eravamo visti qualche volta
all’entrata ventitré
un massa di tifosi
mi è capitato di pestargli i piedi;
ma la sera del Derby
quando il mio Stadio era pieno
ci siamo ritrovati sopra un gradone
con le bandiere intrise di veleno.
Tutto avvolto nel suo cappotto
con gli occhi fuori dalle orbite
anche pronto a fare a botte …
mi sembrava bello come il sole.
E io ripenso a quel fallo di rigore
quando non stavo nella pelle per la mia foga
vicino a me … quasi quasi mi toccava
ma come urlava, ma come urlava.
“Ma poi c’era quel rigore?”
Mi domanda lì per lì:
pallida, ormai senza colore
gli ho risposto…di sì.
Cosa m’importa del rigore
se diventiamo buoni amici
spegnerò tutto il fervore
per un briciolo del suo sorriso.
Passano tempo e Campionati
con la testa sempre al pallone
bruciano veloci quindici giornate
e i ricordi tornano a galla
123
Bicocchin de fantasii
Come’l vosava
Serom vist ona quai vòlta
a I’entrada vintitrè
de tifos ona missòlta
m’è toccaa pestagh i pè;
ma la sera del DuèlI
che’l mè Stadi l’era pien
numm se troeuvom su on basell
coi bander moeuj de velen.
Tutt fassaa in del sò pastran
cont i oeugg foeura del coo
anca pront a moeuv i man…
me pariva bell ‘me’l sô.
E mì ripensi a quell fall de rigor
quand tripillavi per el mè ardor
visin a mì… squasi squas me toccava
come’l vosava, come’l vosava.
“Ma poeu gh’era quèll rigor?”
Me domanda lì per lì:
smòrta e ormai senza color
mì gh’hoo responduu… de sì.
Mi me n’infa del rigor
se diventom bon amis
smorzaroo tutt el fervor
contra on zichh del sò sorris.
Passen temp e Campionaa
cont el coo semper in Balla
brusen svèlt quindes giornad
e i ricòrd vègnen a galla.
124
Girotondo di fantasie
E io da sempre dell’altro colore
ho spento del tutto tutto il mio ardore.
Era importante sapere che mi amava
ma come urlava, ma come urlava.
Poi arriva la stangata
per un giro di brutte scommesse
lasua squadra scivolata …
adesso mi guardava di traverso.
Io volevo seguirlo
ma le trasferte erano rognose
ogni volta una gran sofferenza
mi tornava imbronciato.
E di lui non ho più notizie
è il destino che ci ha divisi
sarà pieno di rughe o ingrassato
ma mi manca il suo sorriso.
E adesso che guardo da sola la televisione
calma e lontana da quel vecchi fervore
mi ricordo di chi mi incantava …
ma come urlava, ma come urlava.
(parodia di “Come pioveva” canzone del 1918 scritta e cantata da Armando Gill e successivamente
ripresa da altri famosi cantanti quali Achille Togliani e Massimo Ranieri)
125
Bicocchin de fantasii
E mì da semper de I’alter color
hoo sbassaa giò pròppi tutt el mè ardor
L’era important de savè ch’el me amava…
come’l vosava, come’l vosava.
Poeu la riva la stangada
per on gir de brutt scommèss
la soa squadra scarligada…
me guardava adèss de sbièss.
Mì vorevi andagh insèma
ma i trasfèrt eren rognos
ògni vòlta ona gran pèna
me tornava malmostos …
E de lù gh’hoo pù nozion
l’è el destin ch’el n’ha divis
sarà crèsp ò bottascion
ma me manca el sò sorris.
E ‘dess che vardi soturna el visor
quiètta e lontana da quell vègg fervor
mì me ricòrdi de chi me striava.,..
come’l vosava, come’l vosava.
126
Girotondo di fantasie
La Emme
Se sia cosa vera o falsa
non è il caso di discuterne a lungo,
non vi farò certo un poema
delle avventure di una certa Emme:
mi servono da esercizio
così a scuola mi comporto bene.
Ai suoi tempi era una modella
una ragazzetta mora e vivace,
scontrosa e furba,
non di certo di poco conto,
per volere il meglio
è diventata indossatrice.
Con un gruppo di balordi
si ingegna un bel sistema
per istruire qualche ragazza
ad aggiustare e poi indossare delle stoffe
importate fino dall’Oriente:
straordinarie ma tutte coperte di muffa.
Ma una vecchiaccia
maliziosa intermediaria
ordisce una fattura,
spropositata rispetto al peccato,
e la trasforma da Signora
a matrona parecchio cascante.
Con la salute malferma,
insicura senza appoggi,
il male la fa dimagrire
e a poco a poco perde bellezza.
Ieri mercante trafficona
ora malaticcia e sempre accigliata.
127
Bicocchin de fantasii
La Emma
Se l’è vera oppur ‘na balla
l’è nò el cas de cinquantalla,
ve faroo minga on poèmma
di mattad de ona tal Emma:
me servissen de esercizzi
inscì a scòla foo giudizzi.
Ai sò temp l’era modèlla
on mèzz mocc de carbonèlla,
malmostosa e malarbètta,
men che men mèzza calzètta,
per vorè mangià i marènn
la s’è fada manichèn.
Cont on ròsc de maltrainsèma
se mazzucca on bèll sistèma
de maistrà on poo de tosann
a mendà e mètt sù di pann
importaa fin de l’ Orient:
mirabilia tucc muffent.
Ma ona mòffa strangòssera
de marpiòna marossera
la macchina on malefizzi,
madornal de front al vizzi,
e la muda de madama
in matròna assee lanfana.
In del manich la se donda
malsicura senza sponda,
la se mala de magrèzza
maneman la perd bellèzza.
Ier mercanta maneggiòna
mò malingra e motriòna.
128
Girotondo di fantasie
L’Atelier è un luogo senza brio:
accidenti a quegli assegni scoperti!
Povera Emma raggirata
dall’avidità rosicchiata …
tagliamo corto con queste manfrine:
pagano pegno anche i furbetti.
Conciata male e mesta,
malandata e con tanti problemi,
ha pianto così tanto
quando è arrivato il mandato (di comparizione)
che è annegata tra le lacrime
bagnata fradicia.
(per conoscere i numerosi vocaboli del milanese è fondamentale abituarsi a sfogliare il
dizionario….: qui mi sono concentrata sulla lettera M cercando di dare un senso, più o
meno credibile ai miei versi)
129
Bicocchin de fantasii
L’è on mortòri l’Atelié,
marcanaggia ai cabriolé…
Pòra Emma mincionada
de ingordisia mordignada…
dèmm on taj a ‘sti monfrinn:
paghen dazzi anca i morgninn.
Malconsciada e magonenta,
malandada e magagnenta
inscì tant l’ha macaraa,
quand che l’è rivaa el mandaa,
che in di lacrim l’è negada
masarenta masarada.

VI
capitolo
Appendice
Piccolo esercizio di prosa con una dedica speciale
ai miei suoceri che hanno realmente vissuto
quanto ho cercato di riassumere in queste righe
132
Girotondo di fantasie
Un sentimento di ferro
E’ già da un po’ che mi guarda in controluce attraverso questa vetrata che mi custodisce come in gabbia nello stesso modo, ti saluto modestia, dell’Ara Pacis nella straordinaria Roma.
Mi gira intorno, legge tutto di come mi hanno estratto dai cardini, smontato, saldato di nuovo e rappezzato dopo i miei 80 anni di servizio molto più che onesto.
Il mio soprannome “Gamba di legno” la stuzzica e segue attentamente la guida che sproloquia di percorsi, di viaggiatori, di re e di politici: una relazione dettagliata asciutta e senza sentimento.
Girala come vuoi ma è sempre un discorso prolisso e assillante.
Adesso le racconto io la storia!..Si spaventa…la voce rauca è proprio la mia…
Mi dia retta. Sono io che parlo. Dal momento che un pezzo di legno qualsiasi sarebbe andato persino a scuola se non l’avessero circuito (ma questa è un’altra storia)…posso permettermi di far capire anch’io i miei sentimenti umanizzati.
All’inizio, è vero, sono stato affascinato dalla politica.
Portavo avanti e indietro solo muratori che andavano a Milano a costruire le fogne e operai che da contadini volonterosi buttavano nella nuovissima industria con la fame appassionata dei ragazzi e speravano che il pane dell’officina o del negozio avesse meno delle sette croste di quello della campagna e che fosse, se Dio vuole, stabile (modo di dire per intendere che speravano di guadagnare di più con meno fatica e con una paga garantita).
Nel tragitto, con movimento irregolare e affumicato a causa del carbone bruciato, discutevano di repressione, prepotenza e rivendicazioni e mi ero entusiasmato per bene per questa dottrina di libertà che avrebbe voluto pane, lavoro e giustizia per tutti. Covavo dentro di me il dispiacere
di essere inchiodato alla mia strada…altrimenti…avrei fatto … sarei andato ….avrei preso ….
Andiamo avanti. Quando ero giovane di donne ce n’erano poche, tutte a casa loro a curare i gelsi e i bachi da seta o per il raccolto ma pian piano sono venute fuori.
133
Bicocchin de fantasii
Sentiment de fèrr
L’è on poo che la me spèrla travers quèsta invedrada che la me ingarbia a l’istèss, te saludi modèstia, de l’Ara Pacis in la straordinaria Ròma.
La me gira intorna, la leg tusscòss de come m’hann scoduu, smontaa, saldaa de noeuv e taccònaa dòpo de i mè 80 ann de servizzi pussee che onèst.
El mè soranòmm “Gamba de lègn” la mètt in savor e la sta adree al ciceron che’l plata de tratta, de viaggiadori, de sovran e de politich: relazion statistica sècca e spassionada.
Toeulla de chì, toeulla de là ma l’è semper ona patafiada toeufiaa….
Adèss ghe cunti sù mì!..la se stremiss…la vos de rantegh l’è pròppi la mia…
La me daga a trà. Son mì che parli. De già che on tòcch de lègn qualsesia saria andaa financa a scòla se l’avèssen minga ingattiaa (ma quèsta chì l’è on’altra stòria) …. pòdi permettom de fà intend anca mì i mè sentiment umanizzaa.
In princippi, l’è vera, son staa ingermaa da la politica.
Portavi innanz e indree domà magutt che andaven a Milan a fà i fògnn e operari che de paisan volenteros se s’giaccaven in l’ industria noeuva noventa con la sgagnosa di sbarbatèi e speraven che’l pan de officina o de bottega gh’avèss men di sètt crost de quèll de la campagna e che’l fuss, se dio voeur, “fiss”.
Nel tragitt, zoppignent e tarneghent per el carbon brusaa, discuteven de repression, prepotenza e rivendicazion e me seri infolarmaa come se dev per ‘sta noeuva dottrina de libertà che l’avaria vorsuu pan, laor e giustizia per tucc; coavi denter on tosseghin per vèss inciodaa a la mia via ….se de nò….mì avaria faa … saria andaa ….avaria tòlt …
Tirèmm innanz. Quand seri giovin de dònn ghe n’era pòcch, tucc a cà soa a curà i moroni e i bigatt o per el regoeuj ma pian pian hinn vegnuu a voltra.
134
Girotondo di fantasie
Sono fatto di ferro ma ho sempre guardato di sottecchi con un po’ di batticuore
le belle ragazze che salivano e scendevano dalle mie carrozze.
Il mese di giugno poi quando c’erano le uscite per andare a raccogliere le ciliege..
Partivano bianche, con il tovagliolo a quadrettini dentro nel cestino e tornavano
nere e appiccicose ma le loro risate sonore erano spettacolari, di
quelle che non si possono trattenere.
Ieri rivoluzione di contadini e pendolari, cortei di lavoratori della città in
sciopero: oggi tutto il lavoro fatto è finito, subito messo a tacere e lasciato
a fermentare sotto pelle.
E’ cominciata una nuova guerra, nuove amare costrizioni e i miei operai
e i miei muratori…tutti a sparare senza saper per chi.
Disgustato e deluso dall’ignoranza dell’uomo…sono tornato alle donne.
Per troppi anni mi sono soddisfatto solo con le caviglie poi hanno
accorciato le gonne e ho apprezzato meglio l’articolo. Se poi avevano
una scollatura generosa e menavano il culo ero il più allegro che possa
esistere. Non serve altro!
Con la modernità volevano lasciare perdere il mio fumo e la mia corsa
zoppicante per un sistema elettrificato. Parole da sarto (modo di dire),
fatti concreti…nulla.
Penso di essere tranquillo quando tirano in piedi i tram con le ruote
gommate che bevono una strana zuppa di petrolio tutti i giorni.
Mi hanno festeggiato alla grande e mi hanno chiuso in un deposito,
con un po’ di rammarico.
Ma l’uomo smanioso senza la guerra non è contento e così si sono messi
ancora a combattere. Ieri amici e oggi nemici del tutto arbitrariamente.
E di…zuppa ce ne voleva parecchia.
Sono tornato buono allora e di gente ce n’era tantissima. Tanti sfollati che
non avevano più una casa, abbattuta dal Pippo e dai suoi compagni (aereo
inglese – bombardiere) E lì mi è cambiata la vita.
Ho voluto bene a tutte ma solo per una, bella come il sole, ho preso una
cotta, rintronato dalla sua parlantina e dal suo sorriso.
Nervosetta e riservata ma senza puzza sotto al naso. Di certo non una
135
Bicocchin de fantasii
Son faa de fèrr ma hoo semper sbarloggiaa cont on poo de batticoeur i bèi
tosann che montaven e smontaven de i mè vettur ….
El mes de giugn, poeu, quand gh’eren i sortid per i scires de cattà ….
Partiven bianch cont el mantin quadrèttaa denter del cavagneou e tornaven
negher e mostolent ma i sgavasciad eren spettacolar e de quèi che se
rièss nò a frenai.
Ier rivoluzion di bosin e baditt, cattafira de lavorador de la città in
sciòper: incoeu òper compii e subet mèttuu a tasè e lassaa a surbuì sòtta
la pèll.
Ona noeuva guèrra l’è taccada, noeuv cadènn de mastegà e i mè operari
e i mè magutt….tucc a sparà senza savè per chi …
Ingòssaa e smorfiaa de l’ignoranza l’òmm… son tornaa ai dònn..
Per tròpp ann me son scoduu domà cont i cavigg poeu hann scurtaa i socch
e hoo stimaa mèj l’articol. Se gh’aveven la scalfadora generosa e faseven la
cinciappètta mì seri el pussee allegher che ghe sia.
Noccoralter!
Con la modernità voreven bandonà el mè fumm e la mia corsa
bettegada per on sistèma elettrificaa. Paròll de sart, fatt concrètt
nisba.
Son dree a tirà el fiaa quand che concerten de trà in pee i tramvai
cont i roeud de gòma che beven la soa sbòbba de pètròli tutt i dì.
Fèsta in “pompa magna” e son staa saraa sù in d’on depòsit, con
on filin de magon.
Ma l’òmm smanios senza la guèrra l’è minga content e inscì s’hinn miss
adree a combatt anmò. Ier amis e incoeu nemis senza capì nè leg nè fed.
E de sbòbba ghe ne voreva tanta…
Son tornaa bon allora ….e de gent ghe n’era ona calca. Tanti sfollaa che
gh’aveven pù la cà, trada giò dal Pippo e i sò compagn…
E lì m’è girada la vida ….
Hoo voruu ben a tucc ma per voeuna solla, bèlla ‘me ‘l so, hoo ciappa
ona còtta, imbesuii de la soa lappa e del sò sorris.
Nervosètta e schiviosa ma senza spuzza sòtta el nas. Minga ona sga136
Girotondo di fantasie
ragazzetta qualsiasi. Capelli di seta, occhi vivaci che sbattevano per il mio
fumo con una grazia da madonna, belle gambette, coi sandali anche d’inverno,
paltò rivoltato ma indossato come se fosse nuovo.
Sorriso irresistibile: ho perso veramente la testa.
Certe volte andavo ancora più piano del solito, per tirarla in lungo. Totototocc,
to-tototocc,. to-tototocc balbettavo parole d’amore e mi consumavo
nel desiderio.
Tutti i giorni avanti e indietro alla solita ora (o quasi); la aspettavo apposta
se ritardava, prendevo fiato e la tabella oraria non era mai severa…
Ringraziava con un debole sospiro, forse per la corsa, forse proprio per
me….Divento poeta …
La passione del cuore ha le sue declinazioni:
l’amore platonico è un aspro dispiacere.
Soffoca i sensi e poi ti rende avaro:
tasche cucite e un’ansia che ti prende la gola
per questo denaro accumulato invano,
per questa smania di prenderla per mano.
Riluttante e ostile a spendere questo tesoro
ti basta anche solo sentirla vicino.
Un giorno, dietro a lei, un tipo che non sapeva di niente, magro (gamba di
sedano – modo di dire), allampanato, con un naso che faceva ridere …
Perso nell’abito di circostanza (modo di dire per significare imbarazzato) e timoroso.
Tra le mani solamente una rosa.
Ma era uno che non balbettava e subito ho avuto paura…era arrivata
l’ora di farci su una croce.
La guerra era passata, lui si è messo in tasca la conquista e non li ho più visti.

Ultima corsa. Erano in tre, con un bambino di sei o sette anni. Il naso
di lui e le gambette di lei erano gli stessi.
Stavano bene, belli in carne, felici che si vedeva fin da lontano.
Lei mi ha fatto una carezza e finalmente ho capito che sapeva del mio amore
e che aveva tenuto da parte nel suo cuore un posticino per questo mucchio
di minuteria metallica, per il mio fumo, per la mia campanella, per me.
Che nostalgia …
137
Bicocchin de fantasii
lisa qualsesia. Cavèi de seda, oeugg lughii che palpignaven per el mè
fumm cont ona grazia de Madònna, bèi gambètt, coi sandol ai pee
anca d’invèrna, paltò inversaa ma portaa indòss come fuss noeuv.
Sorris irresistibil: sont andaa in cimbalis, de bon.
Di vòlt andavi anmò pussee liron liran del sòlit per tirà in longh.
To-tototocc, to-tototocc, to-tototocc farfujavi paròll de amor e me
frustavi in dèl desideri.
Tutt’i dì innanz e indree a la sòlita ora (o squas); apòsta la specciavi
se se intardiava, ciappavi fiaa e la tabèlla di orari l’era mai sevèra ….
Ringraziava cont ona dèdola sbanfada fòrsi per la volada, fòrsi pròppi
per mì. Me foo poètta …
El ben de coeur gh’ha i sò declinazion:
l’amor platònich l’è on cruzzi spongignent.
Soffega i sens e poeu te fa lesnon:
saccòcc cusii e fin in la gola i dent
per ‘sta moneda montonada invan,
per la tò smania de tegnilla a man.
Fanciss e ostil el tò tesòr a spend
te fa content anca domà sentill arent
On dì, dedree de lee, on tipo ch’el saveva de nient, gamba de seller, loguzzent,
cont ona canappia de s’ciopà del rid ….
Perduu dent el vestii de condizion e timoros. Tra i man domà ona ròsa.
Ma l’era vun che’l bettegava nò e mì hoo sentii subèt on scaggètt…l’era rivada
l’ora de fagh sù ona cros.
La guèrra l’è passada, lù l’ha miss in scarsèlla la conquista e j hoo vist pù.

Ultima corsa. Eren in trii, cont on fiolin de ses o sètt ann. El
nas de lù e i gambètt de lee eren istèss. Staven ben, tegnuu in grassa,
content che se vedeva fin de lontan.
La m’ha faa ona carezza e finalment hoo compres che la saveva del mè
ben e che gh’aveva miss de part, in dèl sò coeur, on sit per ‘sto mucc de
menudraja de fèrr, per el mè fumm, per la mia campana, per mì.
Che nostalgia …
138
Girotondo di fantasie
L’ho annoiata? Scappa con un sorriso di traverso …
Boh! Le donne sono imprevedibili…
Torna il giorno dopo sottobraccio ad un bell’uomo, dietro due persone
on po’ avanti con gli anni, ancora belle dritte, mano nella mano…
Viti, bulloni e rondelle cominciano ad allentarsi.
Hanno sfogliato insieme quasi settanta primavere ma la loro rosa
non è ancora appassita.
Era quello giusto. Ho fatto bene a mettermi da parte…
Un ultima carezza, per piacere…
139
Bicocchin de fantasii
L’hoo lojada? La scappa via cont on sorris de sbièss.
Boh! I dònn…imprevedibil..
El dì dòpo la vègn de noeuv sottbrasc a on bèll omètt, dedree do persònn on
poo in là coi ann, ancamò drizz ‘me fus, man in la man …
Vit, bulloni e ranèll principien a ballà.
Hann sfojaa insèma pressapòcch sèttanta primaver ma la ròsa nanmò l’è
spampanada.
L’era quèll giust. Hoo faa ben mì a tramm de part…
On’ultima carèzza, per piasè…

?

vuoi scaricare questo racconto ?

Share Button
1 Comment
  • 14 Marzo 2019

    Could you tell me what style are you making use of on your internet site?

    It looks wonderful.

© 2019 Gliacquerellidigilardoni. Tutti i diritti ed anche tutti i rovesci sono riservati. COPYRIGHT and COPYLEFT