gli acquerelli di Gilardoni — dipingere con l'acqua
Menu

Cavall de scocca

Puoi scaricare questo libro cliccando qui

I capitolo
Rimm legrios
Versi…leggeri tra realtà e finzione

Cavallo a dondolo
Un addio
Addio. Addio. Perso senza un sospiro.
Lasciato da parte senza accorgersene.
Forse dimenticato in cima alle scale
che affrontavo sempre con il fiatone.
Magari abbandonato al bar
intanto che gustavo il mio caffè,
nero, amaro e con un biscotto secco,
addentato in cambio di un pranzo saporito.
Dicono che sono cose che capitano spesso
quando la mente ormai non ci pensa più:
lui va via, senza nemmeno una prima avvisaglia,
di colpo, alla mattina…la sorpresa.
In verità non gli ero per niente affezionata
anzi a volte lui mi dava parecchio fastidio.
Dovrei piangere e invece il cuore festeggia:
è un chilo di meno, la differenza è poca…
Ma è lo stimolo per una nuova vita
e chi se ne importa se mi cadono i pantaloni:
un altro buco alla cintura e via …
la porta è chiusa, nessuna nostalgia.
11
Cavall de scòcca
On adio
Adio, adio. Perduu senza on sospir.
Lassaa de part privaa de ‘na coscenza.
Fòrsi desmentegaa in scima ai scal
che rampegavi semper col fiaa gròss.
Magara bandonaa dedent el bar
intanta che gustavi el mè cafè,
negher, amar e cont ona gallètta,
sgagnada in scambi de on salaa disnà.
Disen ch’hinn ròbb che capita sovenz
quand che’l cervèll ormai ghe pensa pù:
lù ‘l va via, senza de on primm indizzi,
d’on bòtt, a la mattina… la sorpresa.
De bon mì gh’eri minga affezionada
anzi di vòlt lù’l me lojava assee.
Piang doaria e inveci el coeur fa fèsta:
l’è on chil de men, l’è pòca differenza…
L’è l’inviada per ona noeuva vita
e chì se n’infa se me borla i bragh:
on alter bus a la mia senta e via…
l’uss l’è saraa, nissuna nostalgia.


12 Cavallo a dondolo
Un regalo della Natura
Buca il terreno ma quasi con riserbo.
La testina marrone che sembra velluto,
mischiata tra l’infilata di castagni,
è un sicuro indizio di giovinezza.
Timido si nasconde sotto i cespugli secchi
ma un raggio di sole radente è traditore.
Smuovo discreta la terra con un bastoncino
e ansiosa allungo le mani usurpatrici.
E’ di quelli buoni, sodo e cicciottello
ma lì da solo mi sembra un orfanello.
Mi guardo un po’ in giro ma non vedo nulla,
deve ancora nascere il primo dei suoi fratelli.
Mentre ritiro la mano
lui prende fiato, si crede davvero graziato…
Caro il mio fungo…domani sarete di più:
tu e i tuoi fratelli…vi sogno trifolati.
Passa la notte, ritorno speranzosa.
In quel boschetto mi aspettano i miei funghetti:
una buttata tanto generosa
che soddisferà ogni appetito.
Più che un’intuizione è stata una magia.
Un gruppo così non l’avevo mai visto…
Ho fatto una scortesia alla Natura?
Non li ho raccolti in modo maldestro….
Ho distribuito con cura le spore
così tra un po’ ce ne saranno ancora.
Per il raccolto bisogna aver pazienza!
Nel frattempo io mi gusto il mio regalo.
13
Cavall de scòcca
On cadò de la Natura
Sbusa el terrusc ma squasi con ritègn.
La s’ciòssola marron che par velù,
mes’ciada in la filera de castègn,
sicura indizzi l’è de gioventù.
Schivios se scond sòtta ‘n cespuli sècch
ma on ragg de sô rasent l’è traditor.
Smoeuvi discrètta la tèrra cont on stècch
e ansiosa slonghi i man usurpator.
L’è de quèi bon, l’è sòdo e pacciaròtt
ma in deperlù me par on orfanèll.
Sbarloeuggi in gir però vedi nagòtt,
l’è anmò de nass el primm di sò fradèll.
Intanta che la man la tiri indree
lù ‘l ciappa fiaa, debon se cred graziaa….
Car el mè fong…doman sarii pussee:
tì e i tò fradèi…ve insògni trifolaa.
Passa la nòtt, ritorni speranzosa.
In quèll boschètt me spètta i mè fongitt:
ona buttada tanto generosa
che scodarà segura ògni petitt.
Pù che intuizion l’è stada strieria.
On ròsc inscì l’avevi mai veduu..
A la Natura hoo faa ‘na scortesia?
J’ hoo cattaa minga de villan fottuu…
Hoo spantegaa con cura la somenza
inscì tra on poo ghe ne sarann anmò.
Per el regouj se gh’ha de vègh pazienza!
Intanta mì me gusti el mè cadò.
14
Cavallo a dondolo
Una gita in barca
C’è un soffoco africano, una caldana potente,
una cappa umida e pesante che ti fiacca.
Sotto la maglia ti rende sudaticcio
e ti fa perdere tutte le forze.
Una voce sussurra “Cosa facciamo oggi, ragazzi “
“ Una gita in barca proprio in mezzo al lago?”
Subito dal naso mi cascano gli occhiali,
con poca voglia lascio cadere anche i pantaloni.
Mi si rivolta lo stomaco, le gambe tremano,
la vista si offusca contro-sole,
mi sembra di essere sula pista da ballo per una samba
ma manca il cavaliere, il mio conduttore.
Spinta di corsa sopra questa panca di legno,
dolcemente cullata dallo sciabordio delle onde,
ho chiuso gli occhi senza più vergogna
e ho perso presto l’orientamento.
Dopo mi hanno detto che in barca non c’ero.
Mi avevano raccolto che ondeggiavo:
mi avevano messa nel mio letto
per evitare altri peggioramenti.
Altro che gita al lago, altro che onde,
il fresco che sentivo era ghiaccio…
Un pomeriggio sicuramente insolito,
rincitrullita sopra un materasso.
Sarà stato il caldo oppure il peperone
o forse quella piccola ernia lì nel collo
che sempre patisce l’umidità
ma è stato un divertimento…pieno di tribolazioni.
15
Cavall de scòcca
Ona gita in barca
Gh’è on sòffegh african, caldasc potent,
umida cappa greva che te fiacca.
Sòtta la maja te fa pacciugament
e tutt’i fòrz senza pietà te s’giacca.
‘na vos la boffa “Se fèmm incoeu, bagai?”
“’na gita in barca, pròppi in mèzz al lagh?”
Subit del nas me borla giò i oggiai,
con pòca voeuja lassi giò anca i bragh.
Se vòlta el stòmegh, ziffola la mia gamba,
la vista la se inaspa contra-sô,
me par de vèss in pista per ‘na samba
ma manca ‘l cavalier, el mè resgiô.
Ruzzada in prèssa sora de ‘sto lègn,
ninada dolza del saguaccià de l’onda,
mì hoo saraa i oeugg senza pù ritègn
e hoo perduu prèst la mia trebisonda.
Dòpo m’hann dii che in barca gh’eri nò
M’aveven regojuu che dondonavi:
in del mè lètt m’aveven cascià giò
per scansà via on ulterior aggravi.
Alter che gita al lagh, alter che ond,
el frèsch che mì sentivi l’era giazz…
On podisnà segura gabbamond,
imbalordida sora on materazz.
Sarà staa el cald oppur el peveron
o fòrsi quèll’erniètta lì in del còll
che semper la soffriss l’umidità
ma l’è staa on spass… pien de tribolazion….
16
Cavallo a dondolo
Cinque di gennaio
Gennaio. E’ il cinque. Le cinque della sera.
Un briciolo di ansia e mi si stringe il cuore:
davvero mi vesto a malincuore…
prendo le calze, quelle con la smagliatura
e lascio i miei pantaloni bei morbidi
per una gonna tagliuzzata in malo modo
che sembra sia passata sotto una pressa
ed è tanto ruvida che mi fa il solletico.
Non parliamo delle scarpe…sono proprio a pezzi.
Per me che ho l’armadio pieno di stivali,
lucidi e meglio suolati degli zoccoli dei cavalli,
è come essere in groppa al peggior brocco.
Fermo il cappello con un laccio sottile,
freddolosa come sono m’è di grande aiuto,
sotto la pioggia il capo mi rimane asciutto,
ben mi protegge da colpi d’aria minacciosi.
Cinque della sera…l’ora dei presagi…
Come un toro nell’Arena
la mia scopa trema, piena di passione,
per un probabile appuntamento con i Re Magi.
Sarei stufa di questa mascherata
ma tanti bambini aspettano dolci e carbone
che se rinnegassi questa semplice tradizione
farei una strepitosa stupidata.
Avranno tempo per i disinganni.
Ora è il loro momento per sogni e gioie,
che ancora non sanno cosa sia la noia
né conoscono le nostre brutte preoccupazioni.
Così parto per il mio solito viaggio.
Carica di un sacco pieno di calzette,
per i bimbi bravi e per quelli più birichini:
regali e poi speranza come omaggio.
17
Cavall de scòcca
Cinqu de genar
Genar. L’è ‘l cinqu. Cinqu or in de la sera.
On sgrizz de ansia e me se streng el coeur:
devera me vestissi a malincoeur…
ciappi i calzètt, quèi con la scorlera
e lassi giò i mè bragh bèi moresitt
per ona sòcca malament sferlada
che par sòtta ‘na prèssa sia passada
e l’è tant sgrèsgia che me fa i galitt.
Parlèmen nò di scarp…hinn pròppi a tòcch.
Per mì che gh’hoo l’armoar zèpp de stivai,
luster e mèj ferraa di zòccor di cavai,
l’è come vèss in gròppa al peggior bròcch.
Franchi el cappèll cont on lazzètt suttil,
freggera me son mì l’è on gran aiutt,
sòtta la pioeuva el coo me rèsta sutt,
ben me riguarda di boffad ostil.
Cinqu or de sera…l’ora di presagi…
Compagna d’on torèll in de l’Arèna
trèma la mia scoa, de ardenza pièna,
per on suppòst pontèll cont i Rè Magi.
Stuffa saria de quèsta mascherada
ma spètta tant fiolitt dolz e carbon
che a rinnegà ‘sta sempliz tradizion
faria ‘na strepitosa gambarada.
Del temp gh’avrann per i disingann.
Adèss l’è ‘l sò moment per sògn e giòia,
che nananmò le sann se l’è la lòia
né je conossen i nòster brutt affann.
Inscì partissi per el mè sòlit viagg.
Caregada de on sacch pien de calzètt,
per i fioeu bravi e per i balossètt:
regai e poeu speranza come omagg.
18
Cavallo a dondolo
Notte di streghe (in sabba) – Halloween 2017
Prendi le ragnatele da una vecchia soffitta,
un paio di topi e uno o due scarafaggi,
avviluppa e mescola dentro un secchio,
aggiungici le spine di tredici carciofi.
Un pizzico di semi di finocchio e di prezzemolo,
un litro di rosolio d’annata
poi rigira lentamente con un mestolino
per un quarto d’ora o forse anche di più.
Quando è tiepido bevilo tutto d’un fiato,
magari con una molletta sul naso,
e questo miscuglio davvero sgangherato
ti porterà direttamente in paradiso.
Mettiti in testa una zucca vuota
avvolgi le spalle con un nero mantello.
Dimentica stasera il mal di testa:
la notte delle streghe sarà più allegra.
19
Cavall de scòcca
Nòtt de strii (in barilòtt) – Halloween 2017
Ciappa i ragner de ‘na colmègna vèggia,
de ratt on para e vun o duu bordòcch,
garbiòzza e mès’cia sù dent de ‘na sèggia,
giontegh i spinn de trèdes articiòcch.
On pizzigh d’erbabòna e d’erborin,
on liter de rosòli on poo andeghee
poeu ruga lenta cont on cazzurin
per on quart d’ora o fòrsi anca pussee.
Quand che l’è teved sorbissèl in d’on fiaa,
magara con la pinza in sui naris,
e ‘sto miscmasc devera sgangheraa
te portarà dirètta in paradis.
Calca ‘na zucca voeuia sora el coo,
involtia i spall cont ona cappa negra.
Desmentega stasera el maldecoo:
la nòtt de strii la sarà pù allegra!
20
Cavallo a dondolo
La polenta di Stendhal
Diceva un certo Stendhal della nostra Milano
che è molto bella e che si mangia sano.
Dalla campagna arriva in cucina
roba buona, semplice e genuina.
Poveri e ricchi ma con la stessa gioia
davanti al tavolo dimenticano la noia.
Con un passione che brucia il cervello
spesso descriveva “ polenta e uccelli”.
Semplice portata, quella della polenta:
farina gialla nell’acqua ben bollente,
molto da mescolare con l’apposito utensile
come farebbe una strega burlona.
Sì, c’è magia in questo mangiarino:
nella miseria ti fa far festa.
Sfrigola già il burro in padella
( ma se volete potete usare anche la griglia…)
Invece di un piccione, tordo o quaglietta
un filetto di maiale tagliato a fettine
avvolto stretto nella pancetta
e solo una piccola foglia di salvia.
Rovescia il tuo paiolo sull’asse
con un tovagliolo umido come copertina.
Godetevi beati questa golosità
sicuramente passerà la vostra malinconia.
21
Cavall de scòcca
La polenta de Stendhal
Diseva on cèrt Stendhal del nòs Milan
che l’è on gran bèll e che se mangia san.
Da la campagna la riva in la cusina
la ròba bòna, s’cetta e genuina
Pòver e scior ma con l’istèssa giòia
denanz ‘l taol desmentega la lòia.
Con ‘na passion che brusa i scinivèi
spèss Lù ‘l cuntava de “polenta e usèi”.
Sempliz disnà, quèll de la polenta:
gialda farina in acqua ben buienta,
assee de mes’cià ben con la canèlla
come faria ‘na stria balossadèlla.
Sì, gh’è magia in quèsta pacciatoria:
in la miseria te fa fà baldoria.
Tripilla già ‘l butter in la padèlla
(ma se vorii doprii pur la gradèlla…)
Inveci d’on pivion, dord o quajètt
on lomber de porscèll tajaa giò a fètt
involtiaa fiss dedent de la panscètta
e d’erba savia appèna ‘na fojètta.
Roversa el tò paireou sora l’assètta
cont on mantin bagnaa come fodrètta.
Godì beatti quèsta leccardaria:
sigura passarà la vòstr’arlia.
22
Cavallo a dondolo
E come diceva Lui nel milleottocentotrenta
“la polenta sempre ti accontenta “
Questa è saporita e “pasticciata”
nello stesso modo è buona quella “comodata”
con i formaggi nostrani che si sciolgono:
solo a pensarci mi viene l’acquolina…
Se è senza condimento si chiama “vedovella”
e allora metti un po’ di latte nella scodella.
E’ roba buona, roba genuina
che si può gustare già fino dalla mattina
23
Cavall de scòcca
E ‘me’l diseva Lù nel Vòttcentrenta:
“la polenta semper la te contenta”
Quèsta l’è savorida e “pastizzada”,
istèss l’è bòna quèlla “comodada”
cont i formagg nostrann che se dislengua:
domà a pensagh bauscia già la lengua …
Se senza condiment l’è “vedovèlla”
on poo de latt svoeuia dedent la squèlla.
L’è ròba bòna, s’cètta e genuina
che la se pò gustà fin de mattina.
24
Cavallo a dondolo
Un super eroe
Separa le acque come Mosè:
ti lascia asciutta dopo una burrasca.
Quando un contrattempo ti infastidisce
rovescia secchiate sopra la cenere.
Meglio di una fede salda sposta le montagne.
Abbatte gli ostacoli come birilli
buttati a terra da una palla, senza lamento,
all’interno di un gioco che presto diventa una piacevole abitudine.
A volte fa girare la testa…con eleganza:
è un seduttore e soddisfa la frenesia.
Ritorna disponibile a prendersi il perdono
se dopo una litigata scivola via.
Come una malattia contagiosa
si specchia sul viso di chi guarda:
nessun fastidio e tanto beneficio,
distende labbra arricciate e non mente mai.
L’hai capito che parlo del “sorriso”?
Unica soluzione di grande saggezza
che fa cambiare l’inferno in paradiso
e ti riempie il cuore di contentezza.
25
Cavall de scòcca
On super-eròe
Spartiss i acqui al pari del Mòsè:
sutta te lassa dòpo ‘na burrasca.
Quand te se inziga dent el malvorè
roversa sidellad sora la brasca.
Mèj de ‘na salda fed spòsta i montagn.
I ostacol je sbatt giò ‘me drizz omètt
traa in tèrra de’na bòggia, senza sguagn,
dedent on gioeugh che prèst se fa on lecchètt.
Di vòlt fa pèrd el coo… con eleganza:
l’è on seduttor e scoeud la frenesia.
Prònti lù ‘l torna a toeu la perdonanza
se dòpo on gibileri slisa via.
Compagn de on mal che tacca verament
se spèggia su la faccia de chi varda:
nessun fastidi e tanto giovament,
laver risciaa distend e mai bosarda.
Te l’hee capida che cunti del “sorris“?
Unica soluzion de gran savièzza
che fa mudà l’inferna in paradis
e t’impieniss el coeur de contentèzza.
26
Cavallo a dondolo
Elogio della “erre” (a Mario)
Arrota la sua “erre” con orgoglio
intanto che ripete la filastrocca
di quei trentini che correvano tanto volentieri.
Te la serve come se fosse rosolio
da gustare con discernimento senza fretta.
Ruota dentata scivola sulle parole,
le attacca con le sue grinfie e le abbatte
poi con accanimento le ricostruisce
armoniche come una sonata in si-bemolle
…e qui l’adulazione si fa consistente …
Da ove poi arrivi questa “erre”
si può intuire col leggere un po’ la storia,
con i francesi e la loro vanagloria
che hanno calpestato quella stretta terra
schiacciata tra il mare e la montagna.
Perduto ricordo di una vecchia nobiltà,
senza boria, con autoironia,
con grazia e buone maniere e un po’ d’armonia,
questa “erre” non da per niente fastidio,
anzi è una promessa di simpatia.
Non ci sono regole per il futuro:
la bella “erre” esce dove le pare,
salta le generazioni, si sbizzarrisce
e rinascerà un’altra volta.
Quando e perché è proprio una scommessa.
Qualcuno della sua pronuncia ahimè si angustia,
alcuni fanno finta di avere un colpo di tosse,
anche per quelle parole tipo “rosmarino”:
per questo difetto tanto si amareggiano.
La tua baldanza li sotterra tutti!
27
Cavall de scòcca
Elògi de la “erra” (al Mario)
Le inròda la soa “erra” cont orgòli
intanta che’l ripètt la tiritera
de quèi trentin che corr tant volentera.
Te la serviss come se fuss rosòli
de savorì con scrima senza prèssa.
Roeuda dentada slisa via i paròll,
ghe mètt adòss i sgrinfi e je tra giò
poeu con la grinta je rebesca anmò
armònich ‘me sonada in si-bemòll
…e chì l’adulazion la se fa spèssa…
De in doe poeu la riva quèsta “erra”
se pò intuì col leg on poo la stòria,
cont i frances e la soa vanaglòria
ch’hann trapestaa quèlla strètta tèrra
tra ‘l mar e la montagna sottomèssa.
Perduu regòrd de ‘na noblèss antiga,
senza de bòria, con autoironia,
con grazia e plècch e on poo d’armonia,
quest’ “erra” pròppi minga la vessiga,
anzi de simpatia l’è ‘na promèssa.
Gh’hinn minga règol per quèi che vegnarà:
la bèlla “erra” in doe ghe par sortiss,
salta i generazion, se sbizzarriss
e on’altra vòlta lee la nasserà.
Quand e perchè l’è pròppi ona scommèssa.
Quaivun di sò pronunc oimè se cruzzia,
fa mostra cèrti de vègh on ranteghin
anca per quèi paròll… ‘me “rosmarin”:
per ‘sto difètt tanto se amareggia.
La toa baldanza tutti je sopprèssa!
28
Cavallo a dondolo
Essere pesce
Roba da chiodi…credetemi è proprio vero:
in un’altra vita io ero…un salmone!
Sdraiata sul divano, quasi addormentata.
Film alla TV, uno di quelli sulla Natura.
Imponenti montagne con acque rinfrescanti,
pescioloni che saltano fuori in grandissima quantità.
Un brivido mi sveglia all’improvviso
come se fosse una voce familiare:
“questa è la mia storia” replico pronta.
Tiepida dolce acqua la mia culla,
uno sciabordio leggero come ninna-nanna
poi, per obbligo, sfratto e nuova vita.
Il tempo di rimpolpare di carne rosa
cosce, braccia e gambe sotto al sederino,
di colorare con le lentiggini naso e guance
ed ero pronta per navigare nel mare.
Quel mare rognoso, scuro, pieno di incertezza
che a tutte le donne tocca spesso di attraversare.
Due volte l’istinto materno mi ha chiamato.
Sopra le onde, avvolto in gorghi,
tutto il mio corpo palpitava con forza,
contro corrente evitava con salti
nausea e vomito che mi distruggevano
come se fossero orsi affamati.
Davanti a tutti ho difeso quelle uova,
con i denti aguzzi e con la devozione
ho allontanato da loro pesci predatori.
Alla fin fine anch’io mi arrenderò
e quando sarà l’ora sarò preda,
meglio, cibo gustoso, per qualche gabbiano.
29
Cavall de scòcca
Vèss pèss
Ròbba de ciòd…credim l’è pròppi vera:
in l’altra vita mì…seri on salmon!
Sternida sul sofà, squas indormenta.
Film in tivù, de quèi de la Natura.
Badiai montagn con acqui che rinfrèsca,
pèssòtt che foeura sbilza in gran sfragèll.
On sgrisor me desseda a l’improvvista
come se fuss ‘na vos de la famiglia:
“quèsta l’è la mia stòria” pronta sbròtti…
Teveda dolza acqua la mia cuna,
on saguaccià legger ‘me ninanana
poeu, per pendizzi, sfratt e vita noeuva.
El temp de rimpolpà de carna ròsa
garoni, brasc e gamb sòtta ‘l sesin,
de colorà coi paner nas e ganass
e seri pronta per navigà in del mar.
Quèll mar rognos, velaa, pien d’incertèzza
che tutt’i dònn gh’hann spèss de traversà.
Dò vòlt l’istint de mama m’ha ciamaa.
De soravia di ond, involtiaa in gorgh,
tutt’el mè còrp con fòrza palpitava,
contra de la corrent coi salt schivava
ingòss e ampi che me squinternava
come se fussen ors de famm frustaa.
In faccia a tucc hoo difenduu quèi oeuv,
coi dent de presa e con la devozion
hoo slontanaa de lor pèss predator.
A la fin fin anmì me arrendaroo
e quand che sarà l’ora saroo prèda,
mèj, pacciatòria, per on quai gabbian.
30
Cavallo a dondolo
Essere un salmone è così: passione e cuore.
Dovere e istinto, rischio e piacere.
Non dura molto la vita del salmone:
solo sette anni in media…se sono furbi…
Ai più buoni però viene fatta la grazia
di reincarnarsi in donna e vivere ancora!
31
Cavall de scòcca
Vèss on salmon l’è inscì: passion e coeur.
Impègn e istinto, ris’c e godiment.
La dura minga la vita del salmon:
domà sètt ann in media..s’hinn margniff…
Ai pussee bon però ghe fann la grazia
de reincarnass in dòna e viv anmò!
32
Cavallo a dondolo
Genesi 3.19
Mi alzo già inversa.
Sarà per pregiudizio ma si sa
che il lunedì è insulso per natura.
Cerco le pantofole ad occhi ancora chiusi
e vado a tastoni con i piedi sotto il letto.
Delle mie ciabatte di ieri…nemmeno l’ombra.
Trovo però tante briciole, rosa e bianchicce.
E’ poca cosa, si intende, ma fastidiosa.
Certamente un biscotto sgranocchiato dalla bimba
là dove ieri avevo strapulito.
Un leggero rimprovero, una scopata
e la giornata passa come un lampo.
Il martedì parte un po’ in sordina.
Verso le dieci però cresce la rabbia:
sotto il trumeau mi sembra di vedere farina.
La tarma e gli amici banchettano!
Comodino, armadio, credenza e tavolino
ben ben puliti con scientifica potenza.
Brillante mi risveglio il mercoledì
e sembro una libellula innamorata,
più leggera nell’anima e nel peso…
Proprio in mezzo al salottino chiuso
una montagnetta di residui secchi.
Eccolo lì il topino, adesso l’ho capito!
Olio di gomito, pazienza e spazzolone.
Il giovedì poi batto un pochino la fiacca
e ho paura di guardarmi intorno per casa.
La “sbriciolata” ormai è una tassa fissa.
Oggi è consistente, sostanziosa
e io mi sento proprio assottigliata
33
Cavall de scòcca
Genesi 3.19
Me levi sù con la camisa invèrsa.
Sarà per pregiudizzi ma se sa
che ‘l lunedì l’è lòffi per natura.
Cerchi i sibrètt coi oeugg anmò saraa
e voo a taston coi pee desòtt al lètt.
Di mè sciavatt de ier…nanca l’ombria.
Troeuvi però freguj, ròsa e biancusc:
L’è ròba minima, se intend, ma fastidiosa.
Cèrt on’offèlla scrizzada de la tosa
là in doe ier gh’avevi stranèttaa,
On reciocchin legger, ona scoada
e la giornada passa ‘me on stralusc.
El martedì ‘l partiss on poo in sordina.
Vers i des or però monta la rabbia:
sòtta ‘l trumò me par de ved farina.
La camola e i amis in pacciatòria!
Ciffon, armoar, cardenza e taolin
ben ben sguraa con médega potenza.
Viscora me dessedi el mercoldì
che pari ona guggèlla innamorada,
pussee leggera in l’anima e in del pes…
Pròppi in del mèzz del salottin saraa
‘na montagnètta de grattoni sècch.
T’el chì el rattin, adèss l’hoo ben capida!
Òli de gombet, pazienza e spazzetton.
El giovedì mì batti on zicch la fiacca
e gh’hoo paura de sbarloggià per cà.
La sfreguiada ormai l’è tassa fissa.
Incoeu l’è consistenta, pacciaròtta,
e mì me senti pròppi suttigliada.
34
Cavallo a dondolo
E’ venerdì, giorno di passione e dolore.
Cosce molli e gamba malferma.
Perfino la cucina è tutta impolverata.
Mi viene un po’ di prurito dappertutto.
Mi trascino stanca sul letto caldo
e mi addormento tanto stranita.
A galla sto, nel letto, sabato,
e intorno a me solo pelle grigia e grattugiata.
Polvere di ossa macinata fine fine.
Il risveglio domenica è un sogno
o forse era un sogno quello che ho raccontato.
In grembo il libro scappato di mano ieri sera.
Esce dal volume un piccolo pezzetto di carta giallo
con sopra impresse parole che sembrano pietra:
Pulvis es et in pulverem reverteris
Polvere sono e polvere ritornerò…
Brivido, sorpresa, sospiro e poi sollievo.
E’ stato un incubo e io sono tutta intera
anche se ho ben capito e starò sempre sul chi vive…
Per questa cena…rinuncio allo Chardonnay.
35
Cavall de scòcca
L’è venerdì, dì de passion e doeur.
Garroni mòll e gamba ziffolina.
Fin la cusina l’è tutta polverenta.
Gh’hoo ‘n poo de grattiroeula deppertutt.
Me strusi stracca sora el cobbi cald
e me indormenti tant imbalordida.
De soravia mì stoo, sabèt, in lètt
e intorna domà pèll grisa e sgriada.
Polver de òss masnada fina fina.
El dissedas domènega l’è on sògn
ò fòrsi l’era on sògn quèll che hoo cuntaa.
In scòssa el liber scappaa de man ier sera.
Ven foeura de ‘l volumm on giald bindèll
con sora imprèss paròll che paren prèia:
Pulvis es et in pulverem reverteris
Polver mì son e polver tornaroo…
Sgrisor, sorpresa, sospir e poeu solliev.
L’è staa on salvan e mì son tutta intrega
anca se hoo ben intes e semper staroo in quèlla…
Per ‘sto disnà…rinunzi al Chardonnay.

II
capitolo
Quatter ghèi de politica
Riflessioni “minime” sulla società
38
Cavallo a dondolo
Bandiera bianca
Bandiere piegate, tenute strette sotto l’ascella.
Pezzi di stoffa squarciati che lasciano giù la tinta,
eredi assai sbiaditi di un rosso glorioso.
Degni di un mercato le chiacchiere e il fracasso.
Muri trasparenti che non coprono le vergogne.
Altro pennone ma stessa confusione.
Senza un collante saldo si affloscia anche la bandiera azzurra,
si colora ancora di un nero già vissuto.
Solo parole esaltate a sostenerne la forza:
concetti sparati come i botti del primo dell’anno.
Là, nell’angolo, invece si strilla a lungo ….
comici e sognatori ammainano la loro bandiera.
Da lenzuolo immacolato a tovagliolo sporco.
In cielo tanti arcobaleni di poco valore …
La mia bandiera bianca diventerà un’arma!
39
Cavall de scòcca
Bandera bianca
Bander dobbiaa, in sald strengiuu sòtt sèlla.
Strataj sferlaa che lassa giò el color,
eredi assee sbiavii d’on ross glorios.
Dègn d’on mercaa i ciaccer e’l frecass.
Mur trasparent che quatta nò i vergògn.
Alter pennon ma stèssa baraonda.
Senza ‘na còlla s’cètta la ced an’ la celèsta,
se teng anmò d’on negher già vivuu.
Domà gasaa paròll a sostegnigh la fòrza:
concètt sparaa ‘me i bòtt del primm de l’ann.
Là, in del canton, inveci, se fa lira…
còmich e sognador ammaina ‘l sò stendard.
De verginal lenzoeu a bordegaa mantin.
In ciel gh’è tanti strii de mèzza tacca…
La mia bandera bianca la sarà armament!
40
Cavallo a dondolo
Calcio
Mi sono tanto soddisfatta con il calcio
fin da ragazzina con il mio caro papà.
Com’era facile seguire il gioco!
Undici per parte, ognuno il suo numero.
Sempre gli stessi colori per la maglia.
Vestito di scuro, di solito, solo il numero “uno,
attento guardiano del suo quadrato di prato,
reso fangoso dal calpestio degli avversari.
Aumentava la numerazione verso l’altra porta
fino a quell’ ”undici” sempre dedicato al gol.
I nomi ( dei giocatori) ricordati a memoria senza fretta,
erano gli stessi per più di una stagione…
Facce gioviali, facce da furbi,
una gran sfrontatezza aveva sì il campione
ma sempre rispettoso del suo mestiere
e dei soldi che in gran quantità ne ricavava.
Sopra cosce e gambe gli occhi erano puntati,
pronti ad abbassarsi ai piedi che scattano veloci.
Quante emozioni, quante arrabbiature
ma ero una ragazzina ingenua….non ancora nonna.
Adesso è tutto diverso: ci vuole malizia!
Si attorciglia la mia lingua sopra un nome,
mi impegno di tenerlo ben bene a mente
e quando ci riesco … è già emigrato.
Devi prestare attenzione alla tua squadra,
cambiano di colore la maglia e i calzettoni,
i numeri sembrano estratti dalla tombola,
le facce sono sempre nuove, sempre di bronzo…
41
Cavall de scòcca
Fotbòl
Me son scoduda assee cont el fotbòl
fin de popòla cont el mè car papà.
Se l’era facil andagh adree al gioeugh!
Vundes per part, on numer ògnidun.
Semper i stèss color per la majètta.
De scur vestii, de sòlit, domà el “vun”,
intent campee del sò quadraa de praa,
del soppedà avversari spattuscent.
Crèsseva i numer vers de l’altra pòrta
fin a quèll “vundes” semper devòtt al gòll.
I nòmm mandaa a memòria senza prèssa,
pussee d’ona stagion eren i stèss…
De luna pièna i facc, facc de balòss,
on bèll topé gh’aveva, sì, el campion
ma semper rispettos del sò mestee
e di danee che a mòtta ne toeva.
Sora garoni e gamb i oeugg pontaa,
pront a sbassass ai pè che sguizza a svèlt.
Quanti s’gigottament, quanti fotton
ma seri sgarzorina…nanmò nòna.
Adèss l’è tutt divèrs: ghe voeur malizia!
Se inroda la mia lengua sora ‘n nòmm,
me impègni de tegnill ben ben a ment
e quand che rièssi…l’è giamò migraa.
Te gh’hee de stagh attent a la toa squadra,
muda color la maja e i scalfaròtt,
foeura de tombola el numer par cattaa,
i facc hinn sempre noeuv, semper de tòlla…
42
Cavallo a dondolo
E chi ha i capelli castani domani è biondo,
e chi è biondo oggi…presto si rasa a zero.
Gli occhi sono puntati sulle braccia
pelle tirata incisa dappertutto.
Simboli e nomi si incrociano misteriosi,
storie di vite…non ancora sbocciate.
Appagano la vista come frutti maturi,
senza sapore e acerbi se morsicati.
Non dirmi che sono vecchia, già lo so,
però mi pare che sotto tanta apparenza
rimanga ben poco e manchi la sostanza:
sono capricci o passioni sincere?
E quando la carriera sarà finita?
Cosa sarà di quei disegni di sangue?
Saranno illustrazioni, validi ricordi della vita,
o sterile struttura senza cemento o malta?
43
Cavall de scòcca
E chi gh’ha ‘l coo castan doman l’è biond,
e chi l’è biond incoeu… prèst fa ‘l melon.
L’oggiada l’è fissada sora i brasc,
pèll de tambor incisa depertutt.
Simbol e nòmm se incrosa misterios,
stòri de vit …. nananmò daa foeura.
Compagn de frutt madur contenta i oeugg,
senza savor e zèrb a la morduda.
Dimm minga che son vèggia, giamò el soo,
però me par che sòtta tanta mostra
vanza ben pòcch e manca la sostanza:
hinn sgiribizz oppur passion sincer?
E quand che la carriera l’è finida?
Còssa sarà de quèi disegn de sangu?
Sarann vignètt, valid ricòrd de vita
o steril meda senza ciment né mòlta?
44
Cavallo a dondolo
Festa (???)
E’ il solito Primo di maggio: un giorno di festa.
Eredità di lotte e rivendicazioni,
eterna processione dietro a una testa,
slogan e cori che risuonano falsi.
Ti ricordi, Nino, quelle bandiere?
Garrivano sempre per un obiettivo.
Facce scoperte e slanci assai sinceri
niente cappucci o astio preventivo.
Le abbiamo alzate per la “qualità”,
un utopia che adesso si disfa a pezzi.
Oggi il problema è la “quantità”
di un lavoro che è solo per pochi.
Oggi a comandare le feste è l’economia
di quelli che corrono di più ( è qui la fregatura).
Gioia e dolori della democrazia
chiudono gli stabilimenti goccia a goccia.
Siamo tutti insieme in questo gran pollaio,
due o tre galletti però si abbuffano velocemente
e tante galline fan loro da tirapiedi:
e chi è cappone a quest’ora è in bolletta ….
Non dico certo di fare a tutti la festa
ma un pochino di grinta ci vorrebbe,
che sia civile ma che sia protesta
delle nostre esigenze scegliamo bene i rappresentanti.
45
Cavall de scòcca
Fèsta (???)
L’è ‘l sòlit primm de magg: on dì de fèsta.
Eredità de lòtt e de rivals,
etèrna cattafira ‘dree a ‘na tèsta,
slògan e còri che reciòcca fals.
Te se regòrdet, Nino, quèi bander?
Sgarriven semper contra on obiettiv.
Facc desquattaa e slanz assee sincer
minga cappusc o asti preventiv.
J’ emm levaa sù per la “qualità”,
on utopia che dèss se dèsfa in tòcch.
Incoeu ‘l problèma l’è la “quantità”
de on laorà che l’è domà per pòcch.
Comanda i fèst incoeu l’economia
de quèi che corr pussee ( l’è chì la fotta!),
giòia e dolor de la democrazia,
saren i laoreri gotta a gotta.
Sèmm tucc insèma in ‘sto gran pollee,
duu o trii gallètt però fann la spazzètta
tanti gainn ghe fann de tirapee:
chi l’è cappon a st’ora l’è in bolletta ….
Mì disi nò de fagh a tucc la fèsta
ma on ciccinin de grinta la ghe voeur,
che sia civil ma che la sia protèsta
di nòs bisògn scernèmm ben i portoeur.
46
Cavallo a dondolo
Strada fiorita
Stradicciola bianca, secca, polverosa.
Ramificazione sottile di un ampio viale asfaltato.
Fino all’altro ieri io lì raccattavo fiori:
raccoglievo delle margherite gialline,
poi districavo le campanelle celesti
per farmi delle ghirlande da mettere in testa.
Odore di sambuco in primavera,
concerto di grilli strafottenti in estate.
Ancora adesso questa strada è una fioritura
ma di ragazze mortificate e imbellettate.
Una ha una capigliatura riccia riccia,
piena di nastri che sembra un vero bouchet (di fiori).
Poco più in là ondeggia un ombrellino,
una raggiera tutta colorata,
di serenelle e viole decorata.
Dama del Settecento ma mezza nuda,
senza crinolina o merletti,
sembra smaniosa e sbuffa scalmanata.
Un’altra ragazzina in un angolo
si accovaccia sopra un basso sgabello,
nasconde la sua rosa con aria furbetta,
succhia indecente il suo rosso ghiacciolo:
sulla sua maglietta un campo di papaveri.
Quanta folla oggi al mercato,
mercato antico ma i fiori sono sempre nuovi.
Un prezzo onesto per un giro di giostra!
Per tre che offrono ci sono tanti che domandano:
solo uno stupido può far finta di niente
e credere di poter mettere fine a questi acquisti.
47
Cavall de scòcca
Strada fiorida
Streccioeura bianca, sècca, polverenta.
Bròcca suttil de on ampi vial ‘sfaltaa.
Fin a l’altrer mì lì cattavi fior:
di margheritt gialdin mì regojevi,
i campanitt celèst poeu disgarbiavi
per fammen ghirlandètt de mètt in coo.
Odor de panigada in primavera,
concèrt de grì bauscia in de l’estaa.
Anmò ‘sta strada l’è ‘na fioridura
ma di tosètt camuff e imbellettaa.
Voeuna la gh’ha ‘na s’ciòssa rizza rizza,
pièna de naster che par on ver boché.
Pussee de là dondina on parasô,
ona raggera tutta colorida,
de serenèll e vioeul l’è pitturada.
Damazza del Sèttcent ma mèzza biòtta,
senza de crinolina e de merlètt,
la par smaniosa e boffa sforaggiada.
On’altra sgarzorina in d’on canton
se scruscia su ‘na bassa cadreghètta,
scond la soa ròsa con fà de morgnina,
sciscia indecenta el sò ross giazzoeu:
sora la maja on camp de popolann.
Che fòlla che gh’è incoeu dent al verzee,
antigh mercaa ma i fior hinn semper noeuv.
On prèzzi onest per on gir de giostra!
Per trè che offriss gh’è tanti che domanda:
domà on mincion pò fà vista de nient
e cred de mètt la fin a quèsta compra.
48
Cavallo a dondolo
Se si tratta di lavoro, che sia tassato!
Faremmo alzare il…PIL senza fatica.
Avremmo anche noi dei bei negozietti
con i loro lettini e una sedia grande.
Magari due o tre fiori nel vaso…
glieli porto io se se ne vanno da questa strada!
49
Cavall de scòcca
Se l’è laor che gh’abbia i sò gabèll!
Fariom levà sù’l…PIL senza fadiga,
Gh’avriom anca de numm di bèi bottegh
coi sò lèttitt e ‘na cadrega granda.
Magara duu o trii fior dedent el vas…
gh’je pòrti mì se sloggia de ‘sta via!
50
Cavallo a dondolo
Giù le mani dai vecchi
Oggi c’è il sole. Un sole di primavera.
Una donnona possente con una gonna rossa
calzetta trasparente…già con la smagliatura
urla forte…chissà con chi ha da ridire
con il telefonino stretto in mano?
Davanti a lei sopra la sua panchina,
magro magro quasi perso nel suo cappottino,
con il cappello schiacciato sopra il capo bianco,
c’è un vecchio, spaventato come un agnello
prima della Pasqua di un cristiano.
Nuvole autunnali appannano quegli occhi di malinconia
il volto rugoso supplica una carezza,
avere poi un sorriso sarebbe grande cortesia,
sarebbe la luce che trafigge la tristezza
che darebbe forza contro il freddo domani.
Posso capirla, lei, così distante
dai suoi parenti, i suoi figli, il marito…
se a volte sembra poco zelante,
se va a fare la spesa e fa la cresta…
ma non accetto la maleducazione.
E quando lo fa alzare con uno strattone
e senza nemmeno chiamarlo con il suo nome
ci metto il naso con decisione
e prima di spiegare il perché o il percome
“Giù le mani” urlo ”da quel tesoro.
La vecchiaia è preziosa come l’oro,
è la memoria della nostra storia.
Se hai un bisogno estremo di soldi
rispetta questi valori, abbassa la tua boria
perché altrimenti faccio una chiassata”
51
Cavall de scòcca
Giò i man di vègg
Incoeu gh’è ‘l sô. On sô de primavera.
Ona balèna con ‘na rossa scòcca
calzètta fina … già con la scorlera
la sbragia fòrt…chissà con chi la ciòcca
cont el telefonin strengiuu in di man?
Arent a lee sora la soa banchètta,
vestii de magher perduu in del paltorèll,
sora el coo bianch schisciada la lobbiètta,
gh’è on vègg stremii al pari d’on agnèll
prima del dì de Pasqua de on cristian.
Nivol d’autunn pana quèi oeugg de arlia,
el volt crespaa sussis ona carèzza,
vègh poeu on sorris saria gran cortesia,
saria la lus che sfèrla la tristèzza
che daria fòrza contra del frègg doman.
Pòdi capilla, lee, inscì distanta
de la soa gent, di sò fiolitt, de l’òmm…
se dent per dent la par per nient zelanta,
se va a provved e se la scurta i sòmm…
ma me sta al fidegh creanza de villan.
E quand che le tra in pee cont on streppon
e senza nanca ciamall cont el sò nòmm
el nas mì mètti con determinazion
e prima de spiegà perchè o percòmm
“Del nichel” vosi “tira giò quèi man”
“L’è la veggèzza come l’òr preziosa,
l’è la memòria de la nòstra stòria.
Se di danee te gh’hee ‘sta famm rabbiosa,
rispètta ‘sti valor, sbassa la bòria
che se de nò foo foeura on rabadan”
52
Cavallo a dondolo
Lei è attonita, silenziosa se dio vuole.
Lui con con voce fievole mi ringrazia.
Gli faccio gli auguri di tanta felicità,
chiedo scusa per quella maleducazione:
puro e immortale è il suo baciamano.
Vecchi e bambini…si sa… ci vuole pazienza,
a volte si cercano guai con il lanternino
ma sono la quintessenza della vita.
Dolcezza sempre, indifferenza mai,
onore e amore per piccoletti e anziani.
53
Cavall de scòcca
Lee l’è inlocchida, mutta se dio voeur.
Lù col raspin in gola me ringrazia.
Ghe foo i auguri de tanto bonoeur,
ciami perdon per quèlla malagrazia:
cast e immortal l’è’l sò basaman.
Vègg e bagai … se sa … ghe voeur pazienza,
di vòlt col lanternin se cerchen guai
ma de la vita hinn la quintessenza.
Dolcèzza semper, indifferenza mai,
onor e ben per pattanin e anzian.

III
capitolo
Vèrgn e basitt
Piccole schegge
di affetti familiari
56
Cavallo a dondolo
I perché
Appena comincia con i suoi “ perché?”
mi prende l’ansia di quand’ero a scuola,
la tiro per le lunghe e vorrei stare zitta
ma non posso deludere la mia bambolotta.
Dicono che questi bambini siano come spugne,
che bisognerebbe spiegare proprio tutto
ma semplice e chiaro e senza fare pasticci
e in aggiunta anche in tante lingue.
Dietro quegli occhietti color del cielo
passano nuvole affamate di curiosità:
condisco le mie parole con il miele
e soddisfo la sua fame con lo stupore.
A volte mi impappino un po’ e resto lì
a bocca aperta senza più parole
ma con la fantasia la faccio sbalordire
e la distraggo con un trucchetto.
Solo un momento senza “ perché?”: tace,
sfoglia di corsa un libro illustrato
e io la abbraccio, naso contro naso,
e mi sciolgo tra le sue moine.
Non è tanto i baci, la nipotina:
subito si scioglie dall’abbraccio e salta in piedi,
e con un aria da vera pettegola
ricomincia di nuovo con tutti i suoi “ perché?”
57
Cavall de scòcca
I perchè
Pèna la tacca cont i sò “perchè?”
me ciappa l’ansia de quand seri a scòla,
la mèni in longh e voraria tasè
ma pòdi nò delud la mia popòla.
Disen che ‘sti ninitt hinn come spugn,
se doaria spiegagh pròppi tusscòss
ma ciar e nètt e senza fà pastrugn
e in lingu de tant sòrt soramaròss.
Dedree de quèi oggitt color del ciel
passen di nivòll in cerca de savor:
i mè rispòst condissi cont el mel,
e la soa famm ghe scoeudi col stupor.
Di vòlt on poo me inaspi e rèsti lì
a bocca vèrta senza pù paròll
ma con la fantasia la foo sbasì
e la destoeuvi via cont on viamòll.
Domà on moment senza “perchè?”: la tas,
de prèssa sfoeuja on liber coi vignètt
e mì la brasci sù, nas contra nas,
e me dislengui sòtta ai sò smorfiètt.
L’è minga de basitt, la biadeghina;
prònta la se disliga e salta in pè,
e cont on fà de vera sabèttina
tacca de noeuf con tutt’i sò “perchè?”
58
Cavallo a dondolo
Carezze salutari
Quante parole e quanta fantasia
ho tirato in ballo per calmarla un po’,
per ingannare questi giorni di malattia
e allontanare dalla mente la paura.
Sembra assente, la voce si abbassa
ma chiede sempre la stessa favola:
con pazienza le accarezzo la manina,
riprendo da capo e recito a memoria.
Occhietti come due lanterne spente,
viso butterato scolpito nel gesso…
mi riprende prontamente e grida fino a sfiatarsi
se cambio frase o anche se ne uso una simile.
A volte le descrivo il blu del mare
e la sua gola si riempie d’acqua,
poi le racconto del bianco del vecchio gennaio
e le labbra si colorano con un sorriso.
Descrivo un gruppo di uccelli che vola via
e allunga le mani come per afferrarli
poi, sfiancata, le braccia con delicatezza
e dolcemente appoggia sopra le mie spalle.
Io, triste, penso ai tanti abbracci perduti,
ai troppi mancati amori furenti
e a quelle carezze non fatte per discrezione
e così ricambio con forza il suo slancio.
Il fuoco poco per volta si affievolisce,
la febbre scompare, gli occhi brillano
e accarezzarsi le mani adesso è un gioco
quasi un incantesimo contro questo malocchio.
59
Cavall de scòcca
Carèzz benefich
Quanti paròll e quanta fantasia
hoo miss in pee per padimalla on poo,
per mincionà ‘sti dì de malattia
e svisà la paura via dal coo.
La par assent, la vos la va in cantina,
ma la domanda anmò la stèssa stòria:
paziènta ghe carèzzi la manina,
torni de capp e reciti a memòria.
Oggitt compagn de duu ciaritt smorzaa,
incarnadin sboggiaa scolpii in del gèss…
me giusta pronta e la se suga ‘l fiaa
se mudi fras ò anca ghe voo a prèss.
Di vòlt ghe cunti a lee del bloeu del mar
e la soa gola d’acqua se impieniss,
ghe cunti poeu del bianch del vègg genar
e i laver d’on sorris la coloriss.
Descrivi on ròsc de usèi che vola via
e i man la slonga sù per mèj sciampall
poeu, fadigada, i brasc con vergnaria
dolza je pòggia de soravia i mè spall.
Mì, scura, pensi ai tant strengiud perduu,
a i tròpp amor de gatt in disavanz,
e a quèi carèzz discrètta ritegnuu
e inscì ricambi enèrgica el sò slanz.
Dèbol diventa meneman el foeugh,
la fever la svaniss, sberlusa i oeugg
e carèzzass i man l’è adèss on gioeugh
squasi on striòzz contra ‘sto maloeugg.
60
Cavallo a dondolo
Un turbolento equivoco… bagnato
Mi ero appena addormentata
e sento in lontananza un miagolio.
Roco suono di un qualche gatto che s’arrabbia,
che chiama aiuto mentre piagnucola.
Con gli occhi impastati mi alzo subito in piedi
e corro in direzione del tramestio.
Dentro il vecchio secchio del bucato,
ben bene a mollo e perfino insaponata,
c’è la micetta nuova del Marcello,
sempre a zonzo fuori dal cancello.
Quella di prima aveva il manto bianco
e zoppicava per un problema all’anca.
Questa ha il manto marezzato un po’ di grigio
e corre veloce meglio di una pernice.
Sfortuna vuole che ci fosse lì la bambina
che per la pulizia è molto puntigliosa.
Acqua, sapone e spazzola di crine:
povero micetto…non c’è via di scampo.
Svelta la nipotina…il gatto di più…
Quello di nuotare non è certo un bel mestiere
e lui con le sue macchioline c’era nato,
ricordo di un padre nemmeno conosciuto,
spavaldo, nero e tanto appassionato
che un giorno si era…mischiato con la Bianchina.
La schiuma esce dal catino,
delusa e triste la mia cipollina.
Mi tocca mettere a mollo almeno i piedi
e farli spazzolare davvero sopra e sotto.
Per fortuna che il Marcello è spiritoso:
tutto finisce con un rimbrotto…annacquato.
61
Cavall de scòcca
On gasaghee… bagnaa
Appèna che me seri pisorada
me riva de lontan ona mognada.
Sgarida de on quai gatt che s’inrabiss,
che’l ciama aiutt intanta ch’el sguagniss.
Coi oeugg panaa pronta me drizzi in pee
e corri in direzion del gasaghee.
Dedent del vègg sidèll de la bugada,
ben ben a moeuj e fin insavonada,
gh’è la minina noeuva del Marcèll,
semper in strusa foeura del cancèll.
Quèlla de prima el pel gh’aveva bianch
e zoppignava per on infèsc al fianch.
Quèsta l’è marezzada on poo de gris
e scappa lèsta pesg de ona pernis.
Dislippa voeur che gh’era lì la tosa
che per nettà l’è pròppi…pontillosa.
Acqua, savon e spazzettin de gringa:
pover scianin… sortida ghe n’è minga.
Svèlta la biadeghina… el gatt pussee…
Quèll de noà l’è minga on bèll mestee
e lù coi sò smaggètt l’era nassuu,
regord de on pader gnanca conossuu,
gimacch tencion e tanto passionaa
che on dì con la Bianchina s’è mes’ciaa.
La s’ciuma la vegn foeura del cadin,
delusa e mògia l’è ‘l mè scigollin.
Me tocca mètt a moeuj almanch i pee
e fai sgurà de bon sora e dedree.
Fortuna che’l Marcèll l’è spiritos:
tusscòss finiss cont on reciocch…acquos.
62
Cavallo a dondolo
Carnevale
Verso i tre anni ero un “marajà”,
con le scarpette rosse e un bel turbante pieno di gemme,
scelta materna per soddisfare il desiderio
di aver vicino qualcosa del suo adorato Oriente.
Per il papà sono stata “margherita”,
dritta per forza a causa di un telaio
creato con pazienza gesuita
che mi stringeva il collo come un collare.
La nonna poi ha detto che per l’anno successivo
avrei potuto vestirmi da “ungheresina”
con gli avanzi di nastri, seta e panno
e io l’ho fatto, povera bamboccina.
Torna di nuovo un Carnevale di festa
ma mi sono fatta grande, non più patata.
Con slancio sincero scelgo il mio travestimento:
turchina sia la stoffa. Io sarò una “fata”.
Ed era così perfetto che l’abbiamo allungato.
Per due o tre anni l’ho proprio tanto goduto
ed era sempre nuovo come appena fatto,
il più bello che avessi mai avuto.
Con il cappello a punta e la bacchetta
potevo fare magie di fantasia,
non incantesimi cattivi o di vendetta
ma di giustizia contro le angherie.
Oggi di “fate” ne incontro proprio poche.
Invece delle bacchette si sfoderano le spade.
A più non posso ragazzine villane, rozze,
capaci di tirare sberle e poi calci.
63
Cavall de scòcca
Carnevaa
Vèrs i trii ann on “maragià” mì seri,
coi pepè ross e on bèll gemmaa turbant,
scèrna matèrna per scoeud el desideri
de vègh arent el sò insognaa Levant.
Per el papà son stada “margheritta”,
drizza per fòrza in grazia d’on telar
faa su con la pazienza gesuitta
che me strozzava strètta ‘me on collar.
La nòna poeu l’ha dii che per l’altrann
avria poduu vestimm de “ungheresina”
coi vanzausc di naster, seda e pann
e mi l’hoo fada, pòra pattanina.
Torna de noeuv on Carnevaa de fèsta
ma me son fada granda, pù patata.
Con slanz sincer scernissi la mia vèsta:
turchina sia la stòffa, mì ‘na “fata”.
E l’era inscì perfètt che l’èmm slongaa.
Per duu o trii ann l’hoo pròppi tant goduu
e semper l’era noeuv ‘me appèna faa,
el pussee bèll che mai gh’avèssi avuu.
Cont el cappèll guzzaa e la bacchètta
podevi fà striòzz de fantasia,
minga penser malign o de vendètta
ma de giustizia contra l’angaria.
De “fate” incoeu ne incontri pròppi pòcch.
Inveci di bacchètt se sfodra i spad.
A quant e mai popòll villann, pajòcch,
bon de tirà s’giaffoni e poeu pesciad.
64
Cavallo a dondolo
E la violenza sembra un punto d’onore
per prendersi soddisfazioni subito, anche prima di adesso.
E la pazienza non ha gusto,
da un momento all’altro cambiano interesse.
Fuori e dentro vado con i pensieri.
Coriandoli colorati svolazzano intorno,
con l’allegria tutto è molto più leggero,
a tutti i bocconi amari divento sorda.
A furia di ascoltare la mia rimostranza
anche la nipotina l’ha capita.
Da “arcobaleno” quest’anno è mascherata,
di sentimenti, valori, amore ben imbottita.
65
Cavall de scòcca
E la violenza la par on pont d’ onor
per scoeudes subit, anch prima de adèss.
E la pazienza la gh’ha minga savor,
in d’on moment già muden d’interess.
Foeura e dedent mì voo cont el penser.
Coriandol coloraa sgoratta intorna,
con la legria tusscòss l’è assee legger,
a tutt’i strangojoni me foo storna.
A furia de scoltà l’intemerada
anca la biadeghina l’ha capida:
De “stria in ciel” quest’ann l’è mascherada,
de sens, valor, amor ben impienida.
66
Cavallo a dondolo
Natale ingarbugliato
L’albero quest’anno è proprio di quelli belli,
non è vivo ma ha già la neve.
Tiro fuori gli addobbi dallo scatolone:
per una volta ho un fior fior di aiutante.
Scegliamo le palle rosse con gli arabeschi:
la prima si spappola sotto i piedi…
“Prendi la scopa che il nonno si arrabbia
e poi ne vien fuori il solito trambusto”
“ Fa piano, ciccina, è roba delicata,
anche se sono palline di vetro vecchio
ci sono proprio davvero affezionata
la sfera grande poi costa parecchio”
Ding, dang, dong, sflaff e patatracc…
briciole brillanti a terra come farina.
Scricchiolano quelle palle rosso fuoco sotto i miei tacchi…
Oh che disastro Santa Madonnina!
Urla la bambina, io le urlo ancora di più.
Come un coccodrillo si dispera,
quasi si soffoca e mi fa spaventare:
la tengo in braccio fino a sera.
Ma è Natale, la festa di quelli bravi,
di quelli che chiudono gli occhi per le magagne
di quelli che cresceranno un po’ più saggi.
Natale d’amore, capace di calmare anche i lamenti.
67
Cavall de scòcca
Natal ingarbiaa
L’Alber quèst ann l’è pròppi de quèi bon,
l’è minga viv ma gh’ha giamò la nev.
Troo foeura i ornament del scatolon:
per ona vòlta gh’hoo ‘n fior fior de alliev.
Scernissom ballòtt ross coi firifiss:
el primm me se spettascia sòtta i pee…
“Ciappa la scoa che’l nòno se inrabiss
e poeu ghe sbilza el sòlit gibilee”
“Fà pian, nanin, l’è ròba delicada,
perchè hinn ballètt de veder andeghee
mì ghe son pròppi davvera fezionada
la sfera granda poeu la var danee”
Ding, dang, dong, slaff e patatracch…
freguj brillant a tèrra ‘me farina.
Scrizza quèi sfer foghent sòtta i mè tacch…
Oh che disaster Santa Madonnina!
Vosa la tosa, pussee ghe vosi mì.
Compagn de on coccodrill la se dispera,
squas la soffega e la me fa stremì:
in scòss a mì la tègni fin a sera.
Ma l’è Natal, la fèsta de quèi bravi,
de quèi che sara i oeugg per di magagn
de quèi che cressarann on poo pù savi.
Natal d’amor, bon de balcà anch i sguagn
68
Cavallo a dondolo
Lo sfratto
Raggio di sole dopo un’acquazzone
è scoppiato fuori dal suo palloncino
on po’ basito, con un pianto intenso,
quel bel tipo del mio nipotino.
Aveva i suoi motivi per arrabbiarsi:
sbattuto fuori di casa dopo nove mesi,
senza camicia e con un tale sconquasso
che gli è sembrato davvero assai scortese.
A mollo nello stagno questo bel ranocchietto
ciucciava tutti i giorni solo il suo pollice,
a volte allungava i piedi un pochettino
oppure sbadigliava, peggio di un lazzarone.
Per tanti giorni ascoltava suoni affievoliti
come di onde che si infrangono sugli scogli,
tutti i rumori arrivavano attutiti
come il fruscio che fanno le foglie d’autunno.
Stretta e piccina era la sua stanza
ma lui non voleva fare trasloco
così spingeva poco contro la pancia
e non si sentiva per niente prigioniero.
Solo una voce, in verità, lo attirava,
voce di sirena…e sembrava quasi un ricatto
ma lui, testone, ancora la tirava per le lunghe:
aveva paura, e tanta, di quello sfratto…
Adesso è lì accovacciato sopra la sua sirena,
non c’è più nostalgia per quella casa perduta
e intanto che sospira appena appena
verso la tetta arrischia una morsicatina.
69
Cavall de scòcca
El sfratt
Sfèrla de sô depòs de ‘na slusciada
l’è s’cioppaa foeura del sò ballonin
on poo basii, cont ona caragnada,
quèll grass de ròst del mè biadeghin.
Gh’aveva i sò reson per incazzass:
sbattuu foeura de cà dòpo noeuv mes,
senza camisa e cont on tal sconquass
che’l gh’è paruu de bon assee scortes.
Mojaa dedent el stagn ‘sto bèll ranin
scisciava tutt’el dì domà ‘l didon,
di vòlt slongava i pee on ciccinin
oppur sbaggiava, pesg de on pelandron.
Per tanti dì scoltava i son smorzaa
compagn di ond che s’giaffen su di scoeuj,
tutt’i frecass rivava bombasaa
come’l fluscià che fann d’autunn i foeuj.
Strètta e pinina l’era la soa stanza
ma lù’l voreva nò fà sanmichee
inscì ruzzava pòcch contra la panza
e’l se sentiva minga prisonee.
Domà ona vos, per vera, ghe inzigava,
vos de sirèna…e l’era ‘me on ricatt
ma lù, crappon, anmò la cinquantava:
fiffa gh’aveva, e tanta, de quèll sfratt….
Adèss l’è lì scrusciaa su la sirèna,
gh’è pù el magon per quèlla cà perduda
e intanta che’l sospira appèna appèna
vèrs a la tètta ‘l ris’cia ‘na morduda.
70
Cavallo a dondolo
Diego – aprile 2018
Un sonno, il risveglio, un altro pisolino
dentro un tiramolla di sospiri:
il pomeriggio è questo per il mio nipotino,
sprofondato nei cuscini come un Gran Visir.
Al passaggio veloce di una zanzara
spalanca gli occhi pieni di stupore,
a volte invece nemmeno una baraonda
sarebbe sufficiente per fargli sbattere le ciglia.
Due bottoncini celesti sempre in movimento,
colorito bianchiccio come la luna nuova,
un sorriso bagnato che perde la bava
a causa di quei dentini spuntati solo per prova. (ndr = denti da latte)
Di dire qualcosa non se ne parla proprio,
meno di un centimetro si sposta il suo sederino:
indifferente verso qualsiasi lusinga
fa già capire quanto sarà testardo.
Pian pianino lui vuol scoprire il mondo,
ci sarà tempo per estasi appassionate
o per grane e crucci da patire.
Piccolo testone: mi hai stregato il cuore!
71
Cavall de scòcca
Diego – april 2018
On sògn, la veglia, on alter visorin
dedent de on tiramòlla de sospir:
l’è quest el podisnà del biadeghin,
in di cossitt fondaa ‘me on Gran Visir.
Al sorvolà legger de ‘na zanzara
i oeugg el sbaratta, pien de meravili
di vòlt inveci nanca on sarasara
le saria assee per fagh sbatt i sò zij.
Duu bottonitt celèst semper in truscia,
incarnadin biancusc de luna noeuva,
on masaraa sorris che pèrd bauscia
per quèi dencitt spontaa domà per proeuva.
De dì on quaicòss se ne parla minga,
men che d’on ghèll se moeuv el sò sesin:
indifferent vèrs qualsesia lusinga
giamò fa intend quant el sarà tognin.
Liron liran lù’l voeur el mond scoprì,
temp ghe sarà per èstes infiammaa
ò per i grann e i cruzzi de patì.
Pinin crappon: el coeur te me ingermaa!

IV
capitolo
Cuntee de la sera
Pensieri e fantasie serali
74
Cavallo a dondolo
Un sogno
Ho fatto un sogno…e ancora mi manca il fiato:
Bruciava la campagna intorno a me,
scintille di cenere ardente sopra un prato
e io osservavo il cielo indifferente.
Da buio pesto a rosso acceso,
fiamme che ballavano come se fossero un gruppo di streghe
e io, attonita, senza nessuna paura,
subivo la smania del fuoco.
Come una roccia millenaria
tenevo botta alle scudisciate del vento
ma rassegnata, non come avversaria.
Ero impotente, ero un corpo incandescente.
Come rami secchi le mani si coloravano di grigio,
le gambe parevano colonne di un tempio abbandonato,
i piedi inchiodati nella terra come radici,
la testa vuota da tutte le cognizioni.
Ho fatto un sogno ma ero sveglia.
C’era silenzio, taceva la cara voce.
Cade la cenere alla fin fine spenta
e le lacrime liberate bagnano quel prato.
Ho capito la forza della Natura,
è inutile opporsi alle sue leggi
e queste emozioni serviranno da corazza
ad un cuore straziato dal mal di vivere.
75
Cavall de scòcca
On sògn
Hoo sognaa on sògn…anmò me sta giò ‘l fiaa:
brusava la campagna intorna a mì,
frìspol de scendra pizza sora ‘n praa
e mì sperlavi el ciel ma sansossì.
De scur scurisc a on ross invernighent,
fiamm che ballava ‘me fuss on ròsc de strii
e mì, inlocchida, senza nissun spavent,
del foeugh subivi, salda, i frenesii.
Compagna de’na ròccia millenaria
tegnevi dur a quèi scuriad de vent
ma rassegnada, minga ‘me avversaria.
Seri impotenta, seri on còrp sbrojent.
‘me bròcch seccaa i man virava al gris,
i gamb colònn de on templi bandonaa,
i pè inciodaa in la tèrra ‘me radis,
de tutt’ i cognizion el coo svoiaa.
Hoo sognaa on sògn ma seri dissedada.
Gh’era silenzi, taseva la vos cara.
Cròda la scendra a la fin fin smorzada
e i lacrim liberaa quèll praa masara.
Hoo intes de la Natura la soa fòrza,
contra i sò leg l’è vana resistenza
e ‘sti s’gigottament farann de scòrza
al coeur cruzziaa di mal de l’esistenza.
76
Cavallo a dondolo
Un altro sogno
(il gioco di parole che iniziano con la lettera S in milanese è naturalmente intraducibile )
Adesso c’è silenzio ma ieri…che confusione!
Riunita insieme in grande allegria tutta la parentela
smaniava agitata per il gran pranzo.
Quando se ne sono andati mi sono sentita una libellula ….
Intanto che mi appisolavo (pesare le mele cotogne = intraducibile)
con una ridicola supponenza da poetessa
mischiavo tante lettere in un sogno:
mi ero intestardita sulla “esse”.
Ero sola sotto un sole color zafferano
parecchio sazia dopo la gran mangiata.
Mi ero addormentata sopra un asciugamano
quando ho sentito sul collo uno spruzzo.
Era un sogno ma ho girato gli occhi
e ho visto un fantasma magro e un po’ emaciato
che quasi non si reggeva in piedi
e lentamente e molto stanco sorbiva rumorosamente una minestra.
Dopo la paura e lo schifo per lo sputo ricevuto
lo squadro pezzo per pezzo con attenzione
e mentre esplode un altro starnuto
mi commuovo per questo trasandato.
Certo era un sogno ma lui soffriva
e io la fame l’avevo ben soddisfatta
tanto che la pancia sazia si lamentava
come una spugna quando viene strizzata.
Che pena questo fantasma così puzzolente,
sebbene fosse un sogno sembrava vero,
stringeva il cuore l’andatura così zoppicante,
mi cresceva dentro un sincero rimorso.
A occhi chiusi mi impegno ad essere saggia
anche ad aiutare chi ha un po’ meno di me.
Adesso, sveglia, mantengo le promesse
nonostante questa “ esse” mi abbia un po’ stordito.
77
Cavall de scòcca
On alter sògn
Dèss gh’è silenzi ma ier… che confusion!
Traa insèma in gran legria la parentèlla
smaniava in truscia per el disnaron.
Quand hinn andaa mì seri ‘na guggèlla …
Intanta che pesavi pòmm codògn
cont on ridicol suss de poetèssa
mes’ciavi tanti letter in d’on sògn:
me seri incrapponida su la “essa”…
Solla mì seri sòtta on sô zaffran,
sossèn sagolla de ‘na gran spansciada.
Seri sopida sora ‘l sugaman
quand hoo sentii sul còll ona sbroffada.
Sigura l’era on sògn ma hoo giraa i oeugg
e hoo vist on salvan smilz e on poo sbasii
che squas l’andava via sui sò genoeugg
e pian slurbava sbòbba assee sfinii.
Dòpo el scaggètt e’l schivi per el spud
le squadri sbriss a sbriss con attenzion
e intanta che’l sbottis ‘n alter sternud
mì me commoeuvi per ‘sto sbrindolon.
Sigura l’era on sògn ma lu’l pativa
e mì la famm l’avevi ben scoduda
tant che la panscia saccia la sguagniva
compagna de ‘na spugna ben storgiuda.
Che pèna ‘sto salvan tanto spuzzent,
siben che’ l fuss on sògn pareva ver,
straziava el coeur l’andà ‘scì sciabalent,
cresseva dent de mì rimòrs sincer.
A oeugg saraa de vèss savia me impègni,
anch de iuttà chi gh’ha on poo men de mì.
Dèss, dissedada, i stèss promèss sostègni
amalasant ‘sta “essa” on poo m’abbia stordì.
78
Cavallo a dondolo
Mani
Ho distrutto tutte le mie annotazioni di ieri
e mentre stracciavo quei foglietti
guardavo queste mani color burro
arricciate e segnate da cento e più rughette.
Un tempo arricchivo queste unghie di tante sfumature,
sceglievo lo smalto a seconda del vestito,
cercavo la concordanza con il rossetto
come in un gioco fatto di trama e ordito.
Mani di carezze condivise con grande saggezza,
mani morbide sulle teste dei bambini,
mani infuocate che senza timidezza
tiravano fuori da lui il suo meglio.
Io che non posso soffrire quelli che piagnucolano
languida borbotto che la colpa è mia
se le mie mani come un tempo non vogliono più prudere forte,
spogliate, asciugate, cullate nella nostalgia.
Un velo di rosso sopra una bocca riarsa,
una leggera vernice sulle dita
e si risveglia l’ardore mai scomparso
e la passione guarisce vecchie ferite.
Ti ho abbracciato stretto senza un parola.
Ti ho regalato le mie mani secche col cuore,
accovacciata vicino a te come una bambina,
inevitabilmente insieme, di nuovo innamorati.
79
Cavall de scòcca
Man
Hoo faa tonina di mè nòtt de ier
e intanta che strasciavi quèi fojètt
vardavi quèsti man color butter,
risciaa e marcaa de cent e pù pieghètt.
Ornavi on dì ‘sti ong de tanti nuanz,
scernivi el smalt conforma del vestii,
cercavi coi rossètt i concordanz
come in d’on gioeugh faa de trama e ordii.
Man de carèzz spartii con gran savièzza,
man moresin sora el crappin di fioeu,
man infogaa che senza timidèzza
cattaven foeura tutt el sò sciroeu.
Mì che i pianginn je pòdi nò soffrì
flòssa barbòtti che l’è colpa mia
se i man ‘me on temp voeuren nò spiurì,
biottaa, sugaa, ninaa de nostalgia.
On vèll de ross sora ‘na bocca arsa,
ona vernis leggera sora i did
e se disseda ardenza mai scomparsa
e la passion la sana i vègg ferid.
Strètt t’hoo brasciaa senza ‘na paròla.
I mè man sutt col coeur t’hoo regalaa,
arent scrusciada come ‘na popòla,
man muss insèma, de noeuv innamoraa.
80
Cavallo a dondolo
Training autogeno
Adesso dammi retta e lasciati un po’ andare.
Chiudi i tuoi occhi e ascolta il mio racconto:
sarà questa voce, simile ad un pennello,
che replicherà per te vedute sublimi.
C’è un sentierino dopo la casa rosa,
l’ultima casa di un paesello da niente.
Comincia a camminare che c’è una piccola salita
e poi risparmia il fiato per l’altra più seria.
Prati fangosi, terra smossa
dal quieto via vai di mandrie golose.
Là così, a sinistra, alberi attorcigliati dal tempo.
Un buio pesto e un brivido di paura
a volte vengono attraversati da un certo sorriso d’azzurro,
solo una briciola di un cielo che si vede poco.
Il cuore batte più in fretta, ‘sto balbuziente;
scivolano le scarpe verso la collina.
Lì, se dio vuole, un sole che ti abbaglia,
il lago lontano pieno di lucine biancheggianti.
Una si accende, l’altra si spegne,
che sembra Natale anche se siamo a maggio:
soddisfano le vele la loro fame di vento.
Di là le montagne con una spruzzata di neve,
pietre intarsiate da un antico artigiano.
E poi silenzio, silenzio e ancora silenzio.
La mia emozione adesso è anche la tua
e siamo insieme davanti a questo panorama;
tutti i tuoi dispiaceri si sono addormentati,
si distendono quieti sopra una grande nuvola.
81
Cavall de scòcca
Training autogeno
Dèss damm a trà e on poo lasses andà.
Sara i tò oeugg e scolta ‘l mè cuntee:
sarà ‘sta vos, compagna d’on pennèll,
che voltarà per tì sublimm vedud.
Gh’è ‘na streccioeura dòpo la cà ròsa,
l’ultima cà d’on paesèll de nient.
Datt l’inviada che gh’è ‘na salidèlla
e poeu sparmiss el fiaa per quèlla seria.
Praa spattuscent, tèrra smoeuvuda
de’l quiètt viavai de boarèsc leccard.
Là inscì a manzina piant intortiaa del temp.
On fosch foschisc e on sgrisor de paura
di vòlt le sbosa on quai sorris celèst,
domà freguja d’on ciel che se ved pòcch.
Va pussee in prèssa el coeur, ‘sto bettegon;
scarliga i scarp vèrs el montesèll.
Lì, se dio voeur, on sô che’l te inorbiss,
el lagh lontan pien de lusitt biancusc.
Voeuna se pizza, l’altra la se smòrza,
che par Natal anca se sèmm a magg:
scoeuden i vèll el sò petitt de vent.
De là i montagn cont on sbriss de nev,
prèi intarsiaa de on artesan antigh.
E poeu silenzi, silenzi e anmò silenzi.
El mè s’gigottament dèss l’è anca tò
e sèmm insèma denanz a ‘sta veduda;
tutt’i tò cruzzi s’hinn indormentaa,
quiètt se distenden sora ‘n nivolon.
82
Cavallo a dondolo
Sento il tuo respiro più leggero
sulle tue labbra l’ombra d’un sorriso.
A occhi chiusi sembri uno che dorme
ma sotto le palpebre si intravede vivacità.
Quando spalancherai di nuovo i fanali
forse troverai le soluzioni che cercavi.
Profumo di bosco ancora nelle narici
e un soffio di vento che ti rinforzerà.
83
Cavall de scòcca
Mì senti el tò respir pussee leger,
sora i tò laver d’on sorris l’ombria.
A oeugg saraa te paret vun che’l dòrma
ma sòtta i palper se ved vivacità.
Quand che i fanai te dervaree de noeuv
fòrsi te trovareet i soluzion cercaa.
Odor de bosch anmò dent i naris
e on boff de vent che’l te rinsalderà.
84
Cavallo a dondolo
Lacrime condivise
Mi hai detto che ho le lacrime in tasca:
“ E’ un sintomo di vecchiaia” hai aggiunto.
“Butta via quel poema intriso di piagnistei,
appallottola i fazzoletti bagnati”.
Forse hai ragione: cambio lettura.
Prendo i racconti comici…per alleggerirmi un po’,
anzi ti riferisco qualche battuta.
L’autrice è ironica: una scavezzacollo!
Vedrai, ti passerà la stizza.
Leggo seria, ti osservo di sottecchi:
ti ballano le spalle, la pancia sale,
il collo si allunga come se fosse un’aspidistra,
proprio come quella che abbiamo nel vaso.
Senza fare una piega proseguo con la scenetta:
alla fine ti si arriccia il naso
e dai tuoi occhi escono rigagnoli d’acquetta.
Trattenersi dal ridere è stata dura
ma non ho ceduto, nemmeno un sorriso.
Morire dal ridere sia la tua tortura,
annegare nel pianto per godere del paradiso.
Dopo la storiella raccontata abbiamo fatto la pace.
Ci siamo abbracciati e poi abbiamo condivise le lacrime.
Tanto abbiamo riso che ci colavano i nasi:
un bacio al volo e un letto da stropicciare….
85
Cavall de scòcca
Lacrim spartii
Gh’hoo i lacrim in saccòccia, te m’hee dii.
“L’è on sintom de veggèza”… t’hee giontaa.
“Trà via’l poèma intris de litanii,
fa sù a ballètt i fazzolètt dacquaa”
Fòrsi te gh’hee reson: mudi legiuda.
Ciappi i spillètt…per slegerimm on poo,
anzi te cunti sù ‘ na quai battuda.
Sbeffarda l’è l’autris: ‘na scorlacoo!
Te vedaree, te passarà la stizza.
Legi seriosa, te vardi de scondon:
te balla i spall, la panscia la se rizza,
el còll se slonga come se fuss frascon,
pròppi compagn del nòster dent el vas.
Senza on plissé voo innanz con la scenètta:
a la fin fin te se refigna el nas
e di tò oeugg riann sbilza d’acquètta.
Tegniss del sgavascià l’è stada dura
ma hoo mollaa minga, nò, nanca on sorris.
Creppà del rid la sia la toa tortura,
negà in del piang per gòd del paradis.
Dòpo de la stòrièlla èmm faa la pas.
Sèmm brasciaa sù e poeu spartii ‘l luccià.
Tant’èmm riduu che ne gottava i nas:
basin al vol e on lètt de spiumascià….
86
Cavallo a dondolo
Cri cri- ran ran
C’è una nuova poltrona sul balcone,
una di quelle che invita ad appisolarsi:
mi siedo prontamente e chiudo le pupille
con tanto desiderio di dimenticare
tutte le mie grane e le tante cose da fare.
Un buon profumo solletica le mie narici:
il gelsomino soffoca la ringhiera,
si è innamorato della sua intelaiatura.
Per chi ci crede è l’ora della preghiera
ma presto la notte renderà più scura la sera.
Se c’è silenzio canta la cicala,
palpita indiavolata, desiderosa di accoppiarsi
o forse è solo una risata sguaiata
contro quelli che continuano a crucciarsi
e del ”presente” non sono mai contenti.
Mi canzona con aria strafottente,
mi prende in giro, sì proprio me,
formica stanca, che corre sempre agitata
ma la natura non la si può tradire
e la tua strada devi seguire.
Cri-cri grida con tutta la sua forza
ostenta boria, allegra e gaudente
fa venire mal di testa questo suono adulatore…
ma la razionalità fa tacere il suo ran-ran:
fredda e solitaria lei sarà domani.
Nonostante la piacevole brezza della sera
subito mi alzo da questa sedia,
mi carico volentieri sulle spalle il basto.
Se la cicala termina la sua attività
la mia vita io la voglio vivere intera.
87
Cavall de scòcca
Cri cri -ran ran
Gh’e ona cadrega noeuva sul poggioeu,
voeuna de quèi che invida ‘l visorà:
me sètti pronta e sbassi giò i popoeu
con tanta voeuja de desmentegà
tucc i mè grann e i tanti ròbb de fà.
On bon odor inziga i mè naris:
el gelsomin soffega la ringhera,
se scalda i fèrr sora ‘l sò tralis.
Per chi ghe cred l’è l’ora de preghiera
ma prèst la nòtt infoschirà la sera.
Se gh’è silenzi canta la scigada,
pedòcca palpita, smaniosa de cobbiass
o fòrsi l’è domà ‘na sgavasciada
contra de quèi che vann adree a cruzziass
e del “presente” paren mai beass.
La me canzona con aria de bauscia,
la ghigna de scondon, sì, pròppi a mì,
formiga stracca, corridora in truscia
ma la natura la se pò nò tradì
e la toa strada te tocca de seguì.
Cri-cri la cria con tutt’el sò vigor
ostenta bòria, legriosa, bonvivan,
rintròna el coo ‘sto son adulator…
ma la reson fa citto el sò ran-ran:
frèggia e soturna lee sarà diman.
Amalasant la breva de la sera
prònti me levi sù de ‘sta cadrega,
sui spall el bast careghi volentera.
Se la scigada sara sù bottega
mì la mia vita la voeuri gòd intrega.
88
Cavallo a dondolo
Lezione di scienze
A volte faccio un gioco.
Scelgo vecchie emozioni
poi do loro vita.
Chiudo gli occhi
per risvegliare i sensi.
Cinque possono bastare.
Qui sotto al naso
l’acre odore
di quell’arrosto bruciato.
Cuoca maldestra…
Finestre spalancate in fretta.
Pentola da buttare.
Mi brucia ancora
lo schiaffo di mio padre.
Avevo vent’anni.
Pretese in quantità
in opposizione alle sue catene.
Figlia ingrata.
Schiamazzano i ragazzi
dietro ad un solo pallone.
Voci d’allegria.
Cric-crac alla porta.
E’ tardi, nebbia.
I ragazzi sono al sicuro a casa!
Bocca appiccicosa.
Un gusto di more sulle labbra.
Era un bacino.
Un soffio d’amore,
il primo senza malizia.
Quasi un saluto.
Briciole d’un tempo
vissuto, passato e sentito
in cinque modi.
89
Cavall de scòcca
Lezion de scenz
Di vòlt foo ‘n gioeugh.
Vègg emozion scernissi
poeu ghe doo vita.
Mì sari i oeugg
per dessedà i mè sens.
Cinqu hinn assee.
Chì sòtta al nas
l’odor de taccaa giò
de quèll brusaa rostin.
Coeuga spegascia…
Veder dervii de prèssa.
Caldar bon de traa via.
Me brusa anmò
del mè papà la s’giaffa.
Vint ann gh’avevi.
Pretes a mòtta
contra de i sò cadènn.
Ingratta tosa.
Sbraggia i bagai
adree ‘na solla balla.
Vos de allegria.
Crich-crach a l’uss.
L’ora l’è tarda, nèbbia.
I fioeu hinn a tècc!
Bocca mostosa.
On gust de mòr sui laver.
L’era on basin.
On boff de amor,
el primm senza malizia.
Squasi on salud.
Freguj d’on temp
vivuu, passaa e sentii
in cinqu maner.
90
Cavallo a dondolo
Ghiaccio bollente
Una ventata
Un freddo che mi intirizzisce
Brivido d’inverno
Nuvole sfarinate
Lentamente la neve
Mantello silenzioso
Candore in terra
Coperchio appoggiato con grazia
Promessa di pane
Focolare fiammeggiante
Profumo di legna vecchia
Voglia di coccolare
Oltre i vetri
Tormenta e neve e gelo
Incanto che strega
Persiane chiuse
Rossore che stuzzica internamente
Pensieri diabolici
91
Cavall de scòcca
Giazz sbruient
Ona boffada
On frègg che me inranghiss
Sgrisor de invèrna
Nivol sfarinaa
Liron liran la fiòcca
Tabarr soturno
Candor in tèrra
Covèrc coi maner poggiaa
De pan promèssa
Fogoraa foghent
Profumm de lègna vèggia
Voeuja de totorà
De là di veder
Tormenta e nev e gel
Incant che stria
Gelosii saraa
Rossor che dent inziga
De berlicch cuntee
92
Cavallo a dondolo
L’attesa
Quando verrà quel giorno, il giorno degli esami,
vedrò chiaro anche ad occhi chiusi.
La notte s’illuminerà di mille fiamme
fino a quando tutto il corpo sarà incenerito.
Un saggio giudice esaminerà controluce il mio cuore
in cerca di magagne, vizi e peccati
sovrapposti ai segni di amori, passioni e dolori,
sebbene diversi, stretti e ingarbugliati tra loro.
Sopra la bilancia ci sarà una piuma
di cinciallegra, d’aquila o di struzzo.
( Certo la la speranza di pareggiarne il peso sfuma…
già mi soffocano i fumi dell’inferno …)
Come una pietra peserà l’invidia;
la petulanza, la boria saranno come sassi
ma ci sarà un giudice baro
che ignorerà la legge del contrappasso.
Se sul piattello della bilancia Lui appoggerà la mano,
insieme al peso della sua saggezza,
tutti i miei sbagli alla fine andranno a pari
e avrò la pienezza dell’eternità.
E’ già un problema la vita così,
incrocio di buone azioni e di fastidi,
che sarebbe vano darsi da fare e alla fine scoprire
che poi, oltre la vita, c’è solo il vuoto.
Forse sarà fede senza concretezza,
eredità di tante ore in chiesa,
istinto naturale, pura speranza,
ma sembra un conforto sincero nell’attesa.
93
Cavall de scòcca
L’attesa
Quand vegnarà quèll dì, el dì di esamm,
vedaroo ciar anca coi oeugg saraa.
La lusirà la nòtt de mila fiamm
fin a che’l còrp el sarà staa brasaa…
On savi giudes sperlarà ‘l mè coeur
in cerca de magagn, vizzi e peccaa
unii coi sègn de amor, passion e doeur,
amalasant divèrs, strètt e ingarbiaa.
Sù la balanza ghe sarà ‘na piuma
de parascioeula, d’aquila o de struzz.
(Cèrt de impattass la speranza sfuma…
già de l’Inferna me tarnega i spuzz…)
Compagn de prèia l’invidia pesarà;
la petulanza, el suss sarann ‘me sass,
ma on giudes gabolista ghe sarà
che ignorarà la leg del contrapass.
Se sul piattèll Lù’l pondarà la man,
insèma al pes de la soa savièzza,
tutt’i mè sbali in fin farann pandan
e de l’eternità gh’avrò pienèzza.
Giamò on infèsc l’è la vita inscì,
de bon azion carrobbi e de ròbb gramm,
che saria van truscià e in fin scoprì
che poeu de là gh’è on loeugh pien de voiamm.
Fòrsi credenza senza de sostanza,
eredità di tanti or in gesa,
istinto natural, pura speranza,
ma par sincer confòrt in de l’ attesa.
94
Cavallo a dondolo
I colori del sopore
Si accorciano le giornate ed è già tramonto.
Spettacolo di Natura le cime lombarde
che in lontananza definiscono l’orizzonte
e si addormentano sotto una rossa bandiera.
Colore del fuoco, colore della vergogna
che a poco a poco si affievolisce in pudore.
Come chi prima alza la voce e poi mugugna
della luce fiammante rimane solo un ricordo.
Adesso il cielo è rosa sopra le case
ed è il colore di tutte le mezze bugie,
a volte buttate lì, tanto per spettegolare,
spesso…inghiottite e non ancora ben digerite …
Sono bocconi amari vecchi e nerissimi,
proprio dello stesso colore della notte,
ricordi di quando eravamo ingenui
ma con le prime luci dell’alba pian piano svaniranno.
Cerco il sonnifero nelle stelle
e il candore di quelle luci lontane
cancella con delicatezza, quasi come se fosse un pennello,
tutti gli intrighi passati e i gesti ruffiani.
Le belle montagne ora non le vedo più:
si chiudono le palpebre, la testa si abbassa.
Dal dio del sonno alla fine mi lascio sedurre
fasciata nei colori come un neonato.
95
Cavall de scòcca
I color del visorà
Se scurta i ari e l’è gianmò ‘l tramont.
Spettacol de Natura i scimm lombard
che in lontananza marchen l’orizzont
e se sopissen sòtta on ross stendard.
Color del foeugh, color de la vergògna
che meneman se stempera in ritègn.
Compagna di chì vosa e poeu taccògna
la lus fiamant la rèsta domà on pègn.
Adèss l’è ròsa el ciel de sora i cà
e l’è il color di tutt’i mèzz bosii,
di vòlt traa via, inscì per sabettà,
de spèss sorbii e anmò mal digerii….
Hinn vègg e scur scurisc ‘sti strangojoni,
pròppi l’istèssa tinta de la nòtt,
regòrd de quand che serom staa mincioni
ma col primm ciar andarann via lòtt lòtt
Cerchi l’indormentina dent i stèll
e la bianchèzza de quèi lusitt lontan
scassa con grazia, squasi fuss pennèll,
tutt’i passaa garbuj e i gèst ruffian.
I bèi montagn adèss je vedi pù:
Se sara i palper, el coo se sbassa giò.
Del dio del sògn in fin me foo sedù,
fassada in di color come on popò.

V
capitolo
Passeggiad
Impressioni e vedute
98
Cavallo a dondolo
Una storia di colori
(campagna mantovana giugno 2017)
C’era una volta un grande giallo tappeto.
Era il frumento di giugno, quello abbondante:
ancora vuoto, in attesa, era il granaio,
ansioso di ricevere quell’oro prezioso.
Lì vicino vicino c’era poi il granturco
verde brillante sotto un sole esagerato
un gran sbruffone solitamente fino a settembre,
fino al momento di essere ben rasato.
Il giallo con il verde si trasformava in blu
e un cielo di mare copriva l’orizzonte.
Uno sciame di api succhiava rossi papaveri,
con gli azzurri fiordalisi faceva paragoni.
Più in là tanti agnellini a zonzo:
quel prato verdeggiante sembrava un puntaspilli
pieno di spilli puntati alla rinfusa
con le capocchie ancora incrostate con il gessetto (da sarto-ndr).
Una qualche fata comandava il pennello:
quando il panorama si macchiava di nuove tonalità
subito rimirava il suo lavoro fin troppo beata…
Sotto sotto c’era un incantesimo …
Tre vecchi contadini scrutavano inquieti il cielo,
annusavano l’aria come segugi.
Una bava di vento li sfiorava passando vicino
e sbattevano forte finestre e porte.
Un imbuto nero in lontananza,
come un arcolaio che avvolge la matassa,
ruotava vorticosamente senza creanza,
portava guai con la piroetta.
99
Cavall de scòcca
Ona stòria de color
(campagna mantoana giugn 2017)
Gh’era ona vòlta on ampi giald tappee.
L’era ‘l forment de giugn, quèll bondanzios:
voeui, in attesa, l’era anmò el granee,
in truscia de accettà quèll òr prezios.
Arent, taccaa, gh’era poeu el melgon,
verd sberlusent sòtta de on sô sbarlaa;
de chì a settember de sòlit gran sbroffon
fin al moment de vèss ben ben tosaa.
El giald col verd mudava dent el bloeu
e on ciel de mar quattava l’orizzont.
Ross popolann scisciava on furb bisoeu,
coi moneghètt celèst faseva el sò confront.
Pussee de là tanti beritt in strusa:
quèll praa verdusc pareva on cossinètt
pien de guggitt pontaa lì a la rinfusa
anmò incroppaa i cozzinn cont el bianchètt.
L’andava de pittura ona quai fata:
quand la veduda de noeuv nuanz smaggiava
svèlta la rimirava el laorà tròppa beata…
Gh’era on’ingermadura che imbrojava…
Trii vègg paisann inquiètt el ciel sperlava,
usmava l’aria compagn di can sauss.
Passava arent el vent con la soa bava
e se s’giaccava fòrt veder e uss.
On negher pedrioeu in lontananza
‘me on bicocchin che ‘l faga giò l’ascètta,
pirlava in vortis senza pù creanza,
menava gramm con la soa pirolètta.
100
Cavallo a dondolo
Tutti i colori gettati in un attimo,
barattoli di vernice versate con tanta rabbia
sopra questi campi, all’erta ma impotenti:
i semenzai si trasformavano in sabbia.
Senza colore le lacrime dei contadini
con i visi abbronzati che adesso diventano pallidi.
Ecco l’arcobaleno in cielo dietro le tendine.
Di tanti colori perduti magro conforto.
101
Cavall de scòcca
Tutt’ i color traa foeura in d’on moment,
tòll de vernis versaa con tanta rabbia
sora ‘sti camp, a l’èrta ma impotent:
mudava i someneri in vana sabbia.
Senza de tinta i lacrim di badinn
coi volt bronzaa che adèss vegneva smòrt.
Ecco la stria in ciel dedree i tendinn.
Di tant color perduu magher confort.
102
Cavallo a dondolo
Città piccolina- città grande
(ottobre 2017 – diario di una scappata al mare)
“Trieste” città aperta, liberata.
Il Signor Vento che fa spalancare le porte
apre la mente e vi soffia dentro ricordi:
un’antica storia di uomini di valore.
Quel caro poeta, Umberto Saba,
che qui respirava un’ “aria tormentosa”,
nonostante una “scontrosa grazia”
lodava la sua città con passione.
Là dove nasci, lì restano le radici.
Si spreca fiato in cerca di confronti
l’affetto inquina il tuo giudizio,
pareggia dentro il cuore pregi e difetti.
Al primo momento in questa enorme piazza,
circondata da pietra bianca e pulita,
mi viene da dire “ Questa è la camicia
che vorrei indossare tutte le mattine”
Lontana Milano sdraiata sulla Pianura,
monotona, stantia, umidiccia,
stretta fra piccole strade storte e case ingrigite
tranne il Duomo, sempre pulito a pezzi…
Il vento con sferzate pulisce il cielo.
Annuso l’aria: aroma di caffè…
Mi pare di essere un’orfanella dei miei profumi:
fragranza di michette…che nostalgia!
Davanti a me c’è il mare, c’è la speranza:
porto di arrivi e di tante partenze.
Anche Milano è porto, ricovero, pane
per la voglia affamata di chi cerca opportunità.
103
Cavall de scòcca
CITTÀ PISCININA…CITTÀ GRANDA
(ottober 2017 – diùtel de ona scappada al mar)
“Trièste” città avèrta, liberada.
El Scior Ventura che sbaratta i pòrt
derviss la ment e dent boffa memòri:
antiga stòria de òmen de cartèll.
Quèll car poètta de l’Umbèrto Saba,
che chì fiadava “ aria tormentosa”,
amalasant ona “scontrosa grazia”
la soa città ‘l lodava con passion.
In doe te nasset, lì rèsta i radis.
Se tra via el fiaa in cerca de confront:
bastarda l’affezion el tò giudizzi,
impatta dent el coeur prègi e magagn.
De bòtta salda in ‘sto pasquee spazios,
de bianca e nètta prèia contornaa,
me ven de dì: “L’è questa la camisa
che voraria vestì tutt’i mattinn”
Lontan Milan sternii sora la Piana,
monòtona, magòlcia, masarada,
storgiuu fra vicol stòrt e i cà grisaa
asca del Dòmm, semper sguraa a tocchèi…
Svargèlla el vent e monda tutt’el ciel.
Nasi quest’aria: aròma de cafè…
Di mè taffiad mì pari ona Stellina:
fragranza de michètt…che nostalgia!
Denanz a mì gh’è ‘l mar, gh’è la speranza:
pòrt de traguard e de tanti partenz.
Anca Milan l’è pòrt, ricòver, pan
per la sgagnosa in cerca de occasion.
104
Cavallo a dondolo
Anche senza mare noi sappiamo condurre la barca…
odore di gente frettolosa ad ogni ora.
Sembra piccina Milano ma è una grande botte
dove si conserva vino di qualità.
105
Cavall de scòcca
Anch senza mar numm sèmm menà la barca…
Odor de gent in prèssa a tutt’i or.
Par piscinin Milan ma l’è on vassèll
in doe se imboteja on vin de qualità.
106
Cavallo a dondolo
Berlino 2017 (dicembre 2017)
Dicono tutti che il mondo è un gran paese…
allora ve la racconto in milanese!
Vado a zonzo per Berlino a naso all’aria.
Ripasso un po’ si storia dell’altro ieri
e intanto vado sulle tracce di un grande passato
ricostruito per una nuova gloria.
Il cantiere è ancora aperto, sempre attivo,
dopo le bombe che hanno attraversato, tagliandolo, il suo cielo.
La guerra era passata ma la fame restava:
pane da guadagnare faticosamente per i vinti…pane raffermo anche per i vincitori
che si sono divisi una torta non più integra.
Le maniche tirate su oltre i gomiti (per darsi da fare – ndr),
un po’ d’aiuto da fuori e la speranza:
apriva gli occhi tutta la gioventù.
Hanno eretto un muro di calce e di paura
contro la fuga dalla mediocrità
argine tardivo contro la conoscenza
di un’altra società pronta da vivere.
Un freno a mano tirato senza discernimento,
un testa-coda sicuro sul ghiaccio.
Cerco le sue tracce vicino ad un ponte rossastro.
Dietro l’angolo incontro tre ragazzotti.
Loro, messi insieme, non fanno la mia età.
Occhi vivaci, neri e profondi come il mare,
quel mare lontano che lambisce la loro terra,
terra bruciata, terra degli antenati.
107
Cavall de scòcca
Berlin 2017 (dicember 2017)
Disen che tutt’el mond l’è on gran paes…
allora ve la cunti in milanes!
Zonzòni per Berlin a nas alari.
Ripassi on poo de stòria de l’altrer
in cerca di pedann d’on grand passaa
faa sù de noeuv per ona noeuva glòria.
L’è avèrt anmò ‘l cantier, semper attiv,
dòpo di bomb che gh’hann sferlaa el sò ciel.
Guèrra passada ma la famm restava:
pan di sètt crost ai vint … pòss ai vincent
che s’hinn spartii ‘na torta spettasciada.
I manich tiraa sù oltra del gombet,
on poo d’aiutt de foeura e la speranza:
derviva i oeugg tutta la gioventù.
Hann faa sù ‘n mur de mòlta e de paura
contra la fuga de la mediocrità
argin tardiv contra la conoscenza
de on’altra società pronta de viv.
On fren a man tiraa senza giudizzi,
on tèsta-coa sicur de sora al giazz
Cerchi i sò sègn arent al pont rossusc.
Dedree ‘n canton incontri trii fiolòtt.
Lor, miss insèma, fann minga la mia età.
De sbirr i oeugg, negher e fond ‘me’l mar,
quèll mar lontan che tocca la soa tèrra,
tèrra brusada, tèrra di vègg de cà.
108
Cavallo a dondolo
In mostra sulla bancarella hanno pezzi di muro,
piastrelline dipinte e un po’ sbocconcellate,
bugiardo emblema di una storia vera.
Cosa importa a loro del muro?
Quando sono arrivati la porta era aperta,
hanno trovato pane intriso di tolleranza.
Stringo forte in pugno quel mattoncino
tanto che si sbriciola come sabbia
e se ne va con la triste utopia
di proprietà condivise e di uguaglianza.
Santa omelia sentita già in chiesa…
parole di carta eternamente tradite.
109
Cavall de scòcca
In mostra su ‘n banchètt gh’hann tòcch de mur,
quadrèi pittaa e on poo desbirolaa,
bosard emblèma de ‘na stòria vera.
Cosa ghe n’infa a lor de la murèlla?
Quand ch’hinn rivaa la pòrta l’era avèrta,
hann trovaa pan mojaa de tolleranza.
Le strengi fòrt in pugn quèll medonin
talment che se sfreguja come rèna
e scappa via con la trista utopia
de proprietà spartii e de ugualianza.
Sant’omelia sentida giamò in gesa…
Paròll de carta eternament tradii.
110
Cavallo a dondolo
Grandinata
(Montegrino 6 maggio 2018)
Nuvola nera
Annuncio di grandine
Acquazzone spavaldo
Inferno di ghiaccio
Getto di vomito. Aria fredda
Stupro ingiurioso
Le foglie che cadono
Torna di nuovo il Regio Autunno
Ossequio estorto
Senza difesa
Noce e nocciolo si denudano
Potati con la forza
Ramo spezzato
Nidiate perse nelle siepi
Cinguettio spento
Terra ghiaiosa
Bianca e scivolosa
Muto fantasma
111
Cavall de scòcca
Tempèsta
(Montegrin 6 magg 2018)
Nivola negra.
Nonzi de la tempèsta.
Sluscia ruffalda.
De giazz infèrna.
Sbilz de traa sù. Freggiura.
Stupri ingiurios.
I foeuj che cròda.
Torna de noeuv Real Autunn.
Ossèqui streppaa.
Senza difesa.
Nos e niscioeul se sbiòtta.
Scalvaa de fòrza.
Bròcca s’ceppada.
Niad perduu dedent i sces.
Ci-ci-cipp smorzaa.
Tèrra gerada.
Bianca e scarlighenta.
Mutta giubbiana.
112
Cavallo a dondolo
Arcumeggia (ogni estate)
Dentro questi cortili, rasente a questi muri
dicono i vecchi che sfilava una processione
di gente devota alla Santa Vergine,
(gente) che lì seduta, in punta di sedia,
oppure in piedi o addirittura in ginocchio,
mangiava con gli occhi questi suoi ritratti,
affrescati, in ogni angolo del paese,
celesti i veli e i mantelli scarlatti.
Tanti se li sono mangiati due guerre ingorde,
troppi hanno cercato lontano donne e fortune.
Di certo nessuno è sordo di fronte ad un miglioramento:
pochi sono restati a riempire le culle.
Poco per volta si sbriciolavano senza attenzioni
le Madonnine di pietra nei ritratti;
orfani quei muri degli antichi dipinti
si offrono pronti ad un nuovo progetto.
Arrivano da tutte le parti pittori famosi
che impregnano di colore e immagini,
in una gara con la bellezza del panorama,
ogni vicolo, ogni pezzetto di muro;
opere in gran quantità, così, all’aperto
che chiunque, se vuole, può apprezzare
e che trattiene come una catena
il forestiero che qui verrà in gita.
Se brillerà il sole oppure ci sarà pioggia
piacevole sarà la sua giornata:
lo renderà ricco una nuova esperienza
di tradizione rivisitata dall’arte.
Tra le strette viuzze è tutto un saliscendi
che stimolerà sicuramente il suo appetito:
con buona gloria soddisferanno il suo piacere …
un risottino e un paio di salamini.
113
Cavall de scòcca
Arcumeggia (ògni estaa)
Dedent ‘sti cort, arent a ‘sta murèlla
disen i vègg che gh’era cattabrega
di gent devòtt a Santa Verginèlla,
che lì settaa, in ponta de cadrega,
oppur in pee ò fin in genoggion,
mangiaven cont i oeugg chì sò ritratt,
frèsch de pittura, in qualsesia canton,
celèst i vèll e i palandrann scarlatt.
Tanti j ha gaioffaa dò guèrr ingord,
tròpp hann cercaa lontan dònn e fortunn.
De cèrt nissun a l’andà mèj l’è sord:
pòcch hinn restaa per impienì i sò cunn.
Pian pian se sfregujaven senza cura
i Madoninn de prèia in di quadrètt;
òrfen i mur de la vèggia pittura
se offrissen prònti vèrs on noeuv progètt.
Riva de tutt’i part pennèi de fama
che imprègna de color e de figur,
in bèlla gara cont el panorama,
ògni streccioeura, ògni tocchèll de mur;
òper a mòtt, inscì, a la serèna
che chissessia, se voeur, je pò apprezzà
e che trattègn, compagn de ‘na cadèna,
el forestee che in gita vègnarà.
Se sbarlusiss el sô oppur gh’è pioeuva
piasévera sarà la soa giornada:
le farà ricch on’esperienza noeuva
de tradizion da l’arte inzipriada.
Tra i vicol strètt l’è tutt on alzapè
che guzzarà sicura el sò petitt:
con bòna glòria scodarà el piasè…
on risottin e duu bèi salamitt.
114
Cavallo a dondolo
L’ora più incantata è quella del tramonto
che avvolge nella bambagia tutto il paese.
A questo silenzio fa da contrappunto
un sordo rintocco, ovattato, che viene da oltre le siepi.
Pare la campanella del sacrestano
che invita i devoti alla preghiera.
Per gli agnostici o per i fatalisti…
il suono di un brindisi con il barbera.
115
Cavall de scòcca
L’ora pussee ingermada l’è’l tramont
che involtia in del bombas tutt’el paes.
A ‘sto silenzi ghe fa de contrapont
on sord reciòcch, smorzaa, che’l vègn di sces.
El par la campanèlla del secrista
che ciama i gent devòtt a la preghiera.
Per quèll agnòstich oppur fatalista…
on brindes levaa sù cont el barbera.
116
Cavallo a dondolo
Cima Croz – giugno 2018
E’ passato il tempo, la “gamba” non va,
l’arrampicata troppo ambiziosetta.
Un occhio a terra, per non inciampare,
fisso verso la cima l’altro, alla meta.
Sulla salita sbuffo come un drago.
Mi sorpassa una comitiva:
“ Bon jour, good morning, guten tag”
con un sorriso inghiottisco amaro.
Mi prende in un attimo una piccola nostalgia
per la mia calma casa, le sue comodità,
per quel grigio tran tran senza muovere il sedere
e per la rabbia lancio maledizioni.
………………………………………………………………
Rumore leggero di ghiaia infida,
l’eco del torrente rimanda il suo suono togliendogli potenza,
in valle risuona un muggito…
che giorno è questo senza l’impazienza?
Nuvole biancastre accarezzano le cime imponenti,
ombre violacee abbracciano i loro strapiombi,
riempiono di panna i profondi canaloni:
della felicità trovo qui il bandolo della matassa.
Pian pianino avvolgo il mio gomitolo
di dolci ricordi e gioie dimenticate.
Ho nel cuore il candore dell’agnello
perfino i miei pensieri più neri paiono sbiancati.
In bilico su di una pietra millenaria
tanto azzoppata da pioggia vento e gelo
mi sento con orgoglio comprimaria
perché plasmata dallo stesso artista.
L’anima mia come una spugna
assorbe golosa tutta questa bellezza,
nonostante la strada sia lunga…
le vado incontro piena di felicità.
117
Cavall de scòcca
Scima Cròz – giugn 2018
L’è passaa el temp, la “gamba” la va nò,
la rampegada tròpp ambiziosètta.
On oeugg a tèrra, per minga borlà giò,
fiss a la scima l’alter, vèrs la mètta.
Sù la salida sbanfi come on dragh.
Passa denanz a mì ‘na comitiva:
“Bon jour, good morning, guten tag”…
cont on sorris mì mandi giò saliva.
Me ciappa sù in d’on bòtt on magonin
per la mia quiètta cà, i sò servizzi,
quèll gris trantran senza spostà ‘l sesin
e per la rabbia tiri malefizzi.
………………………………………………….
Frecass discrètt de gera malfidada,
l’ècco del rè indree ghe toeu potenza,
in de la vall reciòcca ‘na mugnada…
che dì l’è quèst senza de impazienza?
Nivol biancusc carèzza i scimm badiai,
ombrii mòrèll i sò strapiomb je brascia,
de pànera impieniss quèi gran canai:
de la felicità troeuvi, chì, l’ascia.
Liron liran foo sù el mè remissèll
de dolz memòri e giòi desmentegaa.
Gh’hoo in coeur la candidèzza de l’agnèll
fina i mè tenc cuntee paren sbiancaa.
In giudes sù ‘na prèia millenaria
de pioeuva, vent e giazz assee s’cincada
me senti cont orgòli comprimaria
perchè ‘l medèmm artista m’ha plasmada.
L’anima mia compagna de ‘na sponga
sorbiss leccarda tutta ‘sta bellèzza,
amalasant la strada la sia longa…
contra ghe voo pièna de contentèzza.

VI
capitolo
In fin de la fera
elogio della lingua
120
Cavallo a dondolo
Resurrezione
Pallida. Morta. Almeno così sembra.
Sdraiata, moscia, immobile, malridotta.
La bocca secca, vuota delle sue chiacchiere.
Carta stampata l’ultima sua casa,
scomodo giaciglio di pagine stropicciate.
Di tutte le labbra che aveva baciato
soltanto qualcuno adesso ricorda
l’eleganza di parole varie
che mischiavano ironia e malizia,
che i giovani imbruttiti non conoscono.
“Vecchia” le hanno detto con disprezzo questi scavezzacollo.
“ Aggiornati con il mondo che va avanti,
abbandona le scempiaggini nostalgiche
che hanno fatto soffrire beghine e ipocriti.
Torna giovane, genuina, pungente!”
E lei s’è offerta a questa novità,
completamente spogliata da inutili sovrastrutture,
con la speranza di respirare di nuovo
ma l’hanno storpiata senza vergogna,
le hanno fatto violenza già nei concetti basilari.
Appannata forse, morta nemmeno un po’!
La nebbia si dirada. Spunta il sole.
Ci sono tanti amanti che sono ancora innamorati persi
di questa nostra lingua milanese
e allora presto sarà resurrezione!
121
Cavall de scòcca
Resurrezion
Sbiavida. Mòrta. Almanch inscì la par.
Sternida, flòssa, fissa, sderenada.
Sècca la bocca, voeuia di tappèll.
Carta inciostrada l’ultima soa cà,
scòmod lettusc de pagin spegasciaa.
De tutt’i laver che basaa l’aveva
domà quaivun adèss el se regòrda
de l’eleganza di assortii paròll
che l’ironia mes’ciava con malizia,
che i giovin imbruttii minga je sann.
“Vèggia” gh’hann dii con sprèzz ‘sti scorlacoo.
“Mèttes in pari cont el mond che crèss,
bandòna i cilappad de nostalgia
che hann faa dorì beghinn e stortacòll.
Torna pivèlla, s’ciassera, bisienta!”
Lee la s’è offerta a quèsta noità,
biòtta biottenta d’inutil princisbècch,
con la speranza de fiadà de noeuv
ma l’hann struppiada senza de vergògna,
gh’hann faa violenza già in di fondament.
Sbiavida fòrsi, mòrta nanca on poo!
La nèbbia la srariss. Gh’è foeura el sô.
Tanti moros gh’è anmò ch’hinn còtt strasii
de quèsta nòstra lengua milanesa
e allora prèst sarà resurrezion!


Vuoi scaricare quest’opera ? Cliccami

Share Button
1 Comment
  • 14 Marzo 2019

    Your web site has excellent web content. I bookmarked the site

© 2019 Gliacquerellidigilardoni. Tutti i diritti ed anche tutti i rovesci sono riservati. COPYRIGHT and COPYLEFT