gli acquerelli di Gilardoni — l'acqua ci salverà
Menu

Un giorno

poesia umoristica dialettale veronese

Un giorno l’industria
Che gh’è su nel ciel
L’ha fabricà l’omo
Con tanto de osel

Ma pò l’ha pensado:
“sto quà grata grata
In qualche bel  buso
Bison che lo sbata” 

Alora de colpo
L’ha fato la dona
Gran bela creatura
Con tanto de mona

L’è proprio a sto punto
L’avi za capido
Ch’è nata la storia
Del fruto proibido

Se parla de un pomo
Ma gò l’impresion
Che’l fusse stà un figo
Magari un figon

E Adamo contento
De far na gussada
Purtropo el se cuca
La prima ciavada

Infati i ga dito:
te lasso la figa
ma insieme ghe zonto
dolori e fadiga

così la Bernarda
diventa la vera
condanna e delissia
de tuta la tera.

Indole ogni strada
Sia picola o granda
Te pol star sicuro
La porta a la banda

L’è stà per na banda
Che vòia o no vòia
Un di le scopiada
La guerra de Troia

I eroi più famosi
Da Omero cantadi
Nei cieli de l’arte
Je sta imortaladi

Però in fin dei conti
Par quanto se diga
I resterà per sempre
Eroi de la figa

La storia più fresca
Che è nata a Verona
Se ciama Giulieta
N’a piccola Mona

Vardè che roveto
De morte e vendeta
Vardè che spegasso
Per quela figheta

E par ricordarla
Poeti e pittori
I d’à combinado
De duti i colori

E ancor gh’è gente
Che sente dover
De panzer su l’albio
De la via de Pontier

In fato de mone
No ghè distinsion
E tute e po tute
Le cata paron

Sia strete o largite
Sia ziovan o grise
Sia bele o malfate
Sia vergin o slise

De Dante poeta
Che ben conossi
E che squasi squasi
L’è mejo de mi

Se dise che quando
Beatrice vedea
De spasemo e vojia
De boto el morea

E si che Beatrice
Par dirsela qua
Gavea n’a Bernarda
Piuttosto rodà

Da qua mi ho capido
Che gh’è in ogni mona
Na qualche taiola
Che sempre funziona

Epur per natura
Lo digo in sordina
La Banda in se stessa
L’è proprio brutina

Vardemola insieme
Cos’èla sta gnoca
L’è un tajo peloso
Ch’el par una boca

Ma forsi la sola
La verra Bernarda
No è proprio quela
Che i omeni varda

L’è invesse quel’altra
Che i gia nel sarvel
Vestià de mistero
Più dolse del miel

Apena che un bocia
Riflette e ragiona
La incanta la inflora
Se afacia la Mona

Man che vien grande
Asta Mona via via
La incanta la inflora
La so fantasia

E li diventa
Na cosa stupenda
Che è bona de sena
Disnar e merenda

I brai italiani
Che jè fantasiosi
La ciama la mona
Coi nomi più estrosi

Così è vegnù fora
La FIGA la GNOCA
La mandola el SFRISO
La FLORA la COCA

E ghe PARUSSOLA
O po ghè la BANDA
Se i dise BARETA
vor dir l’ho GRANDA

La PETOLA forsi
L’è un nome indiscreto
Ma la ANTEGANA
Lo rende concreto

Pa’ quei sparagnini
Val ben la MUSINA
Pa’ i vegetariani
Va ben EGOLINA

Ghe quel che i disse
PATACA o SFILOSA
Opur SGUSSETA
Parfin BISOGNOSA

El nom BESABESA
El manca de sal
La FRITOLA invece
La fa carneval

La pace en fameja
Par proprio che sia
Un nome imbotito
De filosofia

Chissa c’ ha inventado
Il nome SMINCI
No credo che ghentra
Il Leonardo da vinci

Ghè l DU DE SPADE
E ghe la CICETA
El AIO la VIRGOLA
E la ASSARETA

De boto me scapa
La VIOLA la MONA
BREMBA VIRGOLA
La MOSTACIONA

Scuserme pà i nomi
Che m è scapà via
Go poca memoria
No lè colpa mia

Par via potenza
Nei zughi amorosi
Lo so i confronti
Son sempre noiosi

Me son ben convinto
Scuseme butei
Che contro la gnoca
Ghe vol quatro osei

Mi penso che l’osel
Par ben che funziona
L’è sempre porel
Batù da ‘na mona

L’Ela che lomo
La sa intrapolar
L’è Ela che guida
Lassando guidar

L’è il seme l’èl fruto
Dei sogni segreti
La parla tasendo
La verze lavreti

El par che la diga
“sta qua nel me gnaro
Desmentega el mondo
Che l’è tano amaro

L’osel su de giri
Con vena gajarda
Ci monta de gusto
Sta pora BERNARDA

Ma quando desmonta
Co’ n’aria sfinia
Quel’ altra lè pronta
Par n’altra partia

El coso l’è forte
Non digo de no
Ma contro la mona
Ci va kappaò

Par farla fenida
Con questa tirada
Che l’è pò in efeti
Na bela monada

Voì dighe a le done
Col fià che me vansa:
“in meso a le gambe
Gavì na sostansa”

Tegnila de conto
Opur dela via
Ma intorno lasseghe
Quel vel de poesia

In modo che l’omo
Capissa che in fondo
L’è sempre la cosa
Più bela del mondo

Vuoi scaricare la poesia sul tuo dispositivo? 

Share Button
0 Comments
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© 2018 Gli Acquerelli Di Gilardoni