gli acquerelli di Gilardoni — l'acqua ci salverà
Menu

Torta Bellagina

Ovvero la torta miascia, tipica di Bellagio con ricetta aleatoria ovvero ci butti dentro quel che hai in dispensa.

MIASCIA

Questa è una delle numerose varianti di un dolce chiamato MIASCIA, ovvero detto anche delle 32000 calorie. Tenete presente che tutti (nessuno escluso) gli ingredienti possono subire modifiche (non estreme) nelle quantità, secondo la quantità presente in casa o per il gusto della cuoca, ottenendo comunque sempre il rustico dolce di Bellagio

Ingredienti

250 grammi di farina gialla non bramata

 E ’ farina di mais macinata fine così come avviene per la farina bianca, ed è solitamente reperibile nei negozi che vendono granaglie ovvero i famosi consorzi agrari.

250 grammi di farina bianca,

250 grammi di zucchero,

4 uova,

200 grammi di burro

Un bicchiere grande di latte,

1 o 2 bustine di lievito,

mezzo pacchetto di uvetta sultanina

2 mele,

2 pere,

6 noci,

Una manciata di nocciole,

fichi secchi mezzo pacchetto

Volendo. Aggiungere, dei pinoli e dell’uva fresca privata dei semini

Operazioni preliminari

Fare rinvenire (ammorbidire) nel latte tiepido i fichi tagliati a pezzettini e l’uvetta sultanina

Montare lo zucchero con il burro fino ad ottenere un morbido dolce impasto

Montare a spuma le uova intere

Incorporare le due farine con il lievito ed un pizzico di sale

Pelare le mele e le pere e tagliarle a pezzetti non troppo piccoli

Ora unire le uova al burro e zucchero

Aggiungere il latte

Mescolare bene fino ad ottenere un buon impasto morbido

Aggiungere i fichi e l’uvetta rinvenuti e mescolare

Aggiungere le mele e le pere e mescolare

Aggiungere la frutta secca e mescolare

Se l’impasto risultasse troppo duro aggiungere del latte tiepido nel caso contrario aggiungere della farina bianca

Cottura

Lasciare riposare il tutto 30 minuti, poi versare in una tortiera imburrata

Infornare a forno caldo (180gradi) minimo un ora, ma il tempo è variabile sulla base di quanta frutta fresca è stata incorporata.

In certi casi il tempo può dilatarsi fino a due ore.

Provare la torta dopo un ora con uno spiedino di legno verificando così se l’interno è cotto ed eventualmente prolungare la cottura.

Estrarla dal forno e lasciarla raffreddare.

E’ un dolce calolussurioso. Per smaltirlo dovete correre in montagna per 47 minuti.

vuoi scaricare la ricetta ?

Share Button
0 Comments
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© 2018 Gli Acquerelli Di Gilardoni